Quote by Here come the freshmen

01/07/2016

The prize for best big men is likely to be an affair among Harry Giles, Bem Adebayo and Marques Bolden. When we are considering shooters, the names to keep in mind will probably be Malik Monk, Rawle Alkins and Josh Langford. As for point-guards, expectations are sky-high for Markelle Fultz but De’Aaron Fox and Lonzo Ball will make their case. And nowadays, it’s hard to forget about small forwards, arguably the most important slot in the modern NBA and as a consequence, under deep scrutiny at college level. It will be a long year for Josh Jackson and Jayson Tatum, and they won’t just have to live up to the promise, but pay attention to their competitors, with Miles Bridges ready to make some noise. The freshmen class of 2016 is an injection of high level talent and expectations.

Here is a list of the top 10 talents as voted by three of the most important recruiting websites:

GiocatoresquadraruoloEspnScoutHoopsRivalstotale
1- Josh JacksonKansasSF2111,3
2- Harry GilesDukePF1221,6
3- Jayson TatumDukeSF3433,3
4- Markelle FultzWashingtonPG7355
5- Lonzo BallUCLAPG4745
6- De’Aaron FoxKentuckyG6666
7- Bam AdebayoKentuckyPF51177,6
8- Jonathan IsaacFloridaSF12588,3
9- Malik MonkKentuckySG913910,3
 10- Miles Bridges Michigan St SF 8141010,6

Let’s consider how this 2016 class is shaping the teams and the season that will come.

Duke’s height

Duke is the clear favorite at season start. The Blue Devils recently decided to follow the “Kentucky way”, signing big names who will most likely declare for the draft in June. Their recruitment brought to campus the aforementioned Giles and Tatum as well as PG Frank Jackson, center Marques Bolden and power forward Javin DeLaurier. That is a lot of talent and height. Giles relies on his strength and verticality to dominate the game. He has already drawn comparison to a young Chris Webber and has been labeled “the next Kevin Garnett”. These labels are, of course, silly, but they are a good measure of the hype surrounding him. He will be a lottery pick, and has a fair chance to be the first selection. The fact that his teammate Jayson Tatum is not far behind Giles only confirms how good this recruiting class is for Duke. Tatum is an all around player who needs to bulk up – à la Brandon Ingram, but with a better start – and improve on a few aspects of the game to be dominant. Among the rest, Bolden is a name worth keeping an eye on. He has the potential and the physical tools to climb up the ranks.

 

Kentucky’s backcourt

UK has its usual collection of future NBA talent, and Monk, the best shooter in this class, Fox, the best pure scorer, and Adebayo, the most powerful big men, are there to prove it. The Wildcats also recruited Wenyen Gabriel, a power forward who would be a starter anywhere else in the NCAA, Sacha Killeya-Jones, an athletic 6-11 power forward too skinny for his position and Tay Wynyard, from New Zealand. They will make for one of the tallest teams next season. The most exciting duo will be Monk and Fox, who put on a show at the last Jordan Brand Classic (they were the only two players to score more than 20 points), because of their offensive talent and scoring abilities. And we could complete a legitimate “Big 3” with Adebayo, who is sometimes stubborn with his post moves and might not read double teams particuarly well, but he proved at the McDonald’s All American that he can be a factor inside the paint.

 

Kansas frontcourt

Josh Jackson is your average 6-6 two-way wing who might be the number one pick in an era where the forward spot is the most important position in the NBA, and he will share the floor with 6-11 center Udoka Azubuike and 6-8 power forward Mitch Lightfoot. However, Jackson will steal the spotlight more often than not, as he is considered the must-see player of the 2016-17 season if there is one. He lives his game constantly on the attack, relentlessly probing any kind of defence, fighting on every loose ball and never taking breaks. If he had to develop a reliable jumper, he will be a lock as a first round pick.

 

UCLA, it’s payback time

UCLA deserves more words than a short paragraph, but the addition of Lonzo Ball and TJ Leaf sure make for an interesting team next season. Lonzo Ball is a 6-5 PG projected to go in the first round in June. He has the talent to score, but his record 13 assists at the McDonald’s All American turned a few heads. He tends to fall in love with the pretty pass, costing him more turnovers than you would like, and his shot selection is questionable at times, but, as of now, that’s splitting hairs. His pick-and-roll partner will be Leaf, a big man who can score both from the inside and the outside, but needs to work on his defensive game and rebounding.

 

Michigan State, change is brewing

Coach Tom Izzo has never recruited so well. The fact that a prospect like Miles Bridges, tenth in the list above, will play for the Spartans should scare every opponents, because as far as physical tools go, he’s second to none. His deficiencies in the shooting department hurt his stocks, but if he had to improve on his jump shot, he will be a factor in the Big Ten. And coach Izzo will also have Josh Langford, a deadly shooter at 6-6.

 

In no particular order

No slot in the next draft is “locked” yet, but it is safe to assume Markelle Fultz (Washington) will be one of the first names called by Adam Silver. He is a true point guard, not necessarily the most explosive or athletic but he can run an offence, score when needed and be a factor on defence (no one had ever recorded 5 steals at the Nike Hoop Summit). It is almost a shame that Chriss and Murray jumped to the NBA.
Another prospect to keep an eye on is Jonathan Isaac (Florida State). He is very tall, incredibly skinny and he is the proverbial jack-of-all-trades: he does everything well but excels at nothing. And players with that kind of skills, and the potential to grow into all-around players who can be taught to excel in a one or two aspects of the game, are considered the future of the NBA.

If you are curious about one of the players who is sure to be selected at the next draft, on Youtube you will find a series of ten videos where an incredibly shy Fultz tells his own life while showing most of his highlights. This is the first chapter:

Nobody saw them coming but…

There are too many freshmen, if we had to describe them all… nobody would read about them. We would still like to point out a couple of under-the-radar names that could leave their mark on the season. Players like Rawle Alkins (Arizona), for example, who is sure to be a factor at least on offence, given his physical profile, ball handling, outside shooting and his ability to attack the rim. Those who are still in love with Villanova should keep an eye on Omari Spellman, who comes with a reputation as a solid player and will likely pile up double-doubles all season long. And finally, a player that is out of most conversations but a favourite here at basketballncaa.com is Braxton Key (Alabama), from Oak Hill Academy, the MVP of the High School final his school won over La Lumiere. He finished with 20 points, scored the two free throws that brought the game to overtime and a key basket that kept Oak Hill alive in OT. And he is a good passer and rebounder, which makes the whole package even more interesting.

If you have a couple more minutes to spare, you can watch game highlights here. Keep an eye on our man, wearing #3

Quote by Arrivano i nuovi freshmen

Tra i lunghi la guerra sarà tra Harry Giles, Bem Adebayo e Marques Bolden. Se parliamo di tiratori se la battono Malik Monk, Rawle Alkins e Josh Langford mentre nel ruolo di point guard troviamo Markelle Fultz, De’Aaron Fox e Lonzo Ball. Infine nel sempre più fondamentale ruolo di ala piccola Josh Jackson e Jayson Tatum si contenderanno la palma di migliore del ruolo, ma occhio a Miles Bridges. La classe dei freshmen 2016 porterà nel college basketball una nuova informata di talento e aspettative.

Per cominciare ecco l’elenco dei primi 10 talenti in una particolare classifica che riunisce i voti dei 3 principali siti di recruiting

GiocatoresquadraruoloEspnScoutHoopsRivalstotale
1- Josh JacksonKansasSF2111,3
2- Harry GilesDukePF1221,6
3- Jayson TatumDukeSF3433,3
4- Markelle FultzWashingtonPG7355
5- Lonzo BallUCLAPG4745
6- De’Aaron FoxKentuckyG6666
7- Bam AdebayoKentuckyPF51177,6
8- Jonathan IsaacFloridaSF12588,3
9- Malik MonkKentuckySG913910,3
 10- Miles Bridges Michigan St SF 8141010,6

Vediamo adesso più da vicino dove giocheranno i freshman da tenere d’occhio la prossima stagione.

I centimetri di Duke

Al primo posto c’è Duke, che negli ultimi anni ha iniziato a “seguire” la scuola Kentucky fatta di massicci reclutamenti di one-and-done, cioè giocatori destinati quasi sicuramente a lasciare il college dopo un anno. I Blue Devils partiranno da super favoriti nella nuova stagione grazie al reclutamento dei citati Giles e Tatum unito a quello della PG Frank Jackson, del centro Marques Bolden e dell’ala grande Javin DeLaurier. Un’infornata di centimetri e muscoli pazzesca. Giles è un giocatore che fa della potenza e della verticalità il suo marchio di fabbrica, qualcuno lo chiama “the next Kevin Garnett“, altri lo paragonano al giovane Chris Webber che fa un po’ specie ma dà l’idea dell’hype che c’è intorno al ragazzo. Ad oggi è considerato lottery pick senza “se” e senza “ma” con possibilità di prima scelta assoluta. Gode di più credito del compagno di squadra e tuttofare Tatum, un vero all-around longilineo (potrebbe ricordare Brandon Ingram, ma più muscoloso) cui mancano pochi dettagli per diventare dominante. Dei tanti freshmen segnaliamo infine Bolden, il cui potenziale sembra enorme e che ha fisico per scalare posizioni tra i migliori lunghi del college.

Kentucky a trazione posteriore

Il miglior tiratore del lotto (Monk) insieme al miglior realizzatore d’istinto (Fox) e al più potente sotto canestro (Adebayo) fanno di Kentucky la solita squadra che colleziona talenti da Nba. La truppa dei freshmen viene poi arricchita da Wenyen Gabriel che sarebbe un’ala forte titolare in qualsiasi altra squadra della nazione, Sacha Killeya-Jones 6-11 longilineo e verticale (la sua storia ve la racconteremo, al primo anno di HS era alto 1,82 e ha finito a 2,11) e il neozelandese Tay Wynyard che faranno di UK una delle formazioni mediamente più “alte” la prossima stagione. La coppia più eccitante è quella formata da Monk e Fox, che hanno dato spettacolo nel corso del Jordan Brand Classic (entrambi e unici sopra i 20 punti) grazie alla loro capacità di fare canestro, soprattutto dalla distanza. A questo aggiungete Adebayo che ogni tanto si innamora troppo del suo post basso e che non sempre legge bene i raddoppi, ma che resta una “bestia” d’area, come fatto vedere al McDonald’s All-American.

Kansas, solo lunghi

Josh Jackson è un’ala piccola di 2 metri e assieme a lui arrivano ai Jayhawks Udoka Azubuike (6-11) e Mitch Lightfoot (6-8) cioè un centro e un’ala grande. Di fatto però la squadra allenata da Bill Self ha fatto parlare più per il reclutamento di Jackson che sarà uno dei must-see della stagione 2016-2017. Jackson vive costantemente in modalità “attacco”: è una furia nell’andare a canestro e finora ha sempre mostrato un’instancabile voglia di correre e lottare. Di fatto gli manca un tiro affidabile da dietro l’arco per trasformarsi nella prima scelta assoluta del draft 2017. Intendiamo una prima scelta “blindata” perché comunque oggi è già considerato da molti la probabile prima chiamata, anche se ci sono giocatori che lo insidiano.

UCLA e l’anno del riscatto

Sui Bruins promettiamo un approfondimento a breve. Di sicuro l’inserimento di Lonzo Ball e T.J. Leaf fa di UCLA una squadra da tenere d’occhio per la prossima stagione. Lonzo Ball è una PG alta quasi 2 metri data oggi sicuramente al primo giro in tutti i mock draft. Realizzatore? Sì ma non solo, e il suo record di 13 assist stabilito proprio al McDonald’s All-American (l’evento con più scout Usa in assoluto) ha fatto agitare le penne sui taccuini. Ecco, per essere una PG a volte eccede nella ricerca del passaggio a effetto (e quindi incappa in palle perse) e deve migliorare la selezione di tiro, ma al momento è giusto questione di cercare il pelo nell’uovo. Al suo fianco ci sarà Leaf, il classico lungo bianco capace di segnare da sotto e da fuori, poco intimidatore e rimbalzista e più votato all’attacco che alla difesa.

A Michigan State c’è aria di cambiamento

Coach Tom Izzo non ha forse mai reclutato così bene. Decimo nella “nostra” classifica, pensare che un atleta del calibro di Miles Bridges finisca in maglia Spartans dovrebbe spaventare gli avversari, visto che quanto a “fisico” non è secondo davvero a nessuno. E allora perché solo decimo? Perché non ha molto tiro, ma se mostrerà miglioramenti in questo fondamentale potrà essere una sorpresa nella Big Ten quest’anno. Occhio che Izzo potrà contare anche su Josh Langford un 6-6 dal tiro mortifero.

In ordine sparso

Al momento ci sono poche certezze sul draft 2017, ma tra queste c’è che nelle prime 5 chiamate finirà Markelle Fultz di Washington, cioè un giocatore di quelli che abbiamo definito “play old style”. Parliamo di point guard nel vero senso del termine, quindi non dotate di due gambe con i razzi dentro, ma capaci di ragionare, tirare (e segnare) quando serve e mettere tanta pressione difensiva (5 palle recuperate al Nike Hoop Summit, record storico). Cosa sarebbe potuta essere Washington con Fultz insieme a Chriss e Murray, che invece hanno scelto la Nba, lo possiamo solo immaginare. Altro talento da draft è Jonathan Isaac (Florida State), un’ala piccola alta alta, magra magra, che sa fare tutto abbastanza bene e (al momento) niente in maniera davvero superba. Ecco, Isaac è il prototipo del basket 2.0 e ovviamente per questo non può non piacere agli scout Nba.

Se volete divertirvi e sapere di più su una delle prime scelte del prossimo draft, su Youtube c’è una serie in 10 capitoli in cui un timidissimo (vi basta vedere 3 secondi per capire…) Fultz racconta la sua vita (argh!) ma mostra anche la maggior parte degli highlights della sua carriera. Questo il primo

Le sorprese

I freshmen sono così tanti che descriverli uno per uno richiederebbe un articolo che in fondo… nessuno avrebbe voglia di leggere. Ci permettiamo però di segnalare giocatori meno noti, poco sotto i riflettori, che potrebbero davvero avere un immediato impatto. Uno è Rawle Alkins di Arizona che scommettiamo si farà sentire subito almeno in attacco, visto che coniuga fisico da toro, ball-handling, capacità di arrivare al ferro e tiro da fuori. Per chi si è innamorato di Villanova segnaliamo invece Omari Spellman, ovvero sua-solidità-in-persona, una PF che già nell’anno da freshman potrebbe flirtare spesso con la doppia-doppia. Chiudiamo ancora più lontano dai riflettori con un pallino della redazione, Braxton Key di Alabama, vero protagonista (votato MVP) della finale delle high school vinta da Oak Hill Academy contro La Lumiere (dopo aver rischiato di perdere alla fine dei regolamentari e dell’overtime). Una gara vera e combattuta, non un’esibizione. Mano che non trema (20 punti, i due liberi del pareggio a fine gara e il tiro che ha tenuto in vita Oak Hill in OT) e capacità di produrre assist e rimbalzi fanno di Key un giocatore da tenere d’occhio.

Se avete ancora 4 minuti liberi, guardatevi il video per capire che partita è stata. Key gioca con la maglia numero 3