Quote by Looking for the next Buddy Hield

28/08/2016

To be the very best. Who would say no to that? In sports there are ways to acknowledge and reward greatness, the Heisman Trophy in college football, the Golden Ball in European football, the MVP Awards in all US professional leagues. A single piece of hardware to reward unique performances. College basketball is different in that there are three different awards electing the best player of the year. First it was the USBWA College Player of the Year, instituted in 1959 and later renamed Oscar Robertson Trophy to honour the legendary guard and winner of the first two editions. Ten years later, in 1969, came the Naismith College Player of the Year, first won by Lew Alcindor, a couple of years before changing his name to Kareem Abdul Jabbar. Last, the  John Wooden Award, with its 1977 first edition that saw Marques Johnson receiving the honor.

Multiple awards should produce different winner every season but the truth is they usually go the same player, with David West and TJ Ford in 2003 being the last players to split the awards. This happens because the voting committees usually keep the same criteria when considering the player’s eligibility and during the voting process. First, a player is eligible if he has a GPA of 2.0 or higher. Second, the player must be effective on both sides of the court (this is arguably the loosest criteria), making him the most important player on the team. Third, he must be a model citizen.

In the upcoming season, we will award our own virtual Player of the Year Trophy. The first step, then, is to set a few rules and criteria to follow during our year-long POY watch:

  1. The player must be part of an All-Conference First Team.
  2. The player must be the leader of his team, talent-wise and/or emotion-wise.
  3. The player’s statistics will have to mirror the relevance of his role on the court.
  4. The player’s impact will be evaluated using the havoc rating, a mark handed by Ncaabasket which ranges from 1 (for a barely acceptable performance) to 5 (for total dominance).

And of course, it’s pre-season so let’s have a little fun and name a few players who should be considered early candidates for this award.

Grayson Allen, guard (Jr) Duke Blue Devils

Grayson Allen - Duke

Grayson Allen – Duke

Allen is the frontrunner for the Ncaabasket POY Award. He is heir to Laettner and Reddick as the new white-hated-boy, and last season he took the role of emotional leader for a team that badly needed one. He will now be in his junior year – thus providing experience and wisdom to the team – and will have big responsibilities in crunch time. He won a title a couple of seasons ago, had a huge performance in the title game, and then backed it up averaging 21.6 PPG, 4.6 RPG and 3.5 APG the following year, proving it was not a fluke. His havoc rating is 4, enough to sit on top of our rankings, and he has the potential to reach a 5. He was a member of the All-ACC First Team last season.

Jaron Blossomgame, small forward (Sr) Clemson Tigers

Jaron Blossomgame - Clemson

Jaron Blossomgame – Clemson

Another ACC player who has a real chance to finish on top. By far the most talented player on the Tigers roster, a few experts argued that he will ramp up the draft boards as the season unfolds, much like Buddy Hield. He plays small forward and can score from distance at a good rate despite shaky mechanics. He is a good rebounder and a versatile defender who relies on his athletic skills. Last season he averaged 19 PPG with a 61% TS% and 7 REB. He and Allen were part of All-ACC First Team and his havoc rating is 3.

Nigel Hayes, power forward (Sr) Wisconsin Badgers

Nigel Hayes - Wisconsin

Nigel Hayes – Wisconsin

In his first season as the uncontested leader and go-to guy of his team, he was a non-factor in the tournament. However, Hayes is part of the best stretch in the Badgers history. To solidify his legacy he will have to bounce back and lead his team on a deep tournament run. His statistics are not spectacular, and he will have to improve them to catch up with the other players listed here. Yet, his talent and fundamentals are not in question: he is an All-Big Ten First Team and the best player on a team that kept all of its key pieces. His havoc rating is 3, but he has the potential to climb a few positions.

Josh Hart, guard (Sr) Villanova Wildcats

Josh Hart - Villanova

Josh Hart – Villanova

Villanova’s run last season was unbelievable, and Hart was a key part of it. He was and is the soul of the team, as well as a great shooter, but he will have to raise it up a few notches since the Wildcats lost both Arcidiacono and Ochefu. He already is one of the best perimeter defenders in the nation, and Villanova‘s offence will go through him a lot more, since he is likely to be their best option. There are too many questions still unanswered to be accurate with his havoc rating, that’s why he will start with a 2, but if things go the way they should for the Wildcats, it could soon jump to 4.

Justin Jackson, small forward, (Jr) North Carolina Tar Heels

Justin Jackson - North Carolina

Justin Jackson – North Carolina

An unexpected choice, but a favourite here at Basketballncaa.com and one that is likely to sneak in anyway. Jasckson does not have the averages nor the control of the team to be in this conversation nor was he named All-Conference First Team. Why is he on this list, you ask? Because his havoc rating is 4, which might help him collect all the other pre-requisites. With Brice Johnson and Marcus Paige gone the Tar Heels have no real go-to guy, and Jackson is the first candidate to step into that role. If that will be the case, he will spend a lot more time on the court and his scoring will inevitably go up. That will most certainly get him an All-Conference First Team spot. It might be Justin Jackson year.

Quote by Chi sarà l’erede di Buddy Hield?

Essere il migliore. Chi non vorrebbe riuscirsi? In ambito sportivo esistono dei premi che certificano questa grandezza, l’Heisman Trophy nel college football, il Pallone d’oro nel calcio, i premi di MVP in tutte le leghe professionistiche americane. Il fattore comune è che esiste un unico riconoscimento. Il college basketball invece è diverso e infatti convivono da anni addirittura tre trofei che premiano il best player of the year: il John Wooden Award (dal 1977) che si affianca al Naismith College Player of the Year (dal 1969) e al più antico Oscar Roberson Trophy (dal 1959).

In realtà di solito i premi vanno allo stesso giocatore ma ogni anno esiste la possibilità di avere tre MVP per la stessa stagione (l’ultima volta nel 2003 con TJ Ford e David West). Le commissioni di solito applicano gli stessi criteri con cui votare. Primo su tutti è che il GPA, cioè la media dei voti, dell’intera esperienza al college sia superiore al 2.00, secondo che il giocatore abbia un impatto su entrambi i lati del campo (criterio non sempre rispettato) quindi essere fondamentale per la propria squadra e infine essere un cittadino modello.

Quest’anno anche noi assegneremo un premio e per farlo iniziamo a elencare qui i criteri che seguiremo per l’assegnazione.

  1. dovrà essere nominato nel primo quintetto della propria conference
  2. dovrà essere leader/cuore pulsante della propria squadra
  3. dovrà avere statistiche che certificano il suo rendimento in campo
  4. sarà valutato il suo impatto in campo tramite un punteggio da 1 a 5 (attribuito da Ncaabasket), chiamato havoc rating, dove il cinque è equiparabile a dominio pressoché incontrastato e l’uno a rendimento appena sufficiente

Detto questo, ecco la nostra personale classifica dei papabili candidati per il premio.

Grayson Allen, guardia (Jr) Duke Blue Devils

Grayson Allen - Duke

Grayson Allen – Duke

Allen è il principale candidato per il premio di Basketballncaa. L’erede di Laettner e Redick è il cuore pulsante della squadra, soprattutto quest’anno sarà il più esperto e avrà in mano i palloni che scottano. Il nuovo white-hated-boy di Duke ha già un anello al dito, vinto anche grazie ai suoi minuti di onnipotenza nella finale di due anni fa, e le sue statistiche fanno paura: 21 punti a partita, con il 50% dal campo e il 42% da tre, 4,5 rimbalzi e 3,6 assist. Il suo havoc rating è di 4, il che lo ha portato ai vertici di questa classifica, e potenzialmente potrebbe arrivare a 5. Lo scorso anno è stato nominato nel primo quintetto della Acc.

Jaron Blossomgame, ala piccola (Sr) Clemson Tigers

Jaron Blossomgame - Clemson

Jaron Blossomgame – Clemson

Anche lui viene dalla ACC e potrebbe essere un darkhorse interessante per la corsa al titolo. È il giocatore con più talento del roster dei Tigers e c’è addirittura chi sostiene che potrebbe ricalcare le orme di Buddy Hield al prossimo draft Nba. Ala piccola con un’ottima percentuale da tre, ma con una meccanica ancora da perfezionare, difensore atletico e versatile e buonissimo rimbalzista. Lo scorso anno ha viaggiato a quasi 19 punti di media, percentuale di true shooting del 61%, e 7 rimbalzi conquistati. Insieme ad Allen, è stato selezionato nel primo quintetto e il suo havoc rating è di 3.

Nigel Hayes, ala grande (Sr) Wisconsin Badgers

Nigel Hayes - Wisconsin

Nigel Hayes – Wisconsin

Il suo torneo ha fatto storcere il naso un’po a tutti, però Hayes è stato parte integrante del ciclo più forte della storia dei Badgers e può certificarlo con una stagione ai massimi livelli. Le incognite non mancano, infatti alla prima stagione da leader indiscusso è mancato nel momento più bello, al torneo, dove è stato un lontano parente di quello ammirato in stagione. Le statistiche non sono eccezionali e anche qui servirà un miglioramento. Ma i fondamentali e il suo talento non sono in discussione, è un primo quintetto Big Ten ed è il migliore giocatore di una squadra che non ha perso nessun tassello importante. Parte dietro ad Allen nella corsa, anche perché il suo havoc rating attuale è di 3, ma occhio a ciò che può fare.

Josh Hart, guardia (Sr) Villanova Wildcats

Josh Hart - Villanova

Josh Hart – Villanova

Non poteva mancare uno degli artefici della cavalcata di Villanova. Josh Hart è l’anima dei Wildcats ed è  un incredibile tiratore. In più tutta la leadership della squadra sarà sulle sue spalle dopo le partenze di Ryan Arcidiacono e Daniel Ochefu.  Difensivamente è già uno dei migliori, mentre in attacco potrebbe diventare un’arma di distruzione dato che sarà con molta probabilità il principale terminale offensivo dei Wildcats. Primo quintetto della Big East, il suo havoc rating assomiglia ad un tasso variabile, partiamo da 2, ma se tutto va come dovrebbe andare… potrebbe arrivare anche a 4.

Justin Jackson, ala piccola, (Jr) North Carolina Tar Heels

Justin Jackson - North Carolina

Justin Jackson – North Carolina

Questa è una scommessa di Basketballncaa. Jackson non ha né le statistiche né il controllo della squadra per ambire a questo titolo; in più è l’unico a non esser mai stato nominato nel primo quintetto della conference. La domanda sorge spontanea, perché è qui? Per via del suo havoc rating, 4, che potenzialmente potrebbe dargli tutto ciò che manca. Senza Brice Johnson e Marcus Paige, le chiavi dell’attacco Tar Heels sono senza padrone e Jackson è l’indiziato numero per esserlo. Il che dovrebbe portare ad aumentare i suoi minuti giocati e probabilmente anche i suoi punti, 12 di media la scorsa stagione. Da lui ci si aspetta anche l’inserimento nel primo quintetto. Se ci abbiamo visto giusto, questo potrebbe essere il suo anno.