March Madness 2019

  • 18/03/2019

    #12 Murray State, Morant one man show

    Murray State è Ja Morant. Il playmaker, destinato ormai all'Nba, ha trascinato i suoi ad una stagione da urlo e si candidano ad essere una mina vagante.

  • 18/03/2019

    #12 Oregon, la vera mina vagante

    I Ducks dopo una stagione deludente si sono svegliati a marzo: vittoria del Torneo della Pac12 e biglietto per la Big Dance dove saranno una mina vagante

  • 18/03/2019

    #11 Ohio State e la forza di Kaleb Wesson

    Tutto ruota attorno al centro al secondo anno Kaleb Wesson, 206 cm per 122 kg. Dalle sue prestazioni dipendono gli equilibri dell'attacco dei Buckeyes

  • 18/03/2019

    #11 Belmont, operazione Cinderella

    A sorpresa nel tabellone della Big Dance, Belmont si candida ad essere la Cinderella per via del Regional morbido dato a Duke. Deve, però passare le First Four.

  • 18/03/2019

    #11 Temple sulle ali dell’entusiasmo

    Temple ha fatto un'ottima regular season. Ora, grazie a Shizz Alston Jr., sono pronti a giocarsi le proprie chances nella March Madness

  • 18/03/2019

    #11 St. John’s in cerca di redenzione

    Ha raccolto meno del previsto ma è giunta doveva voleva arrivare, al Torneo NCAA. Occhi puntati su Shamorie Ponds in cerca del suo "one shining moment".

  • 18/03/2019

    #11 Saint Mary’s, la sorpresa della WCC

    La partita perfetta contro Gonzaga li ha riportati alla Big Dance. Ritmo basso, difesa e Australia le solite chiavi dei Gaels.

  • 18/03/2019

    #11 L’imprevedibile Arizona State

    È la squadra più imprevedibile del Torneo capace di vincere contro chiunque con un gioco esaltante fatto di triple e transizione. Pronti a scommetterci su?

  • 18/03/2019

    #10 Florida e l’enigma Jalen Hudson

    Alla ricerca del loro tiratore perduto, i Gators arrivano al torneo con poche certezze e un grosso buco in mezzo all'area.

  • 18/03/2019

    #10 Minnesota, la normalità al potere

    Nessuna vittoria importante ma anche nessuna sconfitta che brucia. Minnesota è riuscita a rimanere a galla nella Big Ten. E ora si affida a Coffey e Murphy

Page 9 of 16