Quote by UNC dominates the Maui Invitational

24/11/2016

In the 1999-2000 season, North Carolina wins the Maui, gets to the Final Four, and loss to Florida. In the 2004-2005 season, North Carolina wins the Maui (with Raymond Felton getting map honors) and goes on to win the Ncaa title. In the 2008-2009 season, North Carolina wins the Maui and goes on to win the Ncaa title. You might think that coach Roy Williams was quite happy to win the Maui earlier this week and that Joel Berry was the mvp. Usually, good things happen for the Tar Heels when they win the Maui.

It was the first chance to watch multiple top ranked teams play one another, and there are a few things to say about their performances, but first of all, the name “Maui Jim Maui Invitational” would need some work. Sure, there is a Maui Jim sponsoring the event, but it feels like the name could be vetted. The level of competition increased over the years, and the 8-team tournament had a few interesting things to say. Going by the final standings:

8 – Chaminade – Let it be

What can be said for a Division II team playing against top ranked teams? Their best lineup is a mix of 5 guards and wings (their center, Pollard, plays less than 10 minutes per game) and despite everything, the team stood up to UNC and gave some troubles to Uconn. Good luck for the future to the whole team and to Rohndell Goodwin most of all. See you next year (they actually host the Maui)

7 – Tennessee – Tomorrow never knows

It is hard to make sense of the Volunteers, who were competitive against Oregon and Wisconsin but still lost both games. Junior Detrick Mostella and freshman John Fulkerson did well, especially against Oregon, when coming off the bench. Coach Rick Barnes is not a favorite here at BasketballNcaa, but if Jordan Bone will not miss too many games with a foot injury, Tennessee will have a promising duo of freshman.

6 – Connecticut – Help

The injury curse is spreading (forward Terry Larrier went down with an injury in the Oklahoma State game and will miss the remainder of the season) and there are too many players unavailable, but this goes beyond that. The offense right now is awful. Their tournament could be summed up in their 11-point loss against Oklahoma State, the 11-point win against Chaminade (again, they play hard, but it feels like Amida Brimah is as tall as two of their players combined) and another loss to Oregon. Their only option on offense is sophomore Jalen Adams, who is often forced to play 1-on-5 and is responsible for 51% of the total points for the team. The rest is something you might want to forget. Quickly.

5 – Oregon – Don’t let me down

The players at roster, taken one by one, should make for a great team (BasketballNcaa was high on them in preseason) and the Maui was the first chance to have a good look at them. Dillon Brooks, Jordan Bell and Dylan Ennis combine hard looks and impressive frames for a scary effect, but once on the court, it is more like watching a group of bodyguards than a basketball team. They had flashes of what they might be capable of when they went out to a full court press defense, but on offense they are far from being good. The only positives were freshman Payton Pritchard and Chris Boucher defensive performance in the paint. It seems that the pressure of being favorite is playing tricks on the players. The loss to Georgetown was head-scratching, but the good performance against Uconn, especially their shooting, might be a turning point for the Ducks, who still finished a disappointing fifth in the tournament.

4 – Georgetown – I’ve Got A Feeling

The Hoyas were always considered one of the toughest team around, and the roster mirrors their usual tough, physical game. There is no “bad shot” for guard LJ Peak, and despite that approach, he is still shooting 40% from three. Yet, the one who truly had an impact on the team is Rodney Prior, the lefty transfer from Robert Morris, who is playing himself to a career year with Georgetown. And with the return of 7-1 Bradley Hayes, John Thompson III‘s players will be a force under the rim as well. Their offense is trash right now, especially when it comes to executing plays: 28 turnovers in the loss against Oklahoma State and a 10-assist average throughout the tournament.

Per Game Table
SeasonSchoolMP2P%3P%TRBASTSTLBLKPTS
2014-15Robert Morris29.4.524.4294.71.81.20.315.6
2015-16Robert Morris32.1.535.2908.01.71.40.918.0
2016-17Georgetown33.2.600.4695.00.60.61.018.6
Le cifre in carriera di Prior

3 – Oklahoma State – We can work it out

Let’s start with the loss to North Carolina: shots were not falling, the pick&roll was not working, UNC is a tough match-up on the glass for anyone, the referees had a van night, the earthquake, the terrible flood, the locusts and etc. It truly felt like a game between a team that had everything going and and a team that could not get anything going. All the other games went very well, including the 27 points win against Georgetown and the third place in the final standings. Coach Brad Underwood seems to be doing a good job and the program might get some results in the first year of his tenure, even in a competitive Big 12. Jawun Evans is actually outperforming the high expectations surrounding him coming into the season, and he is third in the whole Division I in efficiency (27 points per game, 5.2 assists, 57% from three, among others). Espn’s Jay Bilas compared him to Chris Paul and, as pointless as these comparisons might be, it still gives an idea of the kind of player he is. Evans has a solid team around him, with the luxury of junior Jeffrey Carroll coming off the bench. Both freshmen Lindy Waters and Cameron McGriff have been doing well. But what really changed is their pace, with the Cowboys going from one of the slowest team in Division I to the top 10 in possession per game.

2 – Wisconsin – Every Little Thing

The loss against UNC hurts, but not that much, considering the Badgers could not buy a bucket if their life depended on it (they started the game 0-for-11) and that their two best players, Bronson Koenig and Nigel Hayes were hurting the team a lot more than UNC. Yet, Wisconsin showed progress that might turn into huge improvement in the future. They were the team that played better on offense and the only one capable to keep up with North Carolina, at least early on. 6-10 Ethan Happ was the most consistent and productive (19 points and 15 rebounds against Georgetown) while Vitto Brown is Greg Gard’s secret weapon thanks to his potentially lethal pick&pop with Koenig. If Hayes were to reduce the volume of three-pointers, they will be a tough opponent for anyone.

1 – North Carolina – You Like Me Too Much

The Tar Heels are confident, deep and talented, and ended up winning their first three games by 43, 32 and 15. Everything begins with Joel Berry, the only dangerous guard at roster, who seems to be always unfazed by the pressure or aggressive defensive schemes. Berry accurately selects which shots to take (he took his first shot in the final after 8 minutes of play) and then puts up a clinic (11-16 from inside the arc, 8-14 from outside the arc in the tournament). The rest is about height and talent: Isaiah Hicks has great confidence in his jump-shot and he is playing at an NBA-worthy level, Kennedy Meeks is grabbing every rebound in the neighborhood, Justin Jackson plays at least 10 minutes every game like a real star, both freshmen Brandon Robinson and Tony Bradley are playing like veterans, and that mix makes UNC look like a top 2 team. Their final exam will be on November 30th against Indiana. But every time they won the Maui they reached the Final Four. So there’s that.

Quote by UNC vince il Maui e spera nella tradizione

Stagione 1999-2000, North Carolina vince il Maui e arriva alle Final Four, sconfitta poi da Florida. Stagione 2004-2005, North Carolina vince il Maui (mvp Raymond Felton) e poi anche il Torneo Ncaa. Stagione 2008-2009, North Carolina vince il Maui (mvp Ty Lawson) e di nuovo il Titolo Ncaa. Potete immaginare che la vittoria ottenuta quest’anno dai Tar Heels abbia fatto molto piacere a coach Roy Williams e anche all’mvp Joel Berry: la cabala dice che sia la squadra sia il giocatore potrebbero andare molto lontano.

Che cosa ha detto il torneo? A parte il fatto che Maui Jim Maui Invitational è un nome che può piacere giusto alla ditta di occhiali che fa da sponsor all’evento (la società si chiama “Maui Jim”) perché sentir pronunciare “Maui Jim Maui” fa sempre uno strano effetto, del tipo “davvero non siete riusciti ad inventavi niente di meglio?”, va detto che il livello delle partecipanti è andato crescendo col tempo e quest’anno il torneo a 8 squadre ha offerto spunti interessanti. Vediamo quali, seguendo la classifica finale.

8 – Chaminade – Let it be

Che si può dire a una squadra di Division II che sostanzialmente gioca con 5 piccoli (il centro Pollard se va bene sta in campo una decina di minuti) e che, nonostante questo, è riuscita comunque a reggere l’impatto contro la corazzata UNC e a mettere in difficoltà Uconn? In bocca al lupo per il futuro e la guardia Rohndell Goodwin è un gran bel giocatore. Dopodiché ci rivediamo a Maui l’anno prossimo (sono la squadra ospitante).

7 – Tennessee – Tomorrow never knows

Difficile capire cosa ci si possa aspettare da questi Volunteers che non hanno sfigurato né contro Wisconsin né contro Oregon, ma che alla fine sono risultati sempre sconfitti. Mettiamo tra i buoni il junior Detrick Mostella e il freshman John Fulkerson, entrambi in evidenza contro Oregon partendo dalla panchina. Non siamo dei fan sfegatati di coach Rick Barnes, ma se l’infortunio al piede non terrà Jordan Bone troppo lontano dal parquet, Tennessee potrà contare su una buona coppia di freshman.

6 – Connecticut – Help

Ok la sfortuna (contro Oklahoma State si è infortunato anche il lungo Terry Larrier, salterà tutta la stagione) che sta privando la squadra di molti giocatori, ma il commento attuale è “ommioddio” perché la qualità dell’attacco della squadra è pessimo e la performance del Maui si riassume in una sconfitta contro Oklahoma State (gara mai in discussione),  una vittoria di 11 punti contro Chaminade (che sono ammirevoli ma per raggiungere l’altezza di Amida Brimah devono prendere due giocatori e metterli uno sopra l’altro) e poi un’altra sconfitta contro Oregon. Vivono delle folate del sophomore Jalen Adams, spesso mostruoso nell’inventare da solo dal palleggio e da cui dipende il 51% dei canestri della squadra. Tutto il resto è noia, nel vero senso del termine.

5 – Oregon – Don’t let me down

Presi singolarmente sono una squadra tostissima e siccome li abbiamo messi in alto nel nostro pre-season ranking, li abbiamo guardati e attesi con ansia. Dillon Brooks, Jordan Bell e Dylan Ennis fanno paura per gli sguardi cattivi uniti a fisici scultorei, ma al momento vederli insieme sul campo ricorda più una rimpatriata tra i buttafuori di una discoteca che una squadra di basket. Il meglio l’hanno fatto vedere in alcuni sprazzi di difesa press tutto campo, ma in attacco ancora non girano al meglio. Si salvano il freshman Payton Pritchard (buon inserimento) e le prestazioni difensive sotto canestro di Chris Boucher, che ogni tanto chiude la saracinesca per gli avversari. Ma la pressione del “dover vincere” al momento sta facendo brutti scherzi. Dopo averli visti perdere contro Georgetown, la speranza dei tifosi è che la buona gara al tiro contro Uconn segni una ripresa per i Ducks, finiti comunque a un deludente quinto posto.

4 – Georgetown – I’ve Got A Feeling

Fisici, tosti, la squadra di quest’anno sembra essere tornata sui binari della tradizione, quando parlare degli Hoyas significava parlare di una banda di duri. Certo, manca spesso la fase offensiva. La guardia muscolosa LJ Peak non conosce tiri che non siano accettabili e, nonostante questo, sta tirando molto bene dal campo (40% da 3pt) ma chi ha davvero dato una scossa alla squadra è Rodney Prior, il mancino transfer da Robert Morris che sembra aver deciso di giocare la sua migliore stagione proprio con la maglia di Georgetown. Adesso poi che è tornato in campo il 2,13 Bradley Hayes, anche sotto canestro i ragazzi di John Thompson III si faranno più che rispettare. Cosa manca? Sostanzialmente l’esecuzione offensiva: 28 palle perse nella sconfitta contro Oklahoma State e una media sotto i 10 assist a partita nel torneo.

Per Game Table
SeasonSchoolMP2P%3P%TRBASTSTLBLKPTS
2014-15Robert Morris29.4.524.4294.71.81.20.315.6
2015-16Robert Morris32.1.535.2908.01.71.40.918.0
2016-17Georgetown33.2.600.4695.00.60.61.018.6
Le cifre in carriera di Prior

3 – Oklahoma State – We can work it out

Partiamo dalla sconfitta contro North Carolina: non sono entrati tiri da fuori, il pick & roll non ha funzionato, UNC è una brutta bestia a rimbalzo, gli arbitri erano in giornata storta, e poi le cavallette e bla bla bla. La sensazione è che effettivamente sia stata una di quelle partite tra una squadra cui riesce tutto e una cui non riesce nulla. Tutto il resto però è andato alla grande, compresa la vittoria di 27 punti contro Georgetown per il 3° posto finale. Coach Brad Underwood sta facendo un gran lavoro e l’impressione è che questo lavoro potrebbe dare i suoi frutti già quest’anno e pur in una conference complicata come la Big 12. Jawun Evans sta riuscendo nell’impresa di fare meglio delle aspettative (che già erano alte) e attualmente è il terzo giocatore di tutta la Division I per efficienza (tra le varie stats: 27 punti per gara, 5,2 assist e il 57% abbondante da 3pt). Jay Bilas (Espn) lo paragona in continuazione a Chris Paul e anche se questi confronti lasciano il tempo che trovano, danno l’idea di che giocatore sia. Evans attorno a sé ha una squadra solida, che dalla panchina fa uscire il junior Jeffrey Carroll (un lusso). Bene anche i due freshmen Lindy Waters e Cameron McGriff. Ma in generale quello che è cambiato è il ritmo partita visto che i Cowboys sono passati dall’essere una delle squadre col più basso ritmo della Division I a una delle prime 10 per possessi a partita.

2 – Wisconsin – Every Little Thing

La sconfitta contro UNC fa male ma non troppo, considerando che sostanzialmente ai Badgers non è entrato un tiro (uno scintillante 0-11 per iniziare il match) e che i suoi due migliori giocatori, ovvero Bronson Koenig e Nigel Hayes nel corso della finale sono stati produttivi come una giornata di grandine durante un matrimonio estivo. Wisconsin però nel corso del torneo ha mostrato miglioramenti che sembrano destinati a pagare dividendi in futuro. È stata la squadra che ha eseguito meglio in attacco e l’unica a reggere botta sotto canestro (almeno all’inizio) con la corazzata North Carolina. Il lungo Ethan Happ (uno che fa saltare sulla finta gli avversari, evviva!) alla fine è stato il più continuo e produttivo (19+15 contro GTown) mentre Vitto Brown è l’arma segreta di Greg Gard (il pick & pop con Koenig può essere letale). Se Hayes la smette di credersi Stephen Curry ma capisce che il tiro da fuori deve essere solo una parte del suo gioco, saranno ostici da affrontare per chiunque.

1 – North Carolina – You Like Me Too Much

Forti, completi, sicuri dei loro mezzi, i Tar Heels hanno vinto le 3 partite del torneo con differenziali rispettivamente di 43, 32 e infine 15 punti. Tutto parte da Joel Berry, che è l’unica guardia davvero pericolosa nel roster e non sembra mai patire difese o pressione. Anzi, come un killer Berry seleziona i tiri da prendere (il primo in finale dopo 8 minuti) dopodiché viviseziona gli avversari (ha chiuso il torneo con 11/16 da 2pt e 8/14 da 3pt). Il resto sono centimetri e talento: Isaiah Hicks sta mostrando una confidenza con i suoi mezzi e col suo jump shot da draft Nba, Kennedy Meeks al momento fa il vuoto a rimbalzo (16 contro Wisconsin) mentre Justin Jackson ha almeno 10 minuti da star a partita. Aggiungete che i due freshmen Brandon Robinson ma soprattutto il lungo Tony Bradley stanno mostrando già grande maturità ed è facile capire come al momento UNC sembri una corazzata. La prova del 9 si avrà il 30 novembre in trasferta contro Indiana. Ma se il Maui non mente, la Final Four è garantita.