Quote by Tradizione e pressione Villanova cerca repeat

La pressione di sostituire Ochefu

Il reparto dove, però, i Wildcats stanno facendo maggior fatica è il frontcourt, nel quale l’assenza di Ochefu pesa molto di più di quella di Arcidiacono. A Nova manca un vero e proprio rim protector, come attestano i dati Kenpom che la vedono fuori dalla top150 per percentuale di stoppate e al 273esimo posto per efficienza del tiro da due concesso agli avversari. Il sostituto naturale del nuovo giocatore dei Washington Wizards doveva essere Omari Spellman, n.19 della 2016 recruitng class di ESPN, che per problemi di eleggibilità non sarà disponibile quest’anno. Ecco allora che il piano B di coach Wright prevede Darryl Reynolds e il transfer da Fordham, Eric Paschall a contendersi i minuti da centro, un 2.06 e un 2.01 non esattamente il vostro prototipo di rim protector. Il secondo, però, sta sorprendendo grazie ad ottime prestazioni, come i 17 punti con 3/6 dall’arco contro Western Michigan, e alla sua versatilità.

Eric Paschall (Villanova)

Eric Paschall

Paschall può, infatti, occupare tutti gli spot dal 2 al 5. Nel suo anno in maglia Rams, nel quale è stato premiato come Freshman of the Year della Atlantic 10, ha giocato, infatti, principalmente da guardia. Ma grazie a un una massa muscolare da centro piuttosto che da esterno, coach Wright ha deciso di reinventarlo stretch-five, nel tentativo di costruire un Jenkins 2.0. Grazie al suo fisico, infatti, costruisce sempre interessanti mismatch contro gli avversari: può portare i suoi marcatori più piccoli di lui in post oppure, grazie al suo range di tiro, portare i centri avversari a seguirlo fin oltre la linea da tre (7 triple a segno in stagione). Pecca ancora di inefficienza e non si trova totalmente a suo agio nel sistema di gioco dei Wildcats, ma dategli il tempo di ambientarsi e coach Wright farà di lui l’ennesimo prodotto dell’equazione novaniana: talento+pazienza+lavoro=successo.