Quote by Gonzaga University and its secrets

In the early 2000s Riccardo Fois was with the national team together with Datome, Gallinari and Hackett. Today, at 30 years of age and after a “diversely fortunate” (in his own words) playing career, he is an assistant coach at Gonzaga, one of the winningest colleges in Ncaa history. When Fois talks about the university of Spokane, a city in the eastern part of the State of Washington, very close to the Idaho border, it seems like he is talking about a heavenly place where high level basketball and humanity go hand in hand.

He spoke to BasketballNcaa about his life, told a few anecdotes, he shared his thoughts about the Italians in the Ncaa and handed a few opinions on the current season, including on players.

Riccardo, let’s start with how you ended up in college.

Well, I’ve always been playing basketball. I was born in 1987 and was part of the Under 16 National Team with Gallinari, Hacket and Datome.

Are you still in touch with them?

Yes, with all of them. Datome and I grew up together in Olbia, we attended the same school, we did everything together from high school onward. When he played in Nba we could talk more often, but I keep in touch with all of them.

How did you end up at Gonzaga?

Once out of the junior sector I played in the Italian Serie B, at Osimo and Firenze, but if I had to put it mildly I’d say my career was diversely fortunate. That’s when I realized that Italian basketball was going south. Then they changed the standards for professional players in the Italian Minors, and I decided to try my luck in the USA, since I had already been there as a player.

Ncaa basketball - Riccardo Fois - Gonzaga

Riccardo Fois – Gonzaga

Where?

Pepperdine University, in the 2007-08 season. Five years later I went back there. Coach Marty Wilson (current head coach, Ed.) was still there and he gave me the chance to be part of the coaching staff. I took a position as graduate manager. At the time, I also worked for Nbadraftnet and used to go around the world to scout Under-16 and Under-18 tournament.

How did you go from California to Spokane?

Well, that’s a funny story.

Do tell, please.

I was in Dallas during the 2014 Final Four weekend (that’s the Final Four where coach Kevin Ollie led Uconn to the title over Kentucky in his first year as head coach there, Ed.).

Were you working there?

No, I was there with a few friends to enjoy the event. By chance, I met Tommy Loyd, associate head coach at Gonzaga. While talking about European basketball, he told me that Domantas Sabonis would have played for the Bulldogs. Some time later, I told the story to a friend, who wrote it on Twitter. That was the first time I experienced the viral power of social media. In a few hours it was all over the world. I hadn’t even paid attention to it, I had forgotten. That evening I found Loyd waiting for me at the hotel, in front of the elevator.

Ouch. Was he angry?

To him, it was obvious who had let that slip, but he was not that angry. Actually, that episode probably allowed us to better know each other, to have a good laugh and become friends. Let’s say that I learned my lesson: it’s better to keep my mouth shut, even when I’m with friends.

And how did you go from this to joining the coaching staff at Gonzaga?

At the time I was going through the interview process to join the Cleveland Cavaliers coaching staff and Loyd knew it. In September I got to the last stage of the selection, but then they chose someone else. When Tommy learned that I had not got in, he offered me to join him at Gonzaga. They confirmed my after my first year, I guess that means it didn’t go that bad. [laughs]

Ncaa basketball - Mark Few e sulla sua destra (dietro di lui) Tommy Lloyd - Gonzaga

Mark Few and his staff

Do you have a specific role as an assistant?

Coach Mark Few keeps a small staff, that includes him and six other people. Tasks are different from year to year. I usually take care of statistics, analytics, videos, player development, and finding specific area of improvement for the whole team.

Are you active in the recruiting process as well?

The Ncaa rules forbid me to talk directly to players, but I can make suggestions.

Do you enjoy your role?

Definitely. I was very lucky to get here. Coach Few is very open, more like [San Antonio Spurs head coach) Popovich. A kid that can play basketball is more important to him than a super athlete or a super specialist. That is why I believe we are a kind of college that teaches how to play a more European style. We look for complete players and focus on “skilled” power forwards, the kind of player that is very common in Europe.

How is life in Spokane?

It’s like being part of a family. I like a few hundred meters from the campus, it’s all about my job right now. And then there’s the Downtown to spend a day off. Most of the people here go to the lake, even coach Few has a house on the Idaho Lake and sometimes he invites us to his place. For a Sardinian native, the lake isn’t that great but I can’t complain.

The way you describe it, it seems like a happy community.

It is. The loyalty of the fans is incredible. The gym is always sold out (6,000 seats, Ed.), whether it’s snowing or storming. All the players that have been here, Pangos, Sacre, Olynyk, Sabonis, come back in here every summer to spend some time in the neighborhoods. The Gonzaga legacy is something that will stay with you. And then, you have to consider that college means private flights for road games and 5-stars hotels. You have everything you need and then some. Players and coaching staff are taken care of.

Ncaa basketball - Gonzaga University

Gonzaga University

There must be some kind of negative.

The good and the bad is that there are endless ways to think about basketball. It is beautiful because these differences force you to think of new ways to prepare every game.

And the bad?

There are styles that are part of an older era. Sometimes I have the feeling that a few coaches and staffs are not as up to date as it would seem obvious to.

Mind to offer an example?

Princeton and the proverbial Pinceton offense. The ideas do work. But I also think of a player who has to execute that kind of offense for 40 minutes, and if I was in his shoes, I think it would probably be too much.

Other negatives?

The season is all about the Final Four and the title. It’s not like in football, where every game is worth something, where the regular season is just as important. In here, it’s like if you did not reach the Final Four it was all worthless. Sometimes they tell us “isn’t it bothering you never made the Final Four?”. Of course it is. But since I got here, three years ago, we lost a grand total of 11 games.

I’ll be that guy who says Gonzaga plays in a weaker conference.

Fair enough, but 18 consecutive conference titles are no joke, even in a weaker conference. When other teams play us, they play their best. There are teams that would consider their season as a positive if they win against us.

Have you ever thought about switching conference?

The biggest problem with that is that we have no football team. It is hard to be admitted to a conference like the Pac-12 without it. There are conferences like the Mountain West that do accept application from universities that only have basketball, but it would not be that big of a jump. Another idea that had been discussed was a sort of “Western Big East” that would include colleges like Creighton, Saint Mary’s or Wichita State. But it’s all talks, at least for now. But being part of a more balanced conference with better media coverage has a few advantages even in the recruiting part.

Gonzaga vs Saint Mary's

Gonzaga vs Saint Mary’s

Speaking of Saint Mary’s, you won quite easily against your best opponent. Is this game more felt than others?

Not more than the others. Sure, winning at home is important.

What’s your opinion of their team?

It’s a very well coached team, we are kind of similar. They have a strong focus on foreign recruiting as well, their connection with Australia is very solid. It made us a bit nervous before the game. We were #5 in the ranking, still undefeated, expectations were high.

And after that win you reached #4 in the ranking. Are these expectations a positive or a negative?

Wins help the team’s and player’s confidence, help building a winning culture. But there’s no drama in a loss. Two years ago we had a super team with plenty of experience and we lost the last game in regular season against BYU. That loss was a good thing for us, and we played a great Ncaa tournament, losing in the Elite Eight against Duke (who went on to win the title). It feels good to be 17-0 and undefeated, but there’s some good in losses as well.

Gonzaga played very well against Saint Mary’s.

We are 17-0 and we are happy about that, but if I had to be honest I’d tell you we are not playing our best basketball yet. We were not expecting freshmen Zach Collins and Killian Tillie to be this ready, nor Silas Melson improving so much from year to another. We still have plenty of room to grow.

Which player at roster is not talked that much about and will break through in the near future?

I have no doubts it will be Rui Hachimura. If we weren’t 17-0 he would have had more minutes.

How good is he?

I’ll tell you that… well, I don’t want to overhype it, but he is 6-6 and has a huge wingspan. Considering his body, it seems like he dances on the floor, and the way he moves he might remind of Giannis Antetokounmpo. Japan finished 14th at the 2014 Wold Cup but he was the top scorer of the tournament and averaged 22.6 points, 6.6 rebounds and 1.7 blocks per game. Unbelievable.

Ncaa basketball - Rui Hachimura - Gonzaga

Rui Hachimura – Gonzaga

How would you describe Gonzaga’s playing style?

As a staff, we change a lot from game to game. We change 10 different plays every game.

Before every game?

Yes, that’s why we need smart players. We have a general group of plays and we add variations and wrinkles to each of them accordingly. For example, prior the the Saint Mary’s game we added 5 new plays. This also helps understand what kind of player we have, their abilities to adjust to a new play. That’s why Sabonis was part of the starting five right away.

Why?

Because he is so smart. If you tell him “you do this, then move there and do this other thing”, the following possession he steps on the court and does exactly what he’s been told to do. That’s something coach Billy Donovan immediately loved.

Let’s talk about the Italians in the Ncaa.

We wanted to recruit Mussini for Gonzaga, we were intrigued, but he made his own choice.

Was it a good choice?

He chose to play in a strong conference and be part of a strong tradition. He is very competitive.

The others?

I keep a good eye on De Nicolao. He made a different choice, not as cool, more people-friendly, but it’s still a competitive conference.

What about Akele and Rhode Island?

He is developing into a very good role player who can do the right thing at the right time. Maybe that kind of player would do better in a more talented team, where he can be the fifth player on the court and do his job.

What about the others? Vercellino? Oliva? Da Campo? Ulaneo?

I’m not as up to date on them. I watched Vercellino earlier in the year and it looked like he was doing well, but I noticed his minutes are going down. Oliva is injured but I kept an eye on him last year, if he had to return without consequences he can do well. I believe Ulaneo has been doing well, while Da Campo is struggling to find playing time, but I can’t tell you much more than that.

Which team, in your opinion, is playing the best basketball?

I have great respect for Villanova and coach Jay Wright. They really do things well. They recruit only a few players, but they are the right one. They talk on defense, they move the ball. They really do nothing wrong.

Others?

UCLA seems to have found the right formula. I also have to admit I was not a big fan of Lonzo Ball, but he made me change my mind. We played Washington recently and I had the chance to have a good look at Markelle Fultz, but I think Ball is better.

Before talking about the players, what other teams impressed you so far?

I think that, as incredible as it might sound, Kentucky is underrated. This season their offense is different, they are looser. And I thought Adebayo was the usual center who got there because of his physical tools, but he is more than that.

Ncaa basketball - Bam Adebayo - Kentucky

 Bam Adebayo – Kentucky

Anything else?

Well, Florida State is very talented and very athletic. I think it might be a surprise. But it’s too easy to say that now, I should have said that 3 months ago [laughs]

Speaking of surprises, what do you think of Baylor?

We did play a preseason game against them and it was a tie. I was aware of how good we are, and after the game I told myself “either we are not that good, or they will be much better than what people think”.

Which team might be the hardest to play for Gonzaga?

Kentucky and Duke, obviously. They have few and simple plays, but everything works to perfection. People rarely understands how good is coach K at keeping things simple. And they are devilishly good at getting to the free-throw line.

Are you being critic?

No. Seriously. It’s a skill. We don’t get to the free-throw line as much as we should or could. But now that I think of it, there is one team that I really wouldn’t like to play.

Which one?

West Virginia. It’s a crazy team, in a good sense. You can play them only if you beat their pressing and keep your scoring momentum. The first easy layup you miss, they feel energized. And if they get into your head, you are toast.

Let’s talk about the players. You shared your thoughts on Ball and Adebayo, who else impressed you so far?

Well, Luke Kennard is amazing. And I like Josh Hart as well. I don’t know if he will have an Nba career, but if he couldn’t make it, he is ready to play in Europe right away. He has everything to be great.

About Saint Mary’s, Jock Lansdale is having a great season.

Well, he is a good player, but the Gels’s system is really great. They are very accurate in their spacing and that makes their center better. It happened in the past with other Saint Mary’s centers, like Waldow. It is hard to project these players outside of their system.

Just for fun, context and team don’t matter. You are an Nba GM and you have the first round pick. What’s your choice?

Today I would say Lonzo Ball, he seems the kind of player who can change the whole franchise. At the end of the day, Nba teams chose players that either bring what they are lacking, be it shooting or rebounding, or they look for those players who can change the whole franchise. I think he is the latter.

Ncaa basketball - Dennis Smith Jr - Nc State

Dennis Smith Jr – Nc State

Let’s roll with a few other names.

I would say Markelle Fultz or Dennis Smith Jr.

Dennis Smith’s performances were perplexing to a few of us here at BN.

Yes, it might be that he did not handle a few in-game situations as well as he might have, but I have been keeping an eye on him since high school, before the injury, and he is unbelievable.

A player that does not seem that good right now but might be truly good in the future?

Florida State’s Jonathan Isaac. I’m not that impressed right now, but in three years he look like a less talented version of Kevin Durant.

Your thoughts Duke’s Jayson Tatum?

I’m not that high on him. He is good, but not as explosive as I think an Nba All-Star should be.

Last question, where do you see yourself in a few years?

My goal is to be a head coach. I’m working hard to get there.

 

Quote by Tutti i segreti di Gonzaga University

Nei primi anni 2000 giocava con Datome, Gallinari e Hackett in nazionale, mentre oggi, dopo una carriera cestistica “con fortune alterne” (come la definisce lui), è assistente allenatore a Gonzaga, uno dei college più vincenti della storia del basket Ncaa. Adesso, a 30 anni, Riccardo Fois quando parla dell’università di Spokane, cittadina che si trova a est dello stato di Washington, quasi al confine con l’Idaho, descrive una realtà che sembra il paradiso, che unisce calore umano a una pallacanestro di altissimo livello. Nel suo racconto con BasketballNcaa la sua storia, alcuni aneddoti, i suoi pensieri sugli italiani in Ncaa e giudizi a 360 gradi sulla stagione in corso, giocatori compresi.

Riccardo, partiamo dall’inizio, come sei finito al college?
Intanto ho sempre giocato a basket. Sono un ’87 e ho fatto parte della Nazionale Under 16 insieme a Datome, Hackett e Gallinari.

Li senti ancora?
Sì con tutti. Con Datome sono proprio cresciuto insieme a Olbia, andavamo nella stessa scuola, dalle superiori abbiamo fatto tutto insieme. Quando giocava in Nba ed era qui in America ci sentivamo più spesso, ma in ogni caso tengo i contatti con tutti.

Torniamo a come sei finito a Gonzaga
Dopo le giovanili ho giocato a basket in serie B a Osimo e Firenze, ma per essere benevolo con me stesso direi “con fortune alterne”. A quel punto, guardandomi intorno, mi sono reso conto che il mondo del basket italiano stava prendendo una brutta piega. C’era stata la riforma delle Minors per mancanza di soldi, insomma ho deciso di provare l’avventura degli Stati Uniti, visto che ero già stato lì come giocatore.

Ncaa basketball - Riccardo Fois - Gonzaga

Riccardo Fois – Gonzaga

Dove?
A Pepperdine University, nella stagione 2007-2008. Così cinque anni dopo sono tornato, dove c’era ancora coach Marty Wilson (attuale capo allenatore, ndr) che mi ha dato l’opportunità di fare un’esperienza nello staff e sono stato graduate manager. Allora collaboravo anche con Nbadraftnet e andavo in giro per il mondo a seguire i tornei giovanili, dagli under 16 agli under 18.

E dalla California a Spokane come ci sei finito?
Beh se vogliamo è anche una storia divertente.

Sentiamola
Era il 2014 e mi trovavo a Dallas per le Final Four (quelle in cui Kevin Ollie al primo anno da coach portò Uconn al titolo contro Kentucky, ndr)

Eri lì per lavoro?
No, ero lì con degli amici per godermi l’evento e ho conosciuto per caso l’associated coach di Gonzaga Tommy Loyd. Parlando di basket europeo, mi disse che Domantas Sabonis avrebbe giocato con i Bulldogs. Poco dopo raccontai la notizia a un mio amico, il quale scrisse la news su Twitter e grazie al quale sperimentai il potere virale di internet. In poche ore la notizia aveva fatto il giro del mondo. Io comunque non ci avevo fatto caso, me n’ero persino dimenticato. Alla sera ho trovato Lloyd ad aspettarmi davanti all’ascensore in albergo.

Ahia, l’aveva presa bene?
Aveva capito perfettamente da chi era uscita la notizia, ma per fortuna non era così arrabbiato. Anzi, forse quella storia ci ha permesso di conoscerci meglio, di fare qualche risata e di diventare più amici. Diciamo che ho anche imparato subito la lezione: bisogna tenere la bocca chiusa anche con gli amici (ride)

Quindi ormai manca solo il pezzo che ti porta a Gonzaga 
Io a quel tempo stavo sostenendo dei colloqui per entrare nello staff dei Cleveland Cavaliers e lui lo sapeva. A settembre ero arrivato all’ultimo step prima dell’assunzione, ma alla fine scelsero un’altra persona. Quando Tommy seppe che non mi avevano preso mi offrì di provare a Gonzaga. Dopo un anno mi hanno confermato e quindi evidentemente non ho fatto così male (ride)

Ncaa basketball - Mark Few e sulla sua destra (dietro di lui) Tommy Lloyd - Gonzaga

Mark Few e sulla sua destra (dietro di lui) Tommy Lloyd – Gonzaga

Hai un compito particolare come assistente?
Quello di coach Mark Few è un piccolo staff, che oltre a lui comprende altre sei persone. I compiti variano a seconda dell’anno, io mi occupo in particolare di statistiche, analytics, video, sviluppo dei giocatori e individuazione di situazioni particolari in cui la squadra deve migliorare.

Ti occupi anche di recruiting?
Per le regole Ncaa non posso parlare direttamente con i giocatori, ma posso dare suggerimenti.

Ti trovi bene?
Più che bene. Ho avuto molta fortuna a finire qui. Few è un coach molto aperto, uno alla Popovich (che allena gli spurs in Nba). Per lui se un ragazzo sa giocare a basket vale più di un super atleta o di un super specialista. Tra l’altro proprio per questo penso che siamo un college che prepara a giocare all’europea. Cerchiamo giocatori completi e puntiamo molto anche sui 4 “skilled”, un tipo di giocatore che è più facile trovare in Europa.

Com’è vivere una realtà come Spokane?
Io mi trovo benissimo. Qui ho trovato una famiglia. Io vivo a 300 metri dal campus, la mia vita è attualmente incentrata sul lavoro. Poi c’è Downtown che è carina e offre qualche svago. Loro vanno al lago, anche coach Few ha una casa sul lago Idaho e ogni tanto ci ospita da lui. Certo, per un sardo andare al lago non è il massimo, ma non mi posso lamentare

Fai percepire il senso di una comunità felice
È così. Il senso di appartenenza dei tifosi è incredibile. Il palazzetto è costantemente sold out (6.000 spettatori, ndr) che ci sia la neve o la tempesta. D’estate tutti i giocatori che sono passati di qui, Pangos, Sacre, Olynyk o lo stesso Sabonis, tornano per passare del tempo in questi luoghi. La “legacy” di Gonzaga è qualcosa che ti entra dentro. A questo si aggiunge il fatto che il mondo collegiale vuol dire jet privati per le trasferte e alberghi a 5 stelle. Hai tutto e più di tutto. Sono coccolati sia i giocatori sia i membri dello staff.

Ncaa basketball - Gonzaga University

Gonzaga University

Ci sarà qualcosa che invece non va
Il bello e il brutto è che ci sono tantissimi modi di interpretare la pallacanestro. È bello perché questo crea alternanza e ti costringe a trovare sempre nuovi modi per preparare le partite

E il brutto?
Alcuni stili di gioco sono ancorati nel passato. Alcuni allenatori e alcuni staff ho la sensazione che siano rimasti indietro di qualche anno.

Un esempio?
Penso a Princeton e alla sua proverbiale Princeton offense, che utilizza concetti che funzionano. Ma penso a un giocatore che si trova a eseguire quel tipo di fase offensiva per 40 minuti, e se mi immedesimo penso che probabilmente sia un po’ pesante.

Altri aspetti negativi?
La stagione ruota tutta attorno alla Final Four e al titolo. Non è come nel football dove ogni partita ha un valore, dove la stagione regolare ha un valore. Qui se non arrivi alla Final Four sembra stato tutto inutile. A volte ci dicono “ma non vi pesa non essere mai stati a una F4?”. Certo che dispiace, certo che pesa. Ma da quando sono qui, ovvero 3 anni, abbiamo perso in totale 11 partite.

Faccio il cattivo e dico che però Gonzaga gioca in una conference più abbordabile
Ok ci sta, ma ribatto che vincere per 18 anni di fila nella tua conference non è facile. Quando giocano contro di noi giocano tutti alla morte. Per alcune squadre fare un risultato contro di noi equivale a parlare di stagione positiva.

Avete mai valutato di cambiare conference?
Il problema fondamentale è che non abbiamo una squadra di football. Senza di quella è difficile che una big conference come la Pac-12 accetti un’annessione. Ci sono conference come la Mountain West che accettano anche università che hanno solo il basket, ma non sarebbe un salto di qualità significativo. Un altro progetto di cui si è discusso è la creazione di una sorta di “Big East dell’ovest” cui oltre a noi potrebbero aderire Creighton, Saint Mary’s o Wichita State. Insomma, al momento non c’è nulla di concreto. Certo, appartenere a una conference con maggiore equilibrio e visibilità ha il suo peso in fase di reclutamento.

Gonzaga vs Saint Mary's

Gonzaga vs Saint Mary’s

A proposito di Saint Mary’s avete appena superato in maniera brillante la vostra avversaria più forte, è una partita sentita?
Non più delle altre. Certo, vincere in casa è stato importante.

Cosa pensi di loro?
È una squadra molto ben allenata, che per certi versi è simile a noi. Tra l’altro anche loro come noi reclutano molto all’estero. Loro hanno una forte connection con l’Australia ad esempio. C’era un po’ di pressione prima del match. Sai essere la numero 5 del ranking, non avere mai perso, le aspettative erano molto alte.

Intanto dopo la vittoria siete saliti alla 4 del ranking. Queste aspettative sono positive o negative?
Le vittorie danno consapevolezza, aiutano a costruire una cultura vincente. Ma nessun dramma per le sconfitte. Due anni fa avevamo una super squadra con grande esperienza e abbiamo perso l’ultima gara di stagione regolare in casa contro BYU. Quella sconfitta però ci fece bene e giocammo un torneo Ncaa molto buono fermandoci alla soglia della Final Four contro Duke (che poi vinse il titolo, ndr). Insomma, è bello essere ancora 17-0 senza sconfitte, ma se si perde può anche essere positivo.

Contro Saint Mary’s avete giocato un’ottima partita
Siamo contenti e siamo 17-0, ma se devo essere onesto ti dico che ancora oggi non stiamo giocando il nostro miglior basket. Non ci aspettavamo che freshmen come Zach Collins e Killian Tillie fossero già così pronti o che Silas Melson facesse questi progressi da un anno all’altro. Abbiamo ancora ampissimi margini di miglioramento

Qual è un giocatore del vostro roster di cui si parla poco ma che secondo te esploderà
Non ho dubbi e ti dico il giapponese Rui Hachimura. Se non fossimo 17-0 forse avrebbe già trovato più spazio.

Forte quanto?
Guarda io ti dico che… vabbè non voglio esagerare con le previsioni che possono fare male. Ma è alto 2,03 con wingspan incredibile. Si muove come un ballerino per il fisico che ha, direi che come movenze potrebbe ricordare Giannis Antetokounmpo. Ai mondiali del 2014 il Giappone ha finito al 14° posto ma lui è stato il miglior marcatore della competizione con 22,6 punti di media insieme a 6,6 rimbalzi e 1,7 stoppate a partita. Incredibile.

Ncaa basketball - Rui Hachimura - Gonzaga

Rui Hachimura – Gonzaga

Come descriveresti il tipo di gioco di Gonzaga?
Come staff cambiamo molto, prima di ogni partita cambiamo una decina di giochi.

Prima di ogni partita?
Sì, per questo cerchiamo giocatori intelligenti. Abbiamo una base di giochi su cui inseriamo molte varianti. Ad esempio prima della partita contro Saint Mary’s abbiamo inserito 5 nuovi giochi. Anche questo ci aiuta a capire che tipo di giocatori abbiamo, la loro capacità di adattarsi a un nuovo gioco. Per questo Sabonis è entrato subito in quintetto a Oklahoma City

Perché?
Lui è incredibile. Se gli dici “devi fare così, poi metterti lì e fare quella cosa” lui l’azione successiva entra in campo e fa esattamente quello che gli hai detto. Una caratteristica che coach Billy Donovan ha subito apprezzato.

Parliamo un po’ degli italiani in Ncaa
Mussini volevamo reclutarlo qui a Gonzaga, ci piaceva un sacco, ma ha fatto un’altra scelta.

Ha fatto bene secondo te?
Ha scelto di andare a misurarsi in una realtà storica e in una conference forte. Lui è uno molto competitivo.

Gli altri?
Seguo abbastanza De Nicolao. Lui ha fatto una scelta diversa, meno cool, andando in una realtà più a misura d’uomo, ma in una conference che comunque è competitiva.

Akele a Rhode Island?
Sta diventando un ottimo role player, capace di fare la cosa giusta al momento giusto. Forse un profilo come il suo sarebbe stato meglio in una squadra più forte, nella quale magari fare il quinto giocatore in campo in grado di fare bene il suo compito.

Ce n’è ancora: Vercellino, Oliva, Da Campo, Ulaneo?
Su loro sono meno aggiornato. Vercellino l’ho visto giocare all’inizio dell’anno e mi aveva fatto una buona impressione, ma poi da quel che ho visto ha perso minutaggio. Oliva ora è infortunato ma l’ho seguito l’anno scorso, se ritorna senza strascichi dall’infortunio credo possa fare davvero bene. Ulaneo credo stia facendo abbastanza bene, mentre Da Campo fatica a trovare spazio. Ma non so molto di più.

Parliamo un po’ di squadre, quali secondo te giocano la migliore pallacanestro?
Ho una stima infinita per Villanova e per coach Jay Wright. Fanno davvero le cose per bene. Pochi relcutamenti, ma di alto livello. Parlano tra di loro in difesa, muovono la palla. Niente da dire.

Altre?
UCLA è davvero esplosa e poi devo ammetterlo, io non ero un grande fan di Lonzo Ball, ma mi sono dovuto ricredere. Noi abbiamo giocato da poco contro Washington e quindi ho visto da vicino Markelle Fultz. Ma credo che Ball sia superiore.

Aspetta, prima di parlare dei giocatori dimmi qualche altra squadra che ti ha colpito
Credo che, per quanto sia assurdo dirlo, Kentucky sia un po’ sottovalutata. In attacco stanno giocando in maniera diversa dagli altri anni, sono più sciolti. E poi Adebayo pensavo fosse il classico lungo solo con un gran fisico invece mi ha davvero impressionato.

Ncaa basketball - Bam Adebayo - Kentucky

Ncaa basketball – Bam Adebayo – Kentucky

Dai vai avanti…
Beh Florida state l’ho vista giocare ed è piena di talento, cui aggiunge un enorme atletismo. Penso possa essere una vera sorpresa. Anche se vabbè, è facile dirlo adesso, bisognava dirlo 3 mesi fa (ride).

A proposito di sorprese, di Baylor cosa pensi?
Guarda, abbiamo giocato un’amichevole di prestagione con loro e abbiamo pareggiato. Siccome ero conscio della forza di Gonzaga, finita quella partita mi sono detto “ok, o noi non siamo così forti, oppure loro faranno molto meglio di quanto si pensa”. E infatti.

Quali sono le squadre che credi potrebbero mettervi più in difficoltà?
Sicuramente Kentucky, ma anche Duke. Fanno poche cose, applicano pochi giochi, ma funziona tutto in maniera perfetta. La gente non realizza quanto coach K sia in grado di mantenere le cose semplici. Dopodiché sono diabolici nell’andare in lunetta.

È una velata critica?
No, sono serio. È una capacità. Noi ad esempio andiamo meno in lunetta di quanto potremmo o dovremmo fare. Però adesso che ci penso in effetti c’è una squadra che davvero non mi piacerebbe affrontare.

Quale?
West Virginia. È una squadra di matti, in senso buono. Li puoi affrontare solo se batti il pressing e segni con continuità. Al primo lay up facile che sbagli, si sentono ancora più forti. E se iniziano a mandarti nel pallone, non ne esci più.

Parliamo di giocatori, di Ball e Adebayo hai già detto. Altri che ti piacciono?
Beh, Luke Kennard è fantastico. Anche Josh Hart mi piace molto. Non so se riuscirà ad avere una carriera Nba, ma nel caso non sfondasse tra i pro, per l’Europa è fatto e finito. Ha tutto per poter giocare alla grande.

Parlando di Saint Mary’s, c’è Jock Landale che sta disputando un’annata fantastica.
Guarda, lui è un bel giocatore, ma è il sistema dei Gaels che è super. Spaziano il campo in maniera chirurgica e quindi esaltano i loro centri. È successo anche in passato con altri lunghi di Saint Mary’s come Waldow per esempio. Poi però è difficile valutare il rendimento di questi giocatori al di fuori di quel sistema.

Lasciando perdere il contesto, o la squadra. Solo per gioco: sei un gm Nba e hai la prima scelta assoluta, chi chiami?
Ad oggi direi Lonzo Ball, mi sembra un giocatore in grado di cambiare una franchigia. Alla fine le squadre Nba selezionano o quei giocatori che portano in dote quello che non hanno, che sia tiro o rimbalzi, oppure cercano quei giocatori totali in grado di cambiare una franchigia. Lui penso sia questo tipo di giocatore.

Ncaa basketball - Dennis Smith Jr - Nc State

Dennis Smith Jr – Nc State

Dai, andiamo con altri nomi del college
Direi Markelle Fultz o Dennis Smith di NC State.

Noi di BN siamo ancora un po’ perplessi sulle prestazioni di Smith
Sì, può darsi che in qualche momento non abbia gestito al meglio alcune situazioni di gioco, ma lo seguo da quando stava all’high school, prima dell’infortunio, ed è davvero un giocatore pazzesco.

Qualcuno che oggi non sembra forte ma secondo te potrebbe diventarlo?
Jonathan Isaac di Florida State. Al momento non mi piace moltissimo. Ma in 3 anni potrebbe diventare un simil Kevin Durant.

Jayson Tatum di Duke?
Non mi fa impazzire. È forte, ma non così esplosivo come penso dovrebbe essere un all-star Nba.

Ultima domanda, dove ti vedi tra qualche anno?
Il piano è quello di arrivare a fare l’head coach. Sto lavorando duro per questo