Quote by Nba preview – Rookie e Sophomore (Atlantic)

06/10/2016

Quest’anno, basketballncaa.com apre una finestra sulla Nba ma lo fa a modo suo. Non ci interessa sapere chi vincerà il titolo, né chi sarà l’Mvp. A noi interessa conoscere il destino dei giocatori che hanno appena fatto il salto tra i professionisti. Vogliamo sapere come inizieranno le loro carriere e in quali situazioni. Perché tante volte, la fortuna di un rookie dipende anche dal contesto di squadra in cui finisce.

Qualcuno nasce LeBron James e domina, ma il contorno povero di talento lo convince a cambiare squadra per vincere. Qualcuno nasce Evan Turner, e serve la creatività di un allenatore, una struttura solida e la squadra giusta per far vedere di cosa è capace; o magari ci sono i mezzi ma non la testa, come nel caso di Hassan Whiteside: in quel caso, meglio fare i vagabondi per qualche anno e crescere prima di tornare. Altri ancora non hanno la stessa fortuna.

jonny-flynn

Jonny Flynn con la maglia dei Minnesota Timberwolves

Qualcuno ricorda il destino di Johnny Flynn? Due anni passati a mettere a ferro e fuoco la Big East con Syracuse, Big East Rookie of the Year, MVP del torneo della Big East, e un epico quarto di finale del torneo di conference contro Uconn vinto dopo sei supplementari. Convinse tutti di essere migliore di un ragazzino che giocava a Davidson, tale Stephen Curry. Fu la sesta scelta al draft per Minnesota, e in quegli anni i Twolves erano il simbolo della franchigia disfunzionale. Per esempio, alla numero cinque furono sempre loro a scegliere Ricky Rubio, due chiamate consecutive in lottery per due point-guard, con un allenatore (Kurt Rambis, ex assistente di Phil Jackson) a cui era stato chiesto di implementare la Triple Post Offense, o se preferite il Triangolo, un sistema di gioco in cui i playmaker sono di contorno.

Ecco, il contesto è tutto. Da qui la voglia di sapere dove finiranno questi ragazzi che abbiamo imparato a conoscere al college, per capire se sapranno affermarsi anche al piano di sopra. Oggi si parte con le squadre dell’Atlantic Division, nei prossimi giorni arriveranno le altre 25.