Quote by F4 talks: What the coaches said

01/04/2017

There are three first-timers, and Roy Williams might school them all with his ninth appearance and 520 Final Four minutes coached, but it really doesn’t matter. It’s not just about the teams and how they play, the way their coaches talk do tell why they are here: Frank Martin is a S. O. B., Dana Altaman is poised, Mark Few and his monkey, and the histrionic Williams.

All of them had obviously things to say during the week, so here is what they said.

Frank Martin, South Carolina

The ex maths teacher: “I’m not one of those guys that believes in pressure when you’re playing the game. I said this a long time ago and I’ll say it again: You know what pressure is? Thirty-five students, 27 desks, 188 textbooks, 180 days. You’ve got to educate every single kid in that classroom for 180 days. That’s pressure”.

Things change: “I find it comical that I’ve got so many new friends now and how the stories have changed from he’s a yeller and screamer and demeaning to he’s a passionate man”.

Stubborn by trade: “I spoke with Billy Donovan and Huggins yesterday so they can kind of give me perspective as to how to best manage this week. I’m still going to mess up stuff because I’m a stubborn S.O.B and I’m eventually going to do stuff my way”.

Open book: “I’m an open book, if people want to judge me based on a 30-second clip on the sideline out of a 40-minute game out of a 24-hour day, that’s their prerogative. Anybody that wants to get to know me has that opportunity. Anyone who wants to judge me has that right. The people who sit back and do the criticizing of the people who make mistakes are declaring who they are”.

No fear: “Our guys haven’t been scared to step up onto every stage that has been put in front of them. I don’t expect them to be intimidated by it. On the contrary, they are enjoying every single minute of this ride. They don’t want it to end. They are fearless in their approach every day. It’s going to awesome”.

Sindarius for MVP: “Sindarius Thornwell is our most intelligent player. I don’t mean to demean our other guys saying that. He understands basketball at a high, high level. He doesn’t need to be on the practice court to understand what we’re doing”.

Mark Few, Gonzaga

No more monkey: “I don’t think my wife thinks I have (a monkey), or anybody in my family, close friends. Fishing buddies never talk about it. It’s not about me and my monkeys and my dogs and my cats; it’s about (Gonzaga’s players)”.

Mark’s pride: “My stance all along has been that if you’re good enough, then eventually it’s going to happen. We wanted to stay nationally relevant. We’ve done that year after year after year. That’s probably what I’m most proud of. Eventually, you’ll kick the door down and break through like we did this year”.

Karnowski’s miracle: “There was a very high probability that he was not going to play basketball again. All of us coaches, players, coaches’ wives, were huge in this (recovery) process, going over and giving him a little TLC with his parents not being around. We were really truly hoping for just a normal, active life. I was really worried about depression and things like that. Emotionally, he wasn’t in a great place. Going from those dark days to right now, it literally is miraculous, and I’m not using the term lightly”.

Roy Williams, North Carolina

All I know – “I know that they’re going to play extremely hard. I know that they’re going to be unselfish. And I know that the best shooters are going to take the most shots. And I think that’s what I remember about Dana’s teams. But it’s, again, nobody believes me – I haven’t watched any of their games yet. That’s just who I am and I what I do”.

Circular history – “You know, I was on the staff here in ’81 when we lost the national championship game, we went back in ’82 and won it. … 2008, I was coaching on the team and we lost and we went back in 2009 and won it. But there’s probably a lot of times there that that didn’t happen, either. But I think our kids really used it a great deal as motivation during the off-season”.

A bunch of idiots – “The seriousness of Marcus is gone, the quietness of Brice is gone. Now it’s Theo and Joel and those guys, and I mean, it’s comedy express out there half the time. So they’re closer together because they’re all idiots. And me with them, I guess. So it’s my kind of team”.

Ball-fighting – “I lost a battle yesterday at practice. That’s the reason I have a bruised lip — if you take close-ups, my wife didn’t hit me, I assure you. I kicked the ball, the ball hit me right in the face, and I went down like you would have thought Muhammad Ali hit me. But other than that life is good.”

The loss to Villanova – “Therapeutic is probably the proper word. Because I always say it’s just made it a lot better. But we’ve had some junk swirling around that I haven’t enjoyed or appreciated or felt good about things that were being said. But I could lose myself when I went out on the court with those guys”.

Dana Altman, Oregon

The best is yet to come – “I think we can play better than we showed against Kansas. Casey Benson can give us more. Payton Pritchard can give us more. And Dillon Brooks can certainly give us more. We can still show more than we’ve shown”.

The hateful one – “I didn’t have many highlights as a player. I was awful. I would have sure hated to coach me”.

Friends helping out – “I was on the phone with Lon Kruger last night trying to get some advice, and Mike Montgomery this morning. Two coaches (that have) been to the Final Four, just trying to get some thoughts on what to avoid and what to embrace”.

Quote by Hanno detto, le parole dei coach

Per tre di loro è la prima volta, Roy Williams li porta a scuola tutti con la nona presenza alle Final Four e 520 minuti allenati contro zero di tutti gli altri, ma conta poco. Non solo da come giocano le loro squadre, ma anche dalle loro parole si capisce perché questi 4 allenatori sono qui: c’è il “figlio di puttana” Frank Martin, il pacato Dana Atlman, Mark Few e la sua scimmia e l’istrionico Williams.

Conosciamoli meglio attraverso le loro dichiarazioni di questa settimana.

Frank Martin, South Carolina

L’ex professore di matematica: “Non sono uno di quelli che crede ci sia pressione quando si gioca. L’ho sempre detto e lo ripeto: sapete qual è la pressione? Avere 35 studenti, 188 libri di testo, 180 giorni di lezione. Devi educare ogni singolo alunno in una classe per 180 giorni. Questa è pressione”.

Le cose cambiano: ‘Trovo comico il fatto di avere così tanti nuovi amici adesso e come gli articoli su di me siano cambiati da ‘è uno che urla e strilla e umilia’ a ‘è un uomo pieno di passione’”.

Una tipica espressione di Frank Martin in versione urlatore

Testardo di professione: “Ho parlato un’ora con Bob Huggins e Billy Donovan perchè mi aiutassero ad affrontare al meglio questa settimana. Ma farò comunque casino perché sono un testardo figlio di puttana e alla fine farò le cose a modo mio”.

Libro aperto: “Sono come un libro aperto, se le persone vogliono giudicarmi basandosi solo su un filmato di 30 secondi durante una partita di 40 minuti che è parte di una giornata di 24 ore, è un loro diritto. Chiunque abbia il desiderio di conoscermi ha quell’opportunità. Chiunque voglia giudicarmi, ne ha il diritto. Le persone che restano sedute a criticare chi sbaglia mostrano la loro vera natura”.

Nessuna paura: “I miei ragazzi non hanno mai avuto paura finora di affrontare le sfide che hanno avuto davanti e mi aspetto che non siano spaventati neanche da questa. Al contrario, si stanno godendo ogni minuto di questa avventura e non vogliono che finisca. Sono ogni giorno senza paura, sarà fantastico”.

Sindarius MVP: “Thornwell è il nostro giocatore più intelligente. Dicendo questo, non intendo sminuire gli altri ragazzi. Capisce il basket a un livello altissimo, non ha bisogno di allenarsi per capire cosa stiamo facendo”.

Mark Few, Gonzaga

F4 scaccia scimmia: “Non credo che mia moglie pensi che io abbia una scimmia sulla spalla, o qualcuno della mia famiglia, o i miei amici. I miei compagni di pesca non ne hanno mai parlato. Essere alle Final Four non riguarda me, le mie scimmie, i miei cani e i miei gatti, riguarda i giocatori di Gonzaga”.

L’orgoglio di Mark: “Ho sempre pensato che se sei abbastanza bravo, prima o poi succede. Abbiamo cercato di essere competitivi a livello nazionale, e l’abbiamo fatto anno dopo anno. Questa è probabilmente la cosa di cui sono più orgoglioso. E prima o poi, tiri giù la porta e svolti come abbiamo fatto noi quest’anno”.

Il miracolo Karnowski: “C’era un’alta possibilità che non tornasse più a giocare. Tutti noi, allenatori, giocatori, mogli degli allenatori  siamo stati grandi in questo periodo di recupero. Speravamo potesse tornare a una vita normale, ero veramente preoccupato per depressione e cose del genere, emotivamente non era in una gran posizione. Risollevarsi da quei giorni bui e arrivare a oggi ha davvero del miracoloso, e non sto usando questo termine alla leggera”.

L’abbraccio tra Mark Few e Przemek Karnowski al termine della partita contro Xavier.

Roy Williams, North Carolina

Tutto quello che so – “So che giocheranno molto duro, so che saranno altruisti e so che i tiratori migliori prenderanno molti tiri. Questo è quello che so delle squadre di Dana Altman. Ma, lo ripeto anche se nessuno mi crede, non ho visto ancora una sola loro partita. Sono fatto così e lavoro così”.

Corsi e ricorsi – “Ero nello staff di UNC nell’81 quando abbiamo perso la finale e siamo tornati nell’82 e abbiamo vinto. … 2008, allenavo la squadra che ha perso e siamo tornati nel 2009 e abbiamo vinto. Ma ci sono anche un sacco di volte in cui questo non succede, ma credo che i nostri ragazzi abbiano davvero avuto un sacco di motivazioni dopo la sconfitta dell’anno scorso”.

Un branco di idioti – “La serietà di Marcus Paige non c’è più, la tranquillità di Brice Johnson non c’è più. Ora è tutto nelle mani di Theo (Pinson)  e Joel (Berry) e degli altri ragazzi. E, davvero, sono scherzi e risate per gran parte del tempo. Sono molto amici perché sono tutti idioti, e io anche direi. Quindi è il mio genere di squadra”.

Palle in faccia – “Ho perso una battaglia in allenamento ieri, questo è il motivo per il mio labbro ammaccato. Non è stata mia moglie, ve l’assicuro. Ho dato un calcio alla palla, e me la sono tirata dritta in faccia e sono andato giù come se mi avesse colpito Muhammad Ali. Ma a parte questo, la vita va bene”.

La dab di Roy Williams e dei suo ragazzi in spogliatoio

La sconfitta con Villanova – “Terapeutica è forse la parola più corretta. Perché dico sempre che ha migliorato tutto quanto. Ma sono state dette molte sciocchezze che non ho apprezzato e non mi sono piaciute molte cose. Però riesco a dimenticarmi di qualsiasi cosa quando sono in campo con questi ragazzi”.

Dana Altman, Oregon

Il meglio deve arrivare – “Penso che possiamo giocare meglio di quanto abbiamo fatto contro Kansas. Casey Benson può dare di più, Payton Pritchard può dare di più. E Dillon Brooks può decisamente dare di più. Possiamo fare ancora meglio di quanto abbiamo fatto finora”.

Un giocatore da odiare – “Non ho grandi highlights come giocatore, ero terribile. Di certo mi sarei odiato se avessi dovuto allenarmi”.

Consigli dagli amici – “Sono stato al telefono con Lon Kruger chiedendogli qualche consiglio e con Mike Montgomery, due coach che sono stati alle Final Four,  cercando di capire cosa è meglio evitare e cosa conviene fare”.

Dana Altman e Lon Kruger