Quote by New coaches and hot seats

Some coaches earned their first chance with a big programme, others will be under pressure to deliver. Nothing new in the NCAA, and of course coaches and coaching will be a focus as much as the players. Sometimes, the coaches are stars in and of themselves, and they deserve the spotlight. So here’s a quick recap of what changed on the coaching side in the offseason and who’s worth to keep an eye on in the next months.

UNLV bench was one of the top stories this summer. David Rice was fired and Mark Cronin declined the job. The next candidate was Chris Beard, who led Arkansas Little Rock to a surprising 30-5 record and an upset of Purdue in the first round. Everything was agreed upon, the contract was signed and the formal media presentation was made, until the young coach changed his mind and decided to move to Lubbock and take the head coaching job at Texas Tech, where he was assistant to the legendary Bobby Knight.

Ncaa basketball - Chris Beard (Georgia Tech)

Chris Beard (Texas Tech)

Beard was chosen to take Tubby Smith‘s place, who was offered to replace John Pastner in Memphis. Pastner, a former Calipari assistant who never lived up to the hype in Tennessee, moved to the ACC and took the head coaching seat at Georgia Tech, a programme that has been out of the tournament since 2010. Finally, UNLV got its head coach in Marvin Menzies, who led New Mexico State to the tournament four times in five years in his first tenure in that capacity. Paul Weir, a former Menzies assistant, will be tasked with contending for the WAC title, and will also have the chance to play against two of the four Italian freshmen in Mattia Da Campo and Scott Ulaneo, now with the Seattle Redhawks.

Josh Pastner (Georgia Tech)

Josh Pastner (Georgia Tech)

The Big 12 will feature two new head coaches. Jamie Dixon, who spent the last thirteen years on the Pittsburgh bench, got the job at TCU. After his good work with the Panthers, worth a couple of 30-win seasons and the Elite Eight in 2009, he will now try to bring back to respectability a programme like TCU that has not been relevant for the last few years. Oklahoma State might be the winner of the offseason in this category after signing Brad Underwood, one of the youngest and brightest minds in the NCAA. It took him only three years to build a winning culture and lead the Lumberjacks to the tournament, thanks to his widely praised motion offence. The difficult task of replacing Underwood in Texas fell to Kyle Keller who, despite being in his first season as head coach, already made clear he wants to create a recognizable Lumberjack brand of basketball and turn Stephen F. Austin into one of the most desirable mid-major in the NCAA, following the example of programmes like Gonzaga, VCU and Wichita State.

Brad Underwood (Oklahoma State)

Brad Underwood (Oklahoma State)

Last but not the least, SEC and ACC had a few changes as well, starting with Kevin Stallings, who moved to Pittsburgh to replace Dixon, while Bryce Drew will move to Vanderbilt. Jerood Hasse, after shocking the NCAA world with the upset of his UAB over Iowa State a couple of years ago, moved to Stanford and the Big 12. Travis Ford, fired by Oklahoma State, is the new head coach of St. Louis. Rick Stansbury, in his first coaching gig after the experience with Mississippi State in 2012, is back at work with Western Kentucky and already turned some heads by recruiting the five-star prospect Mitchell Robinson and by staying in the mix to sign Malik Newman up until the end. Last, but certainly not the least, Mike Dunleavy Sr is back in the coaching business, for the first time on a college bench with Tulane.

Mike Dunleavy Sr. (Tulane)

Mike Dunleavy Sr. (Tulane)

Of course there will be plenty of hot seats, starting with UCLA‘s Steve Alford. Illinois head coach John Groce is likely to be under pressure as well. Last season, a slew of injuries destroyed any kind of chemistry the team was developing, and the Fighting Illini attempt to return to relevance failed before it even got underway. Injuries might excuse such a disaster, but he will have to prove he is the right choice.

John Groce (Illinois)

John Groce (Illinois)

Another coach not living up to expectations is Richard Pitino, who does not seem to be quite at his father level and very much in danger of losing his job in Minnesota. After a decent first season, closed with the NIT title, Pitino Jr never succeeded in turning his players into a coherent team, with poor results in the Big 10. Finally, LSU bench might be available in the near future. Ben Simmons, the biggest talent in Baton Rouge since Shaquille O’Neal, was not enough to go back to winning. And now Johnny Jones is under scrutiny and must get his ticket for the 2017 tournament, especially considering the level of competition in the conference is not prohibitive.

Richard Pitino (Minnesota)

Richard Pitino (Minnesota)

Quote by Nuova stagione, tutti i coach da seguire

Da chi è alla sua prima esperienza con una big a chi invece rischia il posto. Come ogni anno la stagione di Ncaa basketball sarà ricca di storie riguardanti non solo i giocatori ma anche gli allenatori, che per certi versi spesso sono le vere stelle dei programmi universitari. Ecco un ripasso su chi seguire con attenzione la prossima stagione.

Una delle storie più appassionanti dell’estate è quella che ha riguardato la panchina di UNLV che, dopo l’esonero di Dave Rice e il rifiuto di Mark Cronin, era stata affidata a Chris Beard, reduce da una stagione più che positiva nella piccola ma sorprendente Arkansas-Little Rock, dove ha chiuso con un record di 30-5 e l’upset al primo turno del Torneo ai danni di Purdue. Presentazione, firma di contratto, ma quando sembrava tutto fatto, il giovane coach ha deciso che l’aria del Nevada non era poi così salubre e ha impacchettato i bagagli per ritornare a Lubbock sulla panchina di Texas Tech, dove era stato assistente allenatore sotto il leggendario Bobby Knight.

Ncaa basketball - Chris Beard (Georgia Tech)

Chris Beard (Texas Tech)

Beard è stato chiamato per sostituire Tubby Smith che poco prima aveva annunciato che avrebbe lasciato Texas Tech per andare a rimpiazzare l’ex enfant prodige Josh Pastner a Memphis. Pastner, che non è mai riuscito a raggiungere i fasti calipariani nell’università del Tennessee, è invece atterrato in ACC per allenare Georgia Tech, università che manca l’appuntamento con il Torneo Ncaa dal 2010. A rimpiazzare Beard a UNLV è andato Marvin Menzies al suo secondo mandato da allenatore, dopo aver costruito un ottimo programma a New Mexico State, portando la squadra al Torneo quattro volte negli ultimi cinque anni. A sostituirlo alla guida degli Aggies ci sarà invece Paul Weir, assistant coach di lunga data di coach Menzies, che tenterà di vincere il titolo della WAC affrontando in Conference gli italiani Scott Ulaneo e Mattia Da Campo (ve ne abbiamo parlato qui), arrivati a Seattle.

Josh Pastner (Georgia Tech)

Josh Pastner (Georgia Tech)

In Big 12 cambiano le panchine di Oklahoma State e di TCU. Gli Horned Frogs riportano a casa Jamie Dixon, ex coach di Pittsburgh. Dixon, dopo aver portato un paio di volte i Panthers sopra le trenta vittorie e alle Elite Eight, proverà a recuperare un programma come quello di TCU che da anni non riesce ad avere una stagione degna di nota. I Cowboys invece, dopo aver silurato coach Travis Ford, potrebbero aver vinto la palma del “miglior colpo di mercato fra i coach” grazie alla firma di uno degli allenatori emergenti più quotati in Ncaa, ovvero Brad Underwood che in tre anni a Stephen F. Austin ha creato una cultura vincente attraverso la sua rinomata e stimata motion offense e ha sempre portato i Lumberjacks al Torneo. Chi sostituirà Underwood in Texas? Il difficile compito è stato affidato a Kyle Keller che, nonostante sia alla sua prima stagione da capo allenatore, già dalle prime interviste ha dichiarato di voler creare un brand Lumberjacks e di voler rendere l’università una delle mid major più appetibili del panorama Ncaa, ricalcando le orme di Gonzaga, VCU o Wichita State.

Brad Underwood (Oklahoma State)

Brad Underwood (Oklahoma State)

Gli ultimi valzer di panchine riguardano la SEC e la ACC. Kevin Stallings ha rimpiazzato Dixon a Pittsburgh, mentre Bryce Drew (che ha fatto molto bene a Valparaiso e viene da una famiglia di allenatori) volerà a Vanderbilt. Jerood Haase invece, dopo aver stupito due anni fa la nazione portando la sua UAB a sconfiggere l’allora quotatissima Iowa State, avrà la chance di competere in Pac 12 sulla panchina di Stanford, mentre Travis Ford lasciata Oklahoma State si è accasato subito a St. Louis. Rick Stansbury invece, che non allenava dalla stagione 2012 (Mississippi State), è tornato al lavoro con Western Kentucky, facendo scintille già nella prima estate da coach, reclutando un giocatore “cinque stelle” del calibro di Mitchell Robinson, e rimanendo in lizza per firmare anche il transfer Malik Newman (poi finito qui). Tra le novità della stagione ci sarà infine Mike Dunleavy Sr. che torna ad allenare (per la prima volta in Ncaa) dopo una vita lontano dai parquet e guiderà Tulane.

Mike Dunleavy Sr. (Tulane)

Mike Dunleavy Sr. (Tulane)

Oltre alle novità, ci saranno anche panchine roventi nella prossima stagione. Uno dei coach più a rischio sarà sicuramente Steve Alford di UCLA (vi abbiamo raccontato qui perché). Anche John Groce a Illinois non se la passa molto bene: lo scorso anno doveva essere quello del riscatto, ma i Fighting Illini sono entrati in una spirale di infortuni dalla quale non sono più usciti. Ma se gli infortuni gli hanno dato un alibi per la scorsa stagione, Groce adesso è entrato in modalità “o la va o la spacca” e probabilmente gli servirà una grande stagione per continuare ad allenare Illinois.

John Groce (Illinois)

John Groce (Illinois)

Altro coach davvero in difficoltà è Richard Pitino, che sembra lontano dal talento del padre e rischia seriamente il posto a Minnesota. Dopo una stagione d’esordio decente, con la vittoria del NIT, Pitino Jr non è mai riuscito a dare una fisionomia alla squadra che è reduce da una stagione disastrosa in Big 10. Per ora si è fatto notare più per le spese pazze che per i risultati (leggi qui). Infine, altra panchina in bilico è quella di LSU. Non è bastato nemmeno l’arrivo a Baton Rouge di Ben Simmons, ovvero il più grande talento dai tempi Shaquille O’Neal, per tornare a vincere. Per questo Johnny Jones è sulla graticola e dovrà, per forza di cose, tentare di staccare un biglietto per il Torneo, tanto più che la SEC quest’anno non sembra essere cosi irresistibile.

Richard Pitino (Minnesota)

Richard Pitino (Minnesota)