Quote by Day 6, la Top Ten delle migliori giocate

Crolla North Carolina, la prima numero uno ad uscire nel torneo, sotto le triple e le stoppate di Auburn. Duke ringrazia per la seconda volta di fila il ferro che respinge il tentativo di andare all’overtime di Ahmed Hill. Il binomio Kentucky-Difesa si conferma e ne scopre gli effetti anche Houston, mentre Aaron Henry porta dopo quattro anni Michigan State alle Elite Eight. Come aperitivo, vi offriamo la nostra quotidiana Top Ten.

10) Partiamo a razzo con questo scatto paranormale di Jared Harper che crea un contropiede dal nulla, tagliando in due la difesa di North Carolina.

 

9) Chuma Okeke si materializza dal nulla e stoppa ogni volontà di entrare nella nostra Top Ten di Nassir Little.

 

8) Tremont Waters balla con il suo difensore e mette a segno una tripla in step back che che farà alzare qualche sopracciglio agli scout Nba.

 

7) Quando pensi che hai battuto Zion dal palleggio, ma poi ti accorgi che no, è ancora lì pronto a stopparti con potenza.

 

6) Per una volta, RJ Barrett si prende il palcoscenico con un canestro tra casualità e talento.

 

5) Spettacolare alley oop Robinson-To-Hill e anche Virginia Tech si prende il suo posto nella Top Ten.

 

4) Iniziamo con la Zion Zone: parte in post basso, si gira a gran velocità e spicca il volo verso una schiacciata potente.

 

3) Dalla difesa all’attacco. PJ Washington stoppa e Herro confeziona la tripla del vantaggio per far tornare Kentucky alle Elite Eight dopo due anni.

 

2) Zion in aiuto significa morte certa. Kerry Blackshear tira ma il pallone gli torna indietro tra le mani.

 

1) Tre Jones+Zion Williamson=Alley Oop e primo posto della Top Ten.