Home 9 Focus 9 #6 Villanova | Preseason Top 25 | 2021-22

#6 Villanova | Preseason Top 25 | 2021-22

Autore: Riccardo De Angelis
Data: 19 Ott, 2021

Roster

RTGIOCATOREPOSCMCLASSEANNOPTSREBAST
A1Collin GillespiePG1911999Gr.14.03.34.6
A2Justin MooreSG1932000Jr.12.94.13.0
A3Caleb DanielsSF193-Gr.9.62.21.2
A4Jermaine SamuelsPF2011998Gr.12.06.42.5
A5Eric DixonC2032001R-So.3.01.60.3
B1Bryan AntoineSG1962000Jr.2.31.20.7
B2Brandon SlaterSF1981999Sr.3.82.20.5
B3Trey PattersonPF203-So.0.00.00.5
B4Nnanna NjokuC206-Fr.---
B5Jordan LonginoSG196-Fr.---
B6Angelo BrizziPG191-Fr.---
B7Chris ArcidiaconoPG1962000Jr.0.91.00.6

La squadra

La morte, le tasse e Villanova favorita nella propria conference. Anche se la Big East ha una manciata di outsider interessanti da proporre, le prospettive d’inizio stagione sono sempre le stesse per i Wildcats. Ed è così da diversi anni ormai. Merito in primis di coach Jay Wright, fresco d’ingresso nella Hall of Fame, il quale ha forse abbastanza materiale a disposizione per puntare al terzo titolo nazionale della sua carriera.

Le premesse sono ottime: una cultura e uno stile di gioco molto ben definiti, un roster quasi intatto e tanta esperienza (perlomeno dall’1 al 4), a partire da Collin Gillespie e Jermaine Samuels. Averli in squadra al loro quinto anno di college basketball – omaggio dell’extra year concesso dalla NCAA – è un vero lusso e saranno loro i due principali punti di riferimento in campo. Ad impreziosire il tutto ci sono Justin Moore, già elemento di peso che potrebbe assurgere al livello di stella (deve però risistemare le sue percentuali da tre), e l’emergente Bryan Antoine, il quale però è alle prese con un infortunio (non giocherà nelle primissime gare) e presumibilmente impiegherà più tempo di altri ad entrare in forma.

Chi non ci sarà, invece, è Jeremiah Robinson-Earl. La sua estrema versatilità lo rendeva un match-up nightmare per chiunque al college. Non essendoci più un lungo capace di forzare adattamenti difensivi, lo spot di 5 tornerà a essere interpretato da un lungo classico, come in tante delle versioni passate di Villanova. Quel lungo non sarà Dhamir Cosby-Roundtree, ancora una volta fermato da un infortunio grave. Le candidature sono aperte per tre giocatori, col possente Eric Dixon (116 chili) primo indiziato, anche se, per esempio, l’esordiente Nnanna Njoku, recluta 4-star, dovrebbe garantire un po’ più di protezione del ferro e di mobilità rispetto a lui.

Nei reparti guardie e ali, i dubbi sono pochi e la qualità è molta. Villanova riproporrà un tipo di pallacanestro in parte messo fra parentesi l’anno scorso (proprio per via della presenza di JRE), ma che ne ha contraddistinto lo stile e i successi degli ultimi anni. Abbondanza di gente capace di trattare il pallone, tanti blocchi e ricerca continua dell’extra pass per imbeccare le bocche da fuoco – di cui non c’è mai scarsità in quella squadra – appostate sull’arco (Nova è infatti sempre una delle formazioni in cui i canestri da tre punti hanno maggiore incidenza sul fatturato offensivo). Semplice, ma tagliato su misura per i propri giocatori e difficile da contrastare per gli avversari. E, perciò, letale.

Giocatori in evidenza

Collin Gillespie è mister affidabilità e s’inserisce perfettamente nella dinastia di point guard che hanno fatto da perno per i successi di Villanova. Non è fulminante, non è il tipo che crea dal nulla – benché abbia qualche asso nella manica – ma è il tipo di PG che migliora chi gli sta attorno facendo le scelte giuste, commettendo pochi errori e conducendo la stagione con continuità ed efficienza assolutamente invidiabili. Di ventelli non ne tira fuori molti, ma è anche più raro che finisca una partita sotto la doppia cifra realizzativa: merito di un ottimo tiro da tre (37.6% su 5.5 tentativi l’anno scorso) e di una discreta capacità nello strappare punti intorno al ferro nonostante un fisico deficitario. Un infortunio l’ha costretto a saltare la scorsa March Madness e c’è da scommettere che approccerà quest’annata, l’ultima a Philly, col coltello fra i denti.

Jermaine Samuels è, per certi versi, un classico prodotto di Villanova. Partito in sordina – giovane, promettente ma anche molto grezzo – e migliorato di anno in anno, un po’ alla volta, fino a diventare un’ala preziosissima per il tipo di contributo a tutto tondo che riesce a offrire sui due lati del campo, come testimoniato, ad esempio, dal bel 37.1% da tre dell’anno scorso, un tipo di prestazione che non era mai apparsa alla sua portata precedentemente. La sua fisicità e la sua duttilità tattica possono essere una gran risorsa per una squadra che, come già detto, ha dei nodi da sciogliere nello spot 5: Samuels può infatti ricoprire quel ruolo in un assetto small senza che i Cats ne soffrano troppo in difesa e a rimbalzo, col risultato di confondere ulteriormente le idee agli avversari.

Big East Power Ranking

FASCIA 1
1. Villanova
FASCIA 2
2. Xavier
3. UConn
4. St. John’s
5. Seton Hall
FASCIA 3
6. Butler
7. Providence
8. Marquette
9. Creighton
FASCIA 4
10. Georgetown
11. DePaul

>>> LE SQUADRE DELLA TOP 25 <<<

 

Articoli correlati

Il futuro di Villanova dopo Jay Wright

Fra continuità e nuove svolte: le sfide da affrontare per Kyle Neptune ora che Jay Wright gli ha lasciato le Leggi tutto

Il NIL riporta Oscar Tshiebwe a Kentucky

Oscar Tshiebwe sarà il primo giocatore milionario a giocare in Ncaa. A March Madness, parliamo di questo, del portal e Leggi tutto

Kansas vince una March Madness storica

Kansas vince la March Madness mettendo fine a un'edizione storica. I protagonisti, la finale e un tributo a Coach K Leggi tutto

North Carolina elimina Duke e sfida Kansas
North Carolina Duke 2022

Niente storia a lieto fine per coach K, Duke perde ancora contro North Carolina. La finale sarà contro Kansas che Leggi tutto

Final Four 2022, i pronostici di Basketballncaa
Il Caesars Superdome di New Orleans, sede delle final four

Una Final Four piena di sangue blu sta per iniziare e, comunque vada, sarà tutto materiale da film. I pronostici Leggi tutto