Home 9 Non categorizzato 9 South – UNC e UK, in un modo o nell’altro

South – UNC e UK, in un modo o nell’altro

Autore: Stefano Russillo
Data: 20 Mar, 2017

North Carolina, che spavento!

Pronti , partenza, via…UNC tocca il +17 dopo 15 minuti di gioco, grazie alla miglior frontline del torneo (14 rimbalzi offensivi a fine primo tempo), e sembra aver già chiuso la partita. E invece? Arkansas inizia a giocare come sa: con tiri veloci nei primi secondi dell’azione e cercando spesso la transizione, mandando in crisi i Tar Heels con la difesa press a tutto campo. Trascinati da uno scatenato Daryl Macon (19 punti) i Razorbacks si trovano a +5 a 3 minuti dalla fine, quando UNC risponde con un parziale di 12-0 guidata dall’onnipresente Justin Jackson (15pts+8reb+5ast+5stl) e da queste due decisive giocate di Kennedy Meeks (doppia-doppia da 16+11) che mandano i Tar Heels alle Sweet16.

 

Adebayo ancora decisivo

A Kentucky serve un super Adebayo per chiudere la soffertissima pratica Wichita State. La sua stoppata finale sulla tripla di un ottimo Landry Shamet (top scorer degli Shockers con 20 punti) chiude la gara sul 65 a 62, ma in generale il suo impatto è determinante (grazie al ritrovato pick&roll con Malik Monk) per tutta la seconda frazione, dopo i soli 2 punti e le molte difficoltà a trovare spazio nell’area avversaria del primo tempo. Una doppia doppia finale da 13 punti e 10 rimbalzi impreziosita da una fantastica giocata per scelta di tempo e atletismo. Da guardare.

 

Lonzo Ball risolve problemi

Il match-up con Cincinnati – squadra arcigna in difesa ed equilibrata in attacco – si prospettava tanto impegnativo per UCLA quanto interessante per gli spettatori. In effetti, i Bearcats si sono comportati egregiamente nel primo tempo, chiuso in vantaggio sul 33-30 imbrigliando piuttosto bene l’attacco dei Bruins (35.5% dal campo). Tutt’altra storia nei secondi venti minuti, con UCLA capace di portarsi saldamente in vantaggio verso metà ripresa fino al 79-67 finale. Lonzo Ball è stato il propulsore di questa svolta, in un tipo di serata già mostrata altre volte in stagione: intermittente (ma con gran lampi) nel primo tempo, assolutamente implacabile nel secondo quando ha segnato 11 dei suoi 18 punti totali (3/3 da due, 4/7 da tre) distribuendo tutti e 9 gli assist della sua partita. Triple sfrontate, una manciata di incursioni in area e passaggi che hanno esaltato le qualità migliori dei suoi compagni. Insomma: il solito, unico, “feel for the game” che ha cambiato il volto dei losangelini quest’anno.

Articoli correlati

Si rimescolano le conference, ecco come cambia la NCAA

Dopo l'annuncio degli spostamenti di UCLA e USC, arrivato in seguito a quello di Texas e Oklahoma, l'NCAA cambia completamente Leggi tutto

Uragano Adem Bona e note sparse sugli Europei U20

Una highlight machine, un gregario promettente, un regista strano e tanto altro: da Adem Bona a Max Shulga, ecco la Leggi tutto

Abramo Canka a UCLA e le ultime dagli azzurri negli USA

Abramo Canka a UCLA, Niccolò Moretti corteggiato dalle P6: ecco le novità più interessanti che riguardano gli azzurri nel college Leggi tutto

Auburn alla #1 e il dominio di UCLA contro Arizona

Auburn alla fine è la nuova #1 e a March Madness parliamo di loro, di UCLA che domina Arizona, Banchero Leggi tutto

UCLA contro Arizona, la sfida per la Pac 12
UCLA

A March Madness facciamo la preview delle conference: da UCLA a Duke passando per Kentucky e Alabama, analizziamo ACC; SEC Leggi tutto