Quote by #7 Cincinnati, stagione sotto le attese

18/03/2019

La squadra

Nonostante fosse la favorita per la vittoria dell’AAC, i Bearcats non sono riusciti a imporsi, un po’ per colpe proprie, un po’ per merito di Houston. Le vittorie stagionali sono tante ma Mick Cronin, allenatore alla 13esima stagione con la squadra, non si ritiene soddisfatto del gioco. L’attacco è statico e troppo spesso dipendente da Jarron Cumberland. E così non è arrivata nessuna quality win. Certo, il calendario era facile, ma gli unici due scontri con Top 25, Houston e Mississippi State, sono entrambi finiti in sconfitte. Anche contro Ohio State e East Carolina, squadre a portata, anzi sfavorite, i Bearcats hanno concesso più del dovuto.

Giocatori Chiave

Purtroppo per Mick Cronin, che rimpiange l’anno scorso quando aveva a disposizione gente come Jacob Evans e Kyle Washington, l’unico giocatore veramente importante è Jarron Cumberland. La mancanza di talento offensivo si traduce nel volume di lavoro che la guardia deve svolgere ogni partita. 18.3 punti, 4.4 rimbalzi e 3.6 assist con oltre il 40% da tre punti e quasi l’80% ai liberi sono la produzione del nativo di Wilmington, Ohio. Oltre ad uscire benissimo dai blocchi, tirare con fiducia e incendiarsi quando necessario, Cumberland è anche un ottimo difensore, grazie ai suoi attributi fisici.

Prospetti

Se c’è un giocatore che può ambire all’NBA in questo roster, è proprio Jarron Cumberland. Nonostante nei diversi mock sia spesso dato come undrafted, potrebbe provare subito a diventare un professionista. Tornare per l’ultima stagione significherebbe tentare di raggiungere quota 2000 punti in maglia Bearcats, impresa riuscita soltanto a due giocatori come Oscar Robertson e Sean Kilpatrick. Secondo il suo allenatore, per avere successo tra i pro, dovrebbe imparare a giocare come point guard, magari lavorando sulla velocità.

Pronostico

Dopo la sconfitta contro una Nevada in striscia lo scorso anno, Cincinnati vuole vendetta. Nella metà campo offensiva è necessaria costanza per avanzare nel torneo. L’Elite Eight potrebbe essere un realistico obiettivo per la squadra di Mick Cronin. Quest’anno si chiude un ciclo e anche l’allenatore ha sottolineato l’importanza di terminarlo al meglio.