Quote by La sfiga degli Hawks e il caso Louisville

La storia più bella della settimana e probabilmente della stagione è quella di Saint Joseph’s. Il 10 gennaio scorso una tripla di Otis Livingston II ha dato la vittoria a George Mason 81-79. Un buzzer beater che vi avevamo mostrato. Fa abbastanza ridere che un mese e mezzo dopo, sempre George Mason abbia battuto Saint Joseph’s, questa volta sul campo degli Hawks, con un nuovo buzzer beater, figlio peraltro di una delle azioni più ridicole dell’anno. Roba che   s o l o   a l   c o l l e g e…

 

Ah, giusto così per gradire, la partita successiva George Mason ha battuto Massachusetts in overtime. Come? Con un buzzer beater. Di chi? Ancora di Ian Boyd!

 

Cambiamo argomento e passiamo al tanto discusso titolo Ncaa tolto a Louisville. Si sa che la rivalità tra i tifosi dei Cardinals e quelli di Kentucky è molto accesa. E infatti, poco dopo la news del titolo ritirato, su Wikipedia è apparsa questa descrizione

Rick Pitino, la descrizione ironica su Wikipedia

 

Ecco, rimaniamo sul tema Louisville perché tra i tanti pubblicati dopo la news del titolo un tweet in particolare ha fatto il giro del mondo, quello di Kevin Ware (guardia dei Cardinals che si spezzò la gamba nel corso della March Madness)

 

Cosa ha fatto l’università di Louisville il giorno dopo il tweet? Una maglietta. Geni.

 

 

Restiamo nel Kentucky, ma sponda Wildcats e torniamo al basket giocato. Nell’ultima gara vinta (stravinta) contro Missouri, nel finale coach Calipari ha messo in campo il sophomore Brad Calipari, suo figlio. Punti in stagione: zero. Godetevi la Rupp Arena sulla tripla del “prode” Brad.

 

Sono in corso le senior night, cioè le ultime partite in casa giocate dai ragazzi al loro ultimo anno al college. Discorsi, lacrime, applausi e anche l’occasione per grandi gesti, come questo di Jordan Bohannon di Iowa

Chiudiamo con i soldi vinti con i tiri impossibili. Questa volta è toccato a un tifoso di Texas A&M che ha vinto 25.000 dollari grazie a questa sequenza (va detto, notevole)