Quote by Verso il Draft 2020 – Patrick Williams

Patrick Williams Florida State

Patrick Williams

Luogo di nascita: Charlotte, North Carolina
Data di nascita: 26-8-2001
Altezza: 203 cm
Peso: 102 kg
Ruolo: 3-4
Squadra: Florida State
Stats 2019-20: 9.2 PTS, 4 REB, 1.0 AST, 1.0 STL, 1.0 BLK
#12 nel Super Mock Draft NBA

Carriera

Da sempre considerato uno dei migliori talenti della sua classe, Patrick Williams ha scelto di giocare per i Seminoles nonostante offerte anche da Arizona o Louisville. Guarda caso, lo cercavano quei college che fanno del mix atletismo-versatilità-fisico la dote principale da valorizzare in fase di recruiting. Florida State non è il college che esalta maggiormente le statistiche dei giocatori, perché coach Leonard Hamilton tiene i suoi giocatori sempre ampiamente sotto i 30 minuti a partita. Williams è però pian piano cresciuto nel corso della stagione, riuscendo, in una conference competitiva come la ACC a risultare indigesto da marcare per i lunghi avversari. La parola chiave per valutarlo è “potenzialità”.

Punti di forza

Doti fisiche – Williams è il prototipo del giocatore che cerca la Nba moderna, ossia quelli che 15 anni fa non trovavano spazio, un tweener. La sua bidimensionalità lo rende un 3 così a suo agio sul perimetro da sembrare (esagerando) anche una guardia, e allo stesso tempo un 4 con doti da intimidatore (6° miglior stoppatore in ACC) e con attitudine per il rimbalzo, tale da poterlo schierare da 5 in situazioni tattiche. Aggiungete 210 cm di wingspan e avete il classico prospetto che squadre come Boston (per dirne una che cerca chiaramente questo tipo di giocatori) amano reclutare. Ps. È uno dei giocatori più giovani del prossimo draft.

Presenza sotto canestro – Patrick Williams ha stazza e ha entrambi le parti del corpo ben strutturate (gambe, busto e braccia). I suoi 102 kg ne fanno un prospetto non così facilmente gestibile sotto canestro per gli avversari. In più, non è un “salterino” e il suo non schizzare come un tappo di champagne lo rende oggi solidissimo più in fase difensiva (anche a rimbalzo) che in fase offensiva.

Potenziale – Già oggi è un tiratore accettabile con il 32% da 3 punti. Ma la mano chiaramente c’è (83.8% ai liberi) e il tiro è un fondamentale che potrebbe cambiare la sua vita in Nba, dove troverà spazi diversi da quelli del college.

Punti deboli

Aggressività/mentalità – Non c’è un vero difetto nel suo bagaglio tecnico. Anche nel mettere palla a terra, pur se con spazi di miglioramento, è già oggi meglio di molti giocatori con il suo fisico. Visto il potenziale di Williams, il più grande “spreco” pensando al talento di Charlotte è la sensazione che il ragazzo in campo si accontenti.

Vedendo alcune prestazioni (14 punti in 24 minuti contro North Carolina con 9 rimbalzi, 2 assist e 2/2 dall’arco), pensare che questo sia “accontentarsi” fa specie. Eppure spesso ha dato l’impressione che rifiutasse tiri o si estraniasse soprattutto dalla fase offensiva del gioco.

Il più grande dubbio che hanno su di lui gli scout Nba riguarda la sua capacità di incidere su entrambi i lati del campo.

Certo, partire dalla panchina come a Florida State non sempre è facile, ma in una Lega come la Nba in cui la quantità di talento è stellare e in cui spesso si compete anche solo per avere 5 minuti in campo, questa sua attitudine rischia di essere un limite..

Paragone

Hanno paragonato Patrick Williams a molti player, da un giocatore d’area come Noah Vonleh fino a un tiratore come OG Anunoby e questo fa capire che tipo di versatilità garantisce. Per restare in casa Florida State qualcuno sostiene che ricorda Jonathan Isaac, anche se ha il doppio dei muscoli.

Add Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *