Quote by Day 8, la Top Ten delle migliori giocate

Dopo quattro anni, Michigan State e Tom Izzo tornano alle Final Four e lo fanno mandando a casa la Duke di Zion Williamson. Per Auburn, invece, sarà la prima Final Four della sua storia e ci arriva meritatamente perché, dopo averla sfangata contro New Mexico State, ha messo in fila Kansas, North Carolina e Kentucky all’overtime. Per questo, celebriamo i dolci ritorni e le indimenticabili prime volte con la nostra Top Ten.

10) Era mancato nei primi due turni a Kentucky, contro Auburn PJ Washington ha giocato una partita stoica fatta di 28 punti e 13 rimbalzi. Qua segna una tripla favolosa con la mano in faccia del difensore in un momento bollente della partita.

 

9) Stessa partita, attimi successivi alla tripla di Washington. Keldon Johnson penetra e vede le ambizioni di rimonta e di Final Four schiantarsi contro una stoppata di Anfernee McLemore.

 

8) A Zion basta poco tempo e spazio per stoppare.

 

7) Malik Dunbar sa come fermare gli attaccanti in transizione.

 

6) Xavier Tillman un uomo al comando in contropiede.

 

5) Washington si divora il ferro in un’azione perfetta di Kentucky. Dalla rubata di Johnson, all’assist di Quickley fino al salto di PJ.

 

4) Classic Zion. La perfetta definizione di tempismo racchiusa in una clip.

 

3) Matt McQuaid sa come sorprendere avversari e tifosi. Già lo scorso anno mise una tripla senza senso in controtempo contro Syracuse, ora si inventa questo giro.

 

2) Schema semplice in un possesso decisivo. La non difesa di Duke aiuta molto, ma Kenny Goins ha il ghiaccio nelle vene.

 

1) L’atletismo di Keldon Johnson è ciò che lo sta rendendo così appetibile in ambito Nba. Qui dimostra una facilità sconcertante nello spiccare il volo verso il canestro e una gran cattiveria nel mettere dentro la palla.