Quote by Arike Ogunbowale’s Mad March

08/04/2018

Uconn just lost a semifinal game in the Ncaa tournament on a buzzer beater, for the second consecutive time.

 

The player who took the game winner, Arike Ogunbowale, is walking down the alley to her team’s locker room when she receives the tweet. It’s not the kind of tweet she might receive on any other day. It’s her idol, Kobe Bryant, congratulating her for hitting that shot.

 

At first she can’t believe Kobe actually took to twitter to offer his praise.

But her disbilief is just what Kobe needed to give her a taste of MambaMentality:

With such a blessing the guard could not fail, and she will finish the job 48 hours later with another buzzer beater to give Notre Dame its second National Ncaa title.

 

It was by far the most incredible and thrilling Final Four in a while, and a very good argument against those claiming that the women March Madness tournament is boring and predictable, with Uconn cruising every year to a win and everybody else playing second fiddle.

Early signs seemed to suggest the 2018 Tournament was going to be special. Florida Gulf Coast upsetting Missouri could have been scripted in any other March Madness, but Tennessee losing to Oregon State was a real stunner. Before that game, the Lady Vols home record in tournament games was 57-0. No Tournament is ever complete without Cinderellas, in this case Buffalo and Central Michigan reaching the Sweet 16, and doing it in style: the Bulls had blowout wins against South Florida and Florida State, the Chippewas got past LSU and Ohio State, with the latter being the Final Four host. It was only the third time in Ncaa history that two #11 seeds or lower reach the third game.

The Final Four, however, featured the four #1 seeds, and both semifinals went to overtime. Mississippi State and Louisville faced each other in the first game. The Bulldogs were the favorites, but it was not easy to get a win against the Cardinals and reach the Final for the second consecutive time. After the huge three-pointer by Roshunda Johnson that sent the game to overtime, coach Vic Schaefer gathered his players and told them what they have been repeating to themselves for the whole season: “you are here for this, you were born for this”.

 

And they proved it by dominating in overtime, with Teaira McCowan playing the full 45 minutes and posting a historic double-double of 21 points and 25 rebounds (most rebounds in a F4 game). Asia Durr, ACC Player of the Year, was not enough for the Cardinals.

The tournament was supposed to be a moment of redemption for Uconn. Days before the first game Gabby Williams, the Huskies’ leader, did say that Uconn had something to prove, to everybody and to themselves. And they did show something early in the tournament: on March 17th UMBC made history by winning against Virginia while Uconn made history by destroying Saint Francis 140-52 and setting a bunch of records (including record-level accusations of “lack of pity” and “arrogance”).

After the win against the defending champion South Carolina in the Elite 8, the Huskies seemed ready to get over the loss to Mississippi State they suffered last year. But, their tournament finished once again on a buzzer beater in the overtime of the semifinal.

After the loss, coach Geno Auriemma said: “They thought they had us put away a couple of times, and we kept coming back and coming back and [in the end] we just ran out of time”. The Huskies did force overtime despite being down 5 points with 21 seconds left in regulation, but Arike Ogunbowale’s buzzer beater sent Notre Dame to the Final. It was the first loss of the season for Uconn, who reached the semifinal with 36 wins and 0 losses. Huskies and Fighting Irish had already played each other on December 3rd in the Jimmy V Classic. In that game, Uconn came back from an 11-point deficit to get the win. Coach Muffet McGraw deserves part of the credit. She found a way to make up for the losses of two key players in Brianna Turner and Mychal Johnson to injuries.

48 hours later, the game had more or less the same outcome, but with a different process. Notre Dame won the game coming back, after scoring 3 points in the whole second quarter. Mississippi State enjoyed a 15 point lead in the second half and seemed ready to celebrate its first title. Coach McGraw made a few adjustments on the fly and the Fighting Irish came back to tie the game. Arike Ogunbowale was not playing a particuarly impressive game. 5 for 20 from the field in her first 39 minutes and 57 seconds were not getting it done. Mississippi State’s defense and McCowan (18 points, 17 rebounds) patrolling the paint frustrated her so much she even punched the padded area of the basketball stanchion a few seconds before the final timeout.

Coach McGraw drew an action for Jessica Shepard, the hottest hand for the Fighting Irish, who was 8 for 10 from the field and coud take advantage of McCowan being out of the game with five fouls. Except coach Schaefer had already planned to double team Shepard. Jackie Young didn’t hesitate when she saw Arike moving towards the ball. With her back to the basket and 3 seconds left in the game, Ogunbowale could do only one thing: she turned around, dribbled twice, jumped off one foot and released the shot. The ball took such a high arc it looked like it was never going to come down. But when it did, it splashed through the net.

17 years later, on Easter day once again and with coach McGraw still leading the team, Notre Dame won its second Ncaa title after losing to Texas A&M in the Final in 2011 and to Baylor in 2012 and two consecutive times to Uconn in 2014 and 2015.

Uconn’s dominance seemed inescapable, but the 2018 Tournament proved the opposite. But what now, you might ask? Well, the Fighting Irish will be part of the College Basketball Tour and will be in Italy next August.

 

Quote by Il folle marzo di Arike Ogunbowale

Sono passati pochi minuti da un buzzer beater clamoroso che ha appena condannato UConn alla seconda sconfitta consecutiva alle semifinali.

 

Arike Ogunbowale si trova nel corridoio verso gli spogliatoi quando riceve un tweet. Ma non uno qualsiasi. A scriverle è Kobe Bryant per congratularsi per il bellissimo canestro appena realizzato.

“Grande canestro Arike. Noi in famiglia tifiamo tutti UConn ma amiamo vedere grandi giocatrici fare grandi giocate. In bocca al lupo per domenica”.

 

Incredula davanti a un messaggio del tutto inaspettato, Arike risponde come ogni comune mortale avrebbe fatto nel ricevere un tweet dal proprio idolo:

Finita qui? No, perchè Kobe risponde ancora in pura MambaMentality

E la guardia dalle chiare origini nigeriane ha completato il lavoro nella maniera più spettacolare possibile, segnando solo 48 ore dopo un altro buzzer beater per dare a Notre Dame il suo secondo titolo NCAA.

 

E’ stata questa la conclusione della più assurda ed emozionante Final 4 degli ultimi anni. Una bella risposta a chi si lamentava del fatto che la March Madness femminile fosse diventata ormai monotona, con UConn sempre vincente e le altre a fare da comparse.

Che sarebbe stato un Torneo particolare, lo si era capito già dai primi round. L’upset inaspettato di Florida Gulf Coast ai danni di Missouri faceva tutto sommato parte di ogni March Madness che si rispetti, molto meno la clamorosa sconfitta di Tennessee battuta da Oregon State. Un duro colpo per le Lady Vols che non avevano mai perso tra le mura amiche: 57-0 il loro record nelle partite del torneo giocate in casa. E non potevano mancare le Cinderellas, con Buffalo e Central Michigan arrivate fino alle Sweet 16, e anche in grande stile: le Bulls avevano rifilato oltre 20 punti sia a South Florida che a Florida State, le Chippewas avevano invece superato LSU e poi Ohio State, la squadra di casa delle Final 4. È stata solo la terza volta nella storia della NCAA che due squadre con seed #11 o inferiore hanno raggiunto il terzo turno.

Il loro cammino si è poi fermato prima delle Final 4 dove sono arrivate le favorite, cioè le 4 squadre partite con il seeed #1 con entrambe le partite delle semifinali finite ai supplementari. La prima è stata quella che ha visto opposte Mississippi State e Louisville. Nonostante le Bulldogs fossero le favorite, non è certo stata una passeggiata avere la meglio sulle Cardinals e raggiungere la finale per la seconda volta consecutiva. Tanto che, dopo che Roshunda Johnson ha messo la tripla più importante della sua carriera per mandare la partita ai supplementari, coach Vic Schaefer ha radunato intorno a lui le sue ragazze e ha ripetuto loro quello che è ormai un mantra in casa Bulldogs: “Siete qui per questo, siete nate per questo”.

 

E le sue ragazze lo hanno dimostrato, dominando l’overtime grazie alla clamorosa doppia doppia da 21+25 (record di rimbalzi per una F4) di Teaira McCowan in campo per tutti e 45 i minuti, mentre alle Cardinals non è bastata Asia Durr, ACC player of the year.

Abbiamo già visto come è finita la seconda semifinale. Quella contro Notre Dame doveva essere la partita della redenzione per UConn tanto che, poco prima dell’inizio delle Final 4, la leader delle Huskies Gabby Williams aveva spiegato che “dobbiamo mostrare qualcosa a tutti, ma anche a noi stesse”. E il loro torneo è iniziato effettivamente dimostrando qualcosa: il 17 marzo UMBC ha fatto la storia nel Torneo maschile battendo Virginia e Uconn ha fatto la storia di quello femminile, distruggendo Saint Francis per 140-52 e stabilendo una serie di record (compreso quello di critiche ricevute per la troppa “arroganza” e la poca pietà)

Dopo la vittoria nelle Elite 8 su South Carolina, detentrice del titolo, sembrava che le Huskies fossero davvero pronte per dimenticare la sconfitta dello scorso anno contro Mississippi State. Invece, esattamente come nel 2017, un buzzer beater in overtime nella semifinale è stato nuovamente fatale.

“Pensavano di averci messo al tappeto varie volte, ma siamo tornati in partita ancora e ancora”, ha spiegato coach Geno Auriemma sconsolato a fine partita, “ma poi il tempo per farlo è finito”. In effetti, le sue ragazze sono riuscite ad arrivare all’overtime nonostante fossero sotto di 5 punti a 21 secondi dalla fine, ma il buzzer di Arike Ogunbowale ha dato la finale a Notre Dame. E la prima sconfitta stagionale alle Huskies, che si sono presentate alle Final Four con un record di 36 vittorie e 0 sconfitte. Questa volta le Fighting Irish non si sono fatte rimontare, come accaduto in stagione quando erano avanti di 11 punti nel Jimmy V Classic lo scorso 3 dicembre. Merito soprattutto di coach Muffet McGraw che ha saputo trovare l’assetto ideale nonostante un roster martoriato dagli infortuni, visto che è arrivata fino in fondo senza due giocatrici chiave come Brianna Turner e Mychal Johnson.

E 48 ore dopo, la finale ha avuto un esito identico ma con uno svolgimento ribaltato. Questa volta è stata Notre Dame a rimontare, dopo un secondo quarto con la miseria di 3 punti realizzati. Sopra di 15 nel secondo tempo, Mississippi State sembrava pronta per il primo titolo della sua storia. Ma coach McGraw ha saputo risistemare la sua squadra e le Fighting Irish hanno riagganciato le avversarie. E poi è arrivata Ogunbowale che per 39 minuti e 57 secondi aveva litigato con il canestro con 15 tiri sbagliati su 20 tentativi. Pochi secondi prima di quel tiro che avrebbe regalato il secondo titolo a Notre Dame, la guardia nativa di Milwaukee aveva persino preso a pugni il supporto sotto il canestro per la frustrazione, visto che la difesa asfissiante di Mississippi State e la presenza costante (e minacciosa) di McCowan (18+17 per lei) sotto canestro avevano reso la sua partita un vero incubo. Fino a quel momento.

Secondo lo schema disegnato nel time out da coach McGraw, non era neppure lei che doveva prendere quel tiro. Approfittando dell’uscita di McCowan per il quinto fallo, la palla doveva finire in mano a Jessica Shepard, la più precisa delle Fighting Irish con 8/10. Ma coach Schaefer aveva previsto la mossa e chiuso quella opzione facendola raddoppiare. Jackie Young ha visto che Arike si stava muovendo verso la palla e quindi ha subito colto l’attimo. Con le spalle a canestro, Ogunbowale ha fatto l’unico movimento che poteva fare con soli 3 secondi a disposizione: si è girata, ha fatto due palleggi e saltato su un solo piede lasciando andare il tiro. La palla si è alzata in una parabola così alta che sembrava non volesse più scendere. Ma quando l’ha fatto, ha trovato solo la retina.

Così, dopo 17 anni, sempre con al comando coach McGraw e sempre nel giorno di Pasqua, Notre Dame ha vinto il suo secondo titolo NCAA dopo averlo mancato nel 2011 (finale persa contro Texas A&M), nel 2012 (contro Baylor) e per due volte consecutive (2014 e 2015) contro UConn.

Dopo anni in cui il torneo femminile è stato criticato per essere troppo monotono (con UConn sempre vincitrice), quest’ultima edizione ha fatto sicuramente ritrovare l’entusiasmo. E ora che il sipario si è chiuso anche su questa March Madness? Non c’è problema: solo quattro mesi ci separano da agosto quando le Fighting Irish saranno in Italia ospiti speciali del College Basketball Tour.