Quote by Markelle Fultz, from JV to future All Star

Markelle Fultz is one of the most talked-about prospect in college basketball and has the attention of every fan, coach and scout. The debate on who is the best point guard in the Ncaa this season between Fultz and UCLA’s Lonzo Ball will be endless. He also became the goal of plenty of Nba franchises, and the race for the #1 pick next June is quickly becoming a two-man affair.

The story starts in Washington D.C., Fultz birth-town and moved to Upper Marlboro, Maryland, where attended the DeMatha Catholic, one of the most important high school basketball programs in the nation. In his first two years there, Fultz was part of the junior varsity team.

Markelle Fultz – Washington

Jide Sodipo, a scout from Baltimora, was the first one to notice his incredible development and made sure every one that mattered knew about it, including Raphael Chillious, assistant coach for the Washington Huskies. It just happened that Chillious and Mike Jones, DeMatha’s head coach, are friends, and Chillious got his chance to watch Fultz in person while with the varsity team. It was love at first sight. The assistant called Washington’s head coach Lorenzo Romar right away and told him that the kid’s talent was worth an Nba All-Star, if only he could grow a few more inches. Recruitment started there.

From the bottom up

The impact of playing with the varsity team was obviously huge in Fultz education, and it is now a pillar of the player and person he is now. He improved every single day and on December 8th, 2015, he had 23 points and 6 assists in a DeMatha win against St Vincent-St Mary’s at the Chicago Elite Classic. On that occasion, he established himself on the national stage as one of the top prospects. How did it take his new status? “There’s definitely a fire in my body telling me to work hard. It’s always good to see what people think but you got to work hard to get what you want”. He delivered that speech with a serious face and his sight well beyond that moment of glory. Some epic music in the background would have been fitting.

Truth is, the kid went from playing in a junior varsity team to a five star prospect in two years. He also grew 5 inches in height, which is a good thing for a professional basketball player. “You can say the coaches didn’t make the right decision. We all had a plan that JV would be the best thing for his development, but he just took that and ran with it. We’re all just so proud of how hard he worked”.

The decision

One of most incredible things about him is that, despite his talent, there is always an aura of genuine humility surrounding him. So much so that it did not look out of character when, after being invited to the McDonald’s All American Game last April, he made sure to thank “my teammates who have helped me workout every day in practice” for their role in getting him there. It might seem a facade, but it is not. For example, before choosing the University of Washington – despite being recruited by Kentucky, North Carolina, Louisville, Kansas, Maryland and 18 more universities – he explained the interest around him as a proof that “hard work pays off”. He ended up choosing the Huskies, following the desire to carve his own path in a college where he could be more than just the piece of a collection, but rather a place where he could showcase his skills.

Born to ball

Fultz immediately became a celebrity in Seattle. A couple of things about the way he plays will be immediately obvious: the fluidity and intelligence of his game. When that kind of qualities are merged with a well developed body and an above-average wingspan, the result is a potential All-Star. Fultz is the prototype of the modern playmaker who can create score at will. His mid-range and long-range are lethal, his touch is soft and his form is sound.

His shooting is the result of endless work, and Fultz told about it in the “My Life” documentary produced by Capitol Hoops. The episodes can easily be found on YouTube. What scouts really love about him is that his shot is reliable, but it is not his only weapon. He is comfortable creating for himself and his teammates, and he is a competent defender as well. Athleticism, dynamism, size, pick&roll mastery, lighting-quick first step, court vision, ball-handling, efficient shooting off the catch. That’s only part of what he showed so far.

All-Around

The young PG has been overlooked for so long that his first experience with the national team came last summer at the Fiba Americas Under 18 in Chile. Things went well for Fultz. Beside the gold medal, Markelle was voted MVP of a tournament where he averaged 13.8 points, 5.2 assists, 4 rebounds and 3.2 steals, showing his versatility on both sides of the floor. “I went into the gym and worked on all the parts of my game, shooting, ball-handling and defense. I did pushups, crunches, all types of stuffs”.

And that is another strength of his. He is an all-around player who has been averaging 22 points, 6.2 rebounds, 6.3 assists, 1.8 steals and 1.3 blocks in the first 12 games of the season. In 8 of this 12 games he filled in every statistical voice, he has been shooting 50.5% from the floor and an impressive 46.8% from behind the arc. The DraftExpress scouting reports lists his strengths as scoring versatility, playmaking ability and defensive potential. Another sign of his potential as player that can impact every aspect of the game.

Huskies’ sadness

Fultz does not shy away from defense. That happens at times with young talents, but not with him. It is clear in his head that defense is important and he accepts the challenge. “I love playing defense; it really gets me going. I feel like I can guard most positions and I just want to be able to do whatever I can to help my team”.

 

And yet, Washington will not win the Ncaa title. Fultz is a legit star, but the Huskies lack the talent and the experience (6th youngest team in college basketball) to go that far. That context is perfect to showcase Fultz’s talent (which is what he wanted), but inevitably points at his weaknesses as well. He has a tendency to zone out of the game, for example. Bottom line, the team is 7-7 and there are obvious chemistry issues. Fultz is aware of that. Following a loss against TCU, he did say that “on my passes, I got to make good passes, and sometimes guys have to come to the ball. It’s both. It’s a combined effort. It’s just something I gotta work on”.

One could spend hours thinking about what Washington could have done if Marquese Chriss and Dejounte Murray had stayed one more year and had not bolted for the Nba as one-and-dones. It will likely happen the same with Fultz, but the Ncaa will enjoy his talent at least for a few more months.

 

Quote by Markelle Fultz, da riserva a futura star

È uno dei prospetti più chiacchierati del college basketball, un freshman che ha attirato le attenzioni di tifosi, tecnici e scout, in perenne confronto con Lonzo Ball di UCLA su quale sia la migliore point guard in vista del prossimo draft. Sì, stiamo parlando di Markelle Fultz, il playmaker dei Washington Huskies che sta stuzzicando le fantasie di molti addetti ai lavori a suon di prestazioni tali che per qualcuno potrebbero portarlo fino alla prima scelta assoluta del prossimo draft.

Tutto è partito dall’altra parte dell’America, a Washington D.C. città natale di Fultz che però poi ha frequentato la DeMatha Catholic di Upper Marlboro, stato del Maryland, ovvero uno dei licei con il programma cestistico più prestigioso di tutto il paese. Nei primi due anni da liceale, Fultz era confinato nella squadra della junior varsity, praticamente quella delle riserve.

Markelle Fultz – Washington

Il primo a parlare di lui fu Jide Sodipo, uno scout di Baltimora, che notò l’incredibile sviluppo di Fultz e avvisò diversi addetti ai lavori, compreso l’assistant coach di Washington, Raphael Chillious. Casi della vita, Chillious era un vecchio amico di Mike Jones, il tecnico di DeMatha, e approfittò dell’occasione per osservare da vicino una partita della junior varsity. Fu amore a prima vista. Il vice di Washington chiamò al volo l’head coach degli Huskies, Lorenzo Romar, e gli disse: “If this 5’9” kid grows, he might be an NBA All-Star». E da lì cominciò un asfissiante corteggiamento coronato dal reclutamento di una lottery pick Nba.

Una partenza dal basso

Giocare tra le riserve è stata chiaramente un’esperienza che ha formato Fultz, che gli ha permesso di plasmarsi e diventare il giocatore che è adesso. I miglioramenti sono stati quotidiani e l’8 dicembre 2015 contribuì con 23 punti e 6 assist alla vittoria per 65-56 di DeMatha contro St. Vincent-St. Mary’s al Chicago Elite Classic. Quella fu la sua definitiva consacrazione a livello nazionale. La sua reazione?: “There’s definitely a fire in my body telling me to work hard. It’s always good to see what people think but you got to work hard to get what you want”, con la faccia seria e lo sguardo che puntava ben oltre l’orizzonte. Mancava solo la musica di sottofondo.

Di fatto, però, in soli due anni il ragazzo è passato dal giocare nel junior varsity team all’essere un prospetto five-star, oltre a crescere in altezza di quasi 20 centimetri (ora è 1.94), elemento che per chi vuole giocare tra i pro non è da sottovalutare. “Qualcuno potrebbe dire che quella dei coach non è stata la scelta giusta – disse scherzando coach Mike Jones in quella occasione – ma abbiamo tutti pensato che farlo giocare con le riserve fosse la cosa migliore per la sua crescita. E lui l’ha accettata e siamo tutti molto orgogliosi di come abbia lavorato”.

The decision

Una delle cose che colpisce del ragazzo è che, nonostante l’indubbio talento, fa trasparire un’ ingenua quanto spontanea umiltà. Non a caso in occasione della prestigiosa convocazione al McDonald’s All-American Game dell’aprile scorso ci tenne a sottolineare che quel traguardo era riuscito a raggiungerlo grazie “ai miei compagni che mi hanno aiutato ogni giorno in allenamento”. Potrebbero sembrare parole stereotipate, ma non è così. Ad esempio prima di scegliere di giocare per Washington – a discapito delle varie Kentucky, North Carolina, Louisville, Kansas, Maryland e ben altre 18 università tutte in fila per lui e pronte ad offrirgli la borsa di studio – dichiarava in merito a tutte le attenzioni che stava ricevendo “it really shows that hard work pays off”. Alla fine, però, ha optato per gli Huskies,  una scelta dettata dal desiderio di farsi strada in un ateneo dove non sarebbe stato soltanto l’ennesimo gioiello della collezione, ma dove avrebbe potuto dimostrare le sue capacità e mettersi in mostra.

Quella parabola perfetta

Fultz al campus di Seattle è diventato immediatamente una celebrità, e quando lo si guarda giocare sono due le cose che balzano subito agli occhi: la fluidità di gioco e la grande intelligenza, qualità che abbinate a un fisico ben strutturato e a braccia lunghe lo rendono un potenziale fenomeno. Il giovane degli Huskies è il prototipo del playmaker odierno, di quelli cioè con grandi capacità realizzative, le cosiddette combo-guard. Il suo tiro dalla media-lunga distanza è micidiale con il pallone che parte dalle sue mani e va a tracciare una parabola che a volte sembra telecomandata.

Rilascio e parabola sono il frutto di tanto duro lavoro in sedute individuali, così come testimoniato dal documentario ad episodi realizzato da Capitol Hoops ed intitolato “My Life“, facilmente reperibile su YouTube. Quello che piace agli scout è che il tiro non è l’unica peculiarità di Markelle, che invece è capace di creare sia per sé che per i compagni oltre ad avere una certa attitudine anche nella metà campo difensiva. Atletismo, dinamismo, taglia fisica, pick and roll, primo passo fulmineo, visione, ball-handling, catch and shot, sono soltanto alcune skills che rientrano nel suo bagaglio.

Un giocatore completo

Il playmaker classe 1998 è stato “overlooked” per molto tempo dagli addetti ai lavori, tant’è vero che soltanto questa estate ha avuto la sua prima esperienza con le nazionali giovanili statunitensi in occasione dei Fiba Americas Under 18 che si sono disputati in Cile. Com’è andata l’esperienza di Fultz con la Nazionale Usa? Oltre alla medaglia d’oro, Markelle è stato votato MVP della manifestazione, nella quale ha viaggiato alla media di 13.8 punti, 5.2 assist, 4 rimbalzi e 3.2 recuperi, mettendo in mostra tutta la sua versatilità.

Ed ecco un’altra caratteristica di Fultz, quella di essere un all-around di razza che quest’anno al college ha registrato le medie di 22 punti, 6.2 rimbalzi, 6.3 assist, 1.8 recuperi e 1.3 stoppate nelle prime 12 partite della stagione e in ben 8 di queste 12 è riuscito a riempire tutte le caselle delle statistiche, tirando con un complessivo il 50,5% dal campo (e un impressionante 46.8% da 3). Secondo DraftExpress, i suoi punti di forza sono la scoring versatility, la playmaking ability ed il defensive potential, che vanno a definire la completezza del ragazzo.

Predicatore nel deserto

E pensare che Fultz, che talvolta sembra una macchina offensiva non arginabile, non disdegna nemmeno la parte difensiva, come invece talvolta accade ai giovani talenti. Anzi ha un concetto piuttosto chiaro della difesa: “Mi piace difendere, sento che posso difendere su molte posizioni e voglio essere in grado di fare qualsiasi cosa per aiutare la mia squadra”.

 

Quindi Washington squadra da titolo Ncaa? No, non ci va manco vicini. Il problema è proprio che il nativo di Washington D.C. predica un po’ nel deserto, data la povertà di talento ma soprattutto di esperienza del roster degli Huskies (è la sesta squadra più “giovane” del college). Ovvio che se questo contesto fa emergere i pregi di Fultz (come voleva lui stesso), fa anche sì che vengano a galla in maniera più evidente i suoi punti deboli, dato che per esempio nell’arco della partita soffre di cali di concentrazione. La morale è che le vittorie scarseggiano (la squadra è 7-7) e i problemi di chimica son lì da vedere, come ha in qualche modo confermato lo stesso Fultz dopo la sconfitta rimediata contro TCU: “Devo passare bene la palla e i miei compagni ogni tanto devono venirmi incontro. E’ uno sforzo che dobbiamo fare tutti ed è qualcosa su cui dobbiamo lavorare”.

Resta il rammarico pensando a dove sarebbe potuta arrivare Washington se Marquese Chriss e Dejounte Murray non avessero deciso un po’ a sorpresa di lasciare la squadra dopo un solo anno per andare in Nba. Molto probabilmente con Fultz accadrà lo stesso ma almeno per un anno potremo goderci il suo talento nel college basketball.