Quote by Embiid is the Process, the Process is Embiid

20/01/2017

BN often named luck as a key element for teams and players on draft night. The draft is the most common way to go when teams have no future and need an injection of talent. The dreaded and infamous “tanking”: the team sucks for one year, gets a high draft pick and “rebuilds”. Sam Hinkie, ex GM of the Philadelphia 76ers, found a glitch in the system, and was ruthless enough to take advantage of it. The 76ers turned tanking into a science.

GMs, owners, coaches and everyone else in between knows that the draft is made of mistakes. It follows that the best way to succeed in the draft is to give yourself the chance to make as many mistakes as possible. Sam Hinkie explained this concept in his resignation letter. That is how The Process was born, the mantra that has been repeated by Philly fans in the last few years.

Jrue Holiday

Jrue Holiday

It began in 2013. On draft night, Hinkie started to tear down a Philadelphia team that was stuck in the Nba no man’s land: they could make the playoff every year but never make it to the Finals. The best player on the team, Jrue Holiday, was traded to the New Orleans Pelicans on draft night for the #6 pick, Nerlens Noel, who had torn an ACL in February and would have spent the Nba season rehabbing. Without the injury he would have been the #1 pick. This was the first step: always pick the Best Talent Available (remainder, the usual choice is Best Player Available, which is not the same), think about the consequences later. And Trust the Process.

The following year the 76ers were awful: the team was dismantled, no pick to show for it, and a round in the lottery which granted the #3 pick. Another player with huge red flags on his health declared for the draft, a center from Kansas University, Joel Embiid. While Noel was considered a good prospect, experts talked about Embiid as the second coming of Hakeem Olajuwon.

 

Cleveland and Milwaukee pass on him, the health risk is too high and he might never make it on the court. Hinkie does not care. Another lottery pick who will not play next season (he will stay out for two full seasons). The 76ers also have the #10 pick in the draft and they choose Elfrid Payton, only to trade him a few minutes later to the Orlando Magic for Dario Saric, who will spend the next two seasons in Europe. Two top 10 picks, none of the player will show up at training camp. You’ve got to Trust the Process

Three lottery picks in two years, at the beginning of the third year only one of them is playing, the most offensively challenged of the three. The heat is on, the 76ers get trashed on and off the court for their game and their behavior. Nobody likes Sam Hinkie. Nobody likes what he is doing because he even half admitted he has been doing this on purpose, he has been signing non-Nba talent because he wants his team to increase the odds of a #1 pick. 2015 draft, Philadelphia has the #3 pick. Karl-Anthony Towns goes to Minnesota, D’Angelo Russell to the Lakers. The 76ers pick Jahlil Okafor, a plodding center, as talented as he is slow, in an era where teams are abandoning the post game to play faster and shoot threes. He is also the fourth frontcourt player in three lottery runs. You’ve go to Trust the Process.

 

The Noel-Okafor pairing is a complete failure, the 76ers are embarrassing again despite yet another lottery pick. The roster lacks the talent to even compete. The 76ers are a joke. As the management is changing the course and not sticking to the plan, Hinkie resigns. On draft night, the 76ers finally have the #1 pick and choose Ben Simmons, who fit in so well with the team he immediately suffers a Jones fracture in his foot and is forced to undergo surgery. He will likely miss the whole season (rumors have it he will be back in late February, after the All Star Game). But Saric and Embiid will be available. There is hope. The Cameroonian takes the Nba by storm. When he is on the court, Philadelphia gives the feeling to be competitive against anyone. As the season rolls on, Saric is proving to be a good piece for the future.

 

After the umpteenth foot injury that kept him out for the first few months of the season, Noel is back. There are issues with the management, the ex Kentucky wants to play and earn a big contract next summer (which he will get). Embiid proves to be a true leader on and off the court, and let the management know he wants to play with Noel, because Nerlens is his best friend and they can be a good defensive combination. He says in an interview. Coach Brett Brown decides to try it. The 76ers need to play Noel to decide what to do with him in the future (Philadelphia can match any offer Noel receives in the summer). The 76ers go on to win 7 of 9, with Noel and Embiid anchoring the defense and carrying the team to a 99.0 defensive rating in the month of January, first time the 76ers defensive rating is below 100 in over a year. Speaking of Embiid:


Embiid’s friendship will not keep Noel in Philadelphia, he might be traded midseason or bolt in July. Okafor is the odd one out: incredible talent, but he plays the wrong position in the wrong environment. His trade value is plummeting. He currently is out of the rotation, and when Simmons will be back he will lose even more. Both Noel and Okafor have to go.

The best is yet to come in Philadelphia. The 76ers might make the playoff, they are not that far from the 8th spot right now, but they will probably miss and stay in the lottery. They are going through a run that could flame out soon and let them earn a top 10 pick. And Philadelphia will also receive the Los Angeles Lakers’ first round pick, as long as it’s not a top 3 pick.

That means the 76ers might have two top 10 pick next June, and add two players out of the following group: Markelle Fultz, Lonzo Ball, Dennis Smith, Josh Jackson, Jayson Tatum, Malik Monk, Frank Ntilikina, Miles Bridges, and De’Aaron Fox. Add to that Ben Simmons returning. With Joel Embiid to lead them (first 76er to have 10 consecutive games with 20+ points since Allen Iverson).

Coaches and management say the plan is to have Simmons play the point, the same plan the Milwaukee Bucks used for Giannis Antetokounmpo. Simmons, Embiid and three shooter around them, all of the 23-and-under, make for a fascinating group and could have a great future in the league. With Embiid, everything is possible.

All credits should go to Sam Hinkie, he brought Philadelphia on the brink of success and was pretty much forced to resign. In the meantime, after many painful years, the 76ers fans see the light at the end of the tunnel and the results of the plan developing on the court. It is not yet the time to label it a success, but for all those who put their faith in the Process, it is too late to go back. Trust the Process, just a little longer.

Quote by Embiid is the Process, the Process is Embiid

Abbiamo spesso discusso qui su BN di come serva una buona dose di fortuna a squadre e giocatori perché le scelte al draft funzionino. Le squadre che sanno di non avere un futuro roseo di solito fanno “tanking” per un anno, ovvero perdono partite più o meno volontariamente per guadagnare una buona posizione al draft. Sam Hinkie, ex general manager dei Philadelphia 76ers, negli scorsi anni ha trovato un bug al sistema, e ha sviluppato il primo progetto di “tanking sistematizzato”.

Tutto nasce da una riflessione, ripetuta anche nella sua lettera di dimissioni, poi divenuta pubblica. Il draft è fatto di errori, l’unico modo per ridurre al minimo gli errori è avere quante più possibilità di sbagliare possibile. Fu così che nacque “The Process”, il mantra che i tifosi dei 76ers si ripetono ormai da anni, anche dopo le dimissioni del suo ideatore.

Jrue Holiday

Jrue Holiday

Tutto cominciò la notte del draft 2013, quando Hinkie decise di smantellare una squadra che poteva al massimo ambire ai playoff ma senza alcuna speranza di arrivare in fondo. Il miglior giocatore di quella squadra, Jrue Holiday, venne ceduto ai New Orleans Pelicans in cambio di Nerlens Noel, scelto alla #6 al draft a causa di un infortunio che lo avrebbe tenuto fuori tutta la stagione. Senza l’infortunio, sarebbe stato la prima scelta assoluta. Già in questa occasione si doveva riconoscere la strada scelta dall’ex GM. Prendere il miglior talento disponibile, sempre, senza considerare i risultati immediati. Trust the Process.

L’anno successivo i 76ers fecero una stagione pessima, e ottennero la terza scelta. Ancora una volta, un giocatore si affaccia al draft con grossi punti interrogativi sulla tenuta fisica. Ancora una volta un lungo, da Kansas. Joel Embiid. Se Noel era un buon prospetto, Embiid è la seconda venuta di Olajuwon.

 

Cleveland e Milwaukee lo scartano, troppe domande sul futuro del ragazzo, troppi infortuni che gli potrebbero impedire di avere una carriera. Hinkie non si fa problemi. Altra scelta in lottery, altro giocatore che non vedrà il campo almeno per una stagione (in realtà saranno due). Sempre 2014, Philadelphia ha la scelta #10 e decide di prendere Elfrid Payton, ma solo per girarlo agli Orlando Magic, ottenendo in cambio Dario Saric, che verrà lasciato a maturare in Europa per due stagioni. Trust the Process.

Tre scelte in lottery in due anni, solo una a scendere in campo, e con un anno di ritardo. Potenzialmente quella meno talentuosa delle tre. Le critiche sull’operato dei 76ers sono pesanti, la squadra è imbarazzante, i giocatori a roster non sono da Nba. Non si prova neanche a correggere la situazione, è una situazione creata ad arte, manca solo l’ammissione. Salto alla lottery 2015, ancora una terza scelta. È l’anno di Karl-Anthony Towns a Minnesota e D’Angelo Russell ai Lakers. Philadelphia sceglie Jahlil Okafor, centro lento e pesante con mani sopraffine, giocatore da servire in post in un’epoca in cui le squadre se ne allontanano. Soprattutto, è il quarto lungo scelto in lottery in tre anni. Trust the Process.

 

In stagione, l’esperimento Noel-Okafor va malissimo, la squadra perde di nuovo e il talento latita. Finalmente arriva il draft e la tanto agognata prima scelta, Ben Simmons, che prontamente si rompe un piede e resta fuori per tutta la stagione (anche se le ultime voci parlano di un probabile esordio dopo l’All Star Game di febbraio). Ma la prospettiva di avere Embiid e Saric disponibili offre una speranza. Il camerunese è un ciclone in campo e si ha la sensazione che Philadelphia sia competitiva contro chiunque quando lui è in campo. Con il passare della stagione, arrivando a oggi, Saric ha dimostrato di essere un’ottima aggiunta e, se continuerà così, potrà essere un fattore anche a lungo termine.

 

Dopo l’ennesimo infortunio al piede, che lo ha tenuto fuori nei primi mesi di stagione, Noel è tornato in gruppo. La tensione con la dirigenza è palpabile, Noel vuole giocare e guadagnarsi un nuovo contratto. Embiid, dimostrandosi leader anche fuori dal campo, fa sapere a mezzo stampa che Noel è il suo migliore amico in squadra e che vorrebbe giocare con lui. Embiid è convinto che, grazie alle loro particolari caratteristiche, possano essere una grande accoppiata. Coach Brett Brown decide che è tempo di provare la soluzione. I 76ers dovevano comunque provare l’esperimento per prendere una decisione su Noel, che riceverà offerte importanti in estate. Ed è così che Philadelphia vince 7 delle ultime 9, puntando sulla difesa di Embiid e Noel e facendo registrare un Defensive Rating di 99.0 per il mese di gennaio, prima volta sotto i 100 in oltre un anno. E a proposito di Embiid:

L’amicizia con Embiid non tratterrà Noel, che si sposterà verso altri lidi già in stagione o più probabilmente in estate (anche se non controlla del tutto il suo destino). Okafor è un pesce fuor d’acqua già adesso: talento sopraffino, ma è nella situazione sbagliata al momento sbagliato, e il suo valore scende a picco. Poco spazio nelle rotazioni, quando lo trova è dannoso e quando Simmons tornerà, i minuti scenderanno ancora.

La parte più affascinante è quello che succederà il prossimo giugno. Philadelphia ha un rendimento da playoff nel mese di gennaio, e l’idea di raggiungere l’ottavo posto nella Eastern Conference non è poi così folle. Più facile che rimanga in lottery, forse nelle prime 6-7 posizioni. Inoltre, ai 76ers andrà anche la scelta dei Los Angeles Lakers, a condizione che rimanga fuori dalla top 3, una situazione che non è mai sembrata tanto probabile come quest’anno.

Philadelphia potrebbe trovarsi a giugno con due scelte in top 10, ovvero due rookie da scegliere in questo elenco: Markelle Fultz, Lonzo Ball, Dennis Smith, Josh Jackson, Jayson Tatum, Malik Monk, Frank Ntilikina, Miles Bridges e De’Aaron Fox. Ai quali si aggiunge il ritorno di Ben Simmons. Guidati da Joel Embiid, che sta riscrivendo record su record in termini di efficienza per un rookie.

Secondo quanto detto finora dalla dirigenza, il progetto è di usare Simmons come point-guard, di fatto imitando i Milwaukee Bucks e Giannis Antetokounmpo. Simmons, Embiid e tre tiratori intorno, tutti sotto i 23 anni, sono un gruppo affascinante, un gruppo che può avere un grande futuro nella lega. E onestamente, con Embiid tutto sembra possibile.

Il merito di tutto questo va a Sam Hinkie, che è stato ringraziato per aver riportato la franchigia sull’orlo del successo con un licenziamento. Intanto, dopo tante sofferenze, i tifosi di Philadelphia iniziano a vedere la luce in fondo al tunnel e soprattutto, a vedere i risultati per la loro fede nel progetto. È troppo presto per dichiarare tutta l’operazione un successo, ma il premio sembra a portata di mano. Trust the Process.