Quote by UNC-Oregon, sfida a rimbalzo e tiri da 3

31/03/2017

Se Gonzaga e South Carolina sono le due debuttanti alle Final Four, North Carolina è semplicemente la squadra che ne ha giocate più di chiunque altro, cioè 20. Di fronte, avrà un’altra delle rivelazioni di questa March Madness, visto che in pochissimi avevano pronosticato la presenza di Oregon a Glendale. Vediamo quali sono gli aspetti più interessanti della seconda semifinale (sabato notte, 2.50).

I quintetti

North CarolinaOregon
Joel Berry (jr)
Theo Pinson (jr)
Justin Jackson (jr)
Isaiah Hicks (sr)
Kennedy Meeks (sr)
Payton Pritchard (fr)
Tyler Dorsey (so)
Dylan Ennis (sr)
Dillon Brooks (jr)
Jordan Bell (jr)

La tradizione e il blasone di North Carolina verranno sfidati dall’energia e dalla ‘cazzimma’ di Oregon. Un match che, viste le condizioni non ottimali delle caviglie di Joel Berry (che a inizio torneo ha girato la destra e contro Kentucky la sinistra), si preannuncia complicato e sulla carta non scontato. I tifosi di UNC hanno ancora negli occhi la tripla di Kris Jenkins allo scadere dell’anno scorso. Beh ne volete una? Oregon in stagione è la squadra che ha segnato più triple vincenti sulla sirena di tutti (quattro: 3 di Brooks e 1 di Dorsey ). Insomma, meglio non arrivare punto a punto con loro nel finale.

Gli accoppiamenti

Chi marca Dillon Brooks? Questo è stato il grande problema di tutte le squadre che hanno affrontato i Ducks quest’anno. North Carolina avrebbe la risposta: Justin Jackson, che ha l’altezza e le gambe (forse non troppo i muscoli) per stare dietro ai 2 metri di Brooks, senza contare che Jackson è il giocatore di tutte le F4 che commette mediamente meno falli sui 40 minuti (1,73). Il problema è che Brooks (sostanzialmente una guardia grossa) viene schierato da 4 e quindi spetterebbe a Hicks, che però non ha gambe e attitudine per stargli dietro. Coach Roy Williams però non è nuovo a esperimenti sulle marcature, quindi non stupiamoci se vedremo un accoppiamento Jackson-Brooks con Hicks dirottato su un piccolo meno pericoloso da fuori come Ennis.

Chi marca Isaiah Hicks? Se Hicks ha un problema in difesa a tenere Brooks, vale anche il contrario. Il lungo di UNC ha gioco interiore, altezza, muscoli e fisico per creare problemi a Brooks in difesa. E quest’ultimo è fondamentale per Oregon molto più di quanto Hicks lo sia per North Carolina, che dalla panchina fa entrare al suo posto l’attuale eroe del Torneo, Luke Maye.

I temi tattici

I centimetri contano. In generale North Carolina negli ultimi anni si è mediamente accoppiata bene con le squadre che schieravano un modello “4 piccoli e un lungo” (alla Notre Dame, per intenderci) e questo grazie a un’attitudine difensiva che porta la squadra alla protezione del ferro, al massimo spendendo qualche fallo e concedendo qualche libero (tanto ci sono altri due ottimi lunghi come Tony Bradley e Maye dalla panchina). Il problema è che Oregon fa derivare solo il 17,6% dei suoi punti dalla lunetta (285° in Ncaa) e resta una squadra i cui piccoli amano tirare da fuori.

E veniamo al tiro da 3. Oregon entra alla Final Four con un 43,2% dall’arco che è persino migliore del già buono 38,4% stagionale, mentre North Carolina ha abbassato la sua percentuale portandola da un discreto 36,2% (nella media della Ncaa) al 32,1% del Torneo. Contano le caviglie scricchiolanti di Berry? Sicuro. Come il fatto che il primo cambio dei piccoli, Nate Britt, è tutto tranne che affidabile dall’arco. Viceversa Tyler Dorsey è letteralmente on fire ed è chiaro che poter aggirare la verticalità dei Tar Heels col tiro da 3 potrebbe fare una grande differenza.

Fattore sorpresa. Osservato speciale della difesa di Oregon questa volta sarà anche Luke Maye, che ormai non può più considerarsi un underdog ma un giocatore che coach Dana Altman (lavoro stupendo in questi anni per lui con i Ducks) avrà messo nel mirino. Viceversa potrebbe scappare dalle maglie della difesa di North Carolina, talvolta distratta, il freshman Payton Pritchard che ha faccia tosta e tiro, due fattori che uniti (ricordate Spike Albrecht o Grayson Allen al suo primo anno?) a volte alla F4 diventano letali per gli avversari.

Pronostico

Gli scommettitori danno vincente North Carolina con una quota tra 1,42 e 1,47, mentre l’analisi algoritmica di Kenpom vede vincente i Tar Heels di 2 punti. Noi diciamo che UNC ha talento/centimetri/esperienza per vincere la gara, soprattutto se entra nei minuti finale con 5/6 punti di vantaggio. Viceversa, la statistica sui buzzer beater di Oregon è abbastanza impressionante e Dorsey finora è sembrato non poter sbagliare un solo tiro decisivo.

Quote by UNC vs Oregon, a make or miss game

31/03/2017

If Gonzaga and South Carolina are Final Four rookies, North Carolina is the team that played the most Final Four ever and this will be its 20th appearance. The Tar Heels will play one of the most surprising team of the 2017 March Madness: very few saw Oregon reach Glendale. But it will still make for a compelling game.

The Starters

North CarolinaOregon
Joel Berry (jr)
Theo Pinson (jr)
Justin Jackson (jr)
Isaiah Hicks (sr)
Kennedy Meeks (sr)
Payton Pritchard (fr)
Tyler Dorsey (so)
Dylan Ennis (sr)
Dillon Brooks (jr)
Jordan Bell (jr)

Oregon will challenge North Carolina’s tradition and history with the “in-your-face” attitude that they showed throughout the season. Moreover, the ankle injury to Joel Berry will make this game even more balanced and interesting and the outcome will be even harder to predict. UNC’s fans are still dreaming about Kris Jenkins, after all. And Oregon is the team that scored the most on potential game-winners at the  buzzer in the Ncaa (3 by Brooks, 1 by Dorsey). The Tar Heels might want to avoid giving the Ducks a chance.

Assignments

Who will guard Dillon Brooks? It has been a huge question for every team that played the Ducks this season. North Carolina has a possible answer in Justin Jackson who should have the size and the speed (but maybe not the strength) to keep up with him. Jackson is also the player that committs less fouls among those that reached the Final Four (1.73 per 40 min). The problem is that Brooks plays the nominal power forward position, making Hicks the obvious candidate for the job, but Hicks lacks the physical tools and the focus to do it. Coach Roy Williams, however, likes to experiment with defensive assignments and might pair Jackson with Brooks and have Hicks guard a minor threat like Ennis.

Who will guard Isaiah Hicks? If Brooks is too tough of an assignment for Hicks on defense, the viceversa is true as well. The UNC forward has the size, height and post moves to be trouble for Brooks, and the latter is a lot more important for Oregon than what Hicks is for North Carolina, with Luke Maye playing so well off the bench.

Xs and Os

Size matters – As a general rule, in the last few years North Carolina played very well against teams playing with 4 small players and only one interior presence. That’s because of a defensive plan that starts with rim protection, giving up a few fouls and free throws if and when necessary (the fact that Tony Bradley and Maye are solid off the bench helps). But Oregon scores only 17.6% of its points at the free throw line and prefers to rain down threes on its opponents.

About those three pointers – Oregon has been shooting 43.2% in the tournament, even better than an already great 38.4% for the season. North Carolina, on the other hand, went from shooting an average 36.2% for the season to 32.1% in the tournament. Did that Berry injury influence those percentages? Yes, absolutely. And the first guard off the bench for the Tar Heels, Nate Britt, will not scare anyone when he gets the ball outside the three-point line. Tyler Dorsey has been fire from beyond the arc in the tournament and might easily get around UNC’s verticality with his outside shot.

Out-of-nowhere – Luke Maye will have the attention of the opposing defense in his next game. He cannot be considered an unknown quantity anymore and coach Dana Altman, who did a great job in the last few years with the Ducks, will sure have his team ready for him. Freshman Payton Pritchard, however, might slip through a North Carolina defense that seems to lack the necessary focus at times. Pritchard is not scared of the moment and is a good shooter, two factors that sometimes become lethal in the Final Four (remember Grayson Allen in his first year?).

Prediction

North Carolina is the heavy favorite, and the Tar Heels should have the size, talent and experience to win the game, especially if they can reach the final minutes with a 5-point lead. However, Dorsey seems unable to miss and the amount of game winners that went in this season for Oregon is impressive.