Quote by Michigan State Spartans #9

14/03/2017

Record 19-14

Eron Harris went down in mid February in a game against Purdue and that was the final proof this is a cursed season for the Spartans. However, Michigan State reached the tournament and coach Izzo usually gets things done in March. Obviously rotations will be an issue, since Gavin Schilling and Ben Carter never played this season and Harris will be out as well. Coach Izzo has been forced to rely on a group of freshmen, but not all of them played up to the expectation. Miles Bridges is the team leader in pretty much every statistical voice, but Joshua Langford has been a disappointment so far. Nick Ward is now part of the starting five and was crucial in the win against Wisconsin that allowed the Spartans to reach the tournament. And Cassius Winston showed some improvement during the season.

Key Players

Miles Bridges is a small forward who can slide up one position in college. He played as well as he was expected to and took the challenge coach Izzo has been forced to throw at him and showed some leadership qualities. Bridges has been the best offensive player for this team, although Nick Ward’s growth relieved him of some of the burden.

Prediction

Last year they were among the favorites for the title and lost in the first round. It would be absurd, and very Tom Izzo-like, if they had to go on a crazy run in a year they are not expected to reach the Sweet 16.

Video

Quote by Michigan State Spartans #9

14/03/2017

Record 19-14

Quando a metà febbraio anche Eron Harris si è accasciato al suolo nella partita contro Purdue, i tifosi degli Spartans hanno avuto la certezza che questa è davvero una stagione maledetta. Ma alla fine al torneo ci sono anche loro e marzo è il mese di Tom Izzo che, anno scorso a parte, riesce sempre a cavar fuori qualcosa di buono nel momento decisivo dell’anno. Certo, le rotazioni sono sempre più corte perché l’assenza di Harris si va ad aggiungere a quelle di Gavin Schilling e Ben Carter, infortunati che il campo non l’hanno visto proprio mai, e senza tre senior Izzo deve sperare che i suoi freshman riescano a gestire al meglio la tensione del torneo. Non tutti hanno confermato le aspettative, perché se Miles Bridges è il leader della squadra in tutte le statistiche principali, Joshua Langford ha finora tutto sommato deluso. In crescita Cassius Winston e soprattutto Nick Ward, ormai stabilmente in quintetto e decisivo nella vittoria contro Wisconsin che ha rilanciato definitivamente le speranze degli Spartans di arrivare al Torneo.

I giocatori da seguire

Classica small forward che nel college basketball si adatta a giocare anche da 4, Miles Bridges ha tutto sommato retto l’onda d’urto dell’hype che lo circondava abbinato alla leadership che, volente o nolente, Izzo è stato costretto a dargli. E’ lui l’attaccante più pericoloso della squadra ma la rapida crescita di Nick Ward è stata fondamentale per coprire la voragine che gli Spartans avevano sotto canestro.

Pronostico

L’anno scorso da favoriti per il titolo sono usciti al primo turno nel più inaspettato degli upset. Sarebbe una classica storia da Tom Izzo se quest’anno, che non sono favoriti neanche al primo turno, arrivassero molto lontano.

Video