Quote by Russell, Drummond e Iggy scambiati alla Deadline

06/02/2020

Botti erano previsti e botti sono stati alla Deadline. Danilo Gallinari non si è mosso, ma Andre Igudoala, D’Angelo Russell e, a sorpresa, Andrè Drummond. Una serie infinita di scambi minori, ma anche una mossa telefonata da mesi come quella di Marcus Morris ai Clippers. Alla fine, i Lakers non si sono mossi, Houston si è già mossa nelle settimane precedenti, prendendo Bob Covington, e gli equilibri dell’Nba sono un po’ da riequilibrare.

La prima trade della giornata è stata quella tra Miami e Memphis, poi diventata a tre con Minnesota, che ha portato il tre volte campione Nba Iguodala a South Beach. Insieme a lui, sono arrivati anche Solomon Hill e Jae Crowder (interessante) e l’ex Philly ha anche firmato un’estensione 1+1 (player option) con gli Heat. A Memphis sono andati in cambio Justise Winslow, che si riunisce a Tyus Jones e Grayson Allen con cui aveva vinto il titolo Ncaa a Duke nel 2015, il derelitto Dion Waters e Gorgui Dieng, arrivato in cambio di James Johnson, da Minnesota.

Tyus Jones, sinistra, Grayson Allen, centro, e Justise Winslow, destra, con Coach K a Indianapolis, dopo la vittoria del torneo Ncaa 2015

I Timberwolves, invece, sono riusciti finalmente a portare D’Angelo Russell alla corte di KAT. Dopo aver preso Malik Beasley e Juancho Hernangomez nei giorni precedenti, hanno tradato Andrew Wiggins e una prima scelta 2021 protetta 1-3 (unprotected nel 2022) e una seconda scelta 2021. Si uniscono, finalmente, Russell e Towns insieme. Golden State prende anche una cash consideration da Philadelphia, che ha preso Glenn Robinson III e Alec Burks e ceduto James Ennis ad Orlando in cambio di una seconda scelta.

I Clippers riescono ad aggiungere un talento preziosissimo come Marcus Morris ad un telaio già stra-interessante in una trade a tre con i Knicks e Washington. Moe Harkless e una prima 2020 a New York, che ha appena licenziato il Gm Mills, e Jerome Robinson in cambio di Isaiah Thomas a Washington. Wizards che prendono Napier da Denver in cambio di Jordan McRae.

Detroit svende Andrè Drummond, ricevendo in cambio John Henson, Brandon Knight e una seconda scelta da Cleveland, ovvero la trasposizione Nba di una scatola piena d’aria. I Cavaliers, d’altro canto, prendono un contratto di 26 milioni in scadenza che, al massimo, potrà esercitare un player option per il 2021, accelerando il processo di rebuilding. 

Finiamo con una serie di scambi di sfondo. Atlanta continua a collezionare lunghi. Dopo aver preso Capela e Nenè da Houston, aggiunge Skal Labissiere in cambio di cash da Portland e il contrattone pesante di Dedmon, cedendo a Sacramento Jabari Parker e Alex Lee. In più, prende Derrick Walton dai Clippers in campo di soldi. Houston cede anche l’ultima parvenza di lungo, Jordan Bell, preso nello scambio di Covington per Bruno Caboclo di Memphis. 

Foto d’apertura di Fadeawayworld.net