Quote by Day 3, la Top Ten delle migliori giocate

Abbiamo le prime qualificate alle Sweet Sixteen. Per molte è un dolce ritorno: Gonzaga è alla quinta presenza consecutiva, per Purdue, Michigan e Kentucky è la terza e Florida State la raggiunge per la seconda volta. Abbiamo anche qualche addio eccellente. Primo su tutti, Ja Morant e le sue schiacciate con la maglia di Murray State ci mancheranno. Kansas, invece, fa una fine degna della stagione che ha vissuto.

Riassumiamo la terza giornata, con la nostra Top Ten di giocate, piena di grandissime giocate.

10) Partiamo con questa bimane di Charles Matthews che usa i difensori di Florida come i birilli. È un saggio delle sue qualità atletiche e di coordinazione in traffico.

 

9) Career high ritoccato e massimo di triple segnate, nove, pareggiato. Una serata storica per Carsen Edwards che ha segnato a raffica e in tutti modi possibili. La tripla in step-back è una soluzione gettonata. Prossimo obiettivo? Portare Purdue alle Final Four, che mancano dal 1980.

 

8) Baylor è una squadra stranissima. Non c’è un giocatore in quintetto che supera i due metri ma nonostante questo sono super atletici e riescono a difendere il ferro. Il merito è di giocate di puro atletismo come questa stoppata di King McClure su Rui Hachimura.

 

7) Iggy Brazdeikis ormai è presenza fissa nella nostra Top Ten. Schiacciata tonante in testa alla malcapitata difesa dei Gators giusto per iniziare bene la partita. Stavolta non va oltre a qualche secondo appeso sul ferro per festeggiare.

 

6) Abbiamo un unicum di questa classifica. Una giocata composta da due giocatori avversari. Prima abbiamo Ja Morant che pesca un compagno in angolo con un assist precisissimo e poi il freshman Devin Vassell stoppa sul Close-out. Sforzo congiunto per entrare in Top Ten.

 

5) Brandon Clarke ha avuto la serata della vita. Perfetto in ogni componente del gioco. Mai stato cosi incisivo in attacco. Questo tap-in rappresenta in pieno lo stato di trance in cui era entrato. Aspettate, che la sua presenza in Top Ten non finisce qui…

 

4) Terza schiacciata dei Wolverines contro Florida. Con una difesa che ha lasciato tirare i Gators con il 29% e che sa forzare turnover, gli atleti di Michigan possono scatenarsi in contropiede. Isaiah Livers scaraventa un schiacciatone dentro al canestro.

 

3) La miglior schiacciata a difesa schierata della terza giornata. Amir Coffey ha predicato nel deserto contro Michigan State ed è stato tradito da tutti i suoi tiratori. Si è rifatto con questa pigia qui.

 

2) Morant ci mancherai. La partita di ieri sarà ricordata per il 5/5 da tre con cui ha iniziato e non per il 3/15 da due. Lo capiamo, tirare in area con quel gigante di Kabengele a difendere il ferro può essere un’impresa. Qua attacca l’area e ci spiega bene il concetto di “assorbire il contatto”.

 

1)  Vi avevamo detto che Clarke non aveva finito. Si è regalato il lusso di fare questa windmill in campo aperto, facendoci strabuzzare gli occhi. Se vedete bene, il suo labiale dice “questa sera spacco tutto”. Grazie Brandon della partita che ci hai regalato.