Quote by Day 4, la Top Ten delle migliori giocate

Finito il primo weekend di gioco. Poche sorprese, ma la quarta giornata è stata piena di partite strane e pazze in pieno stile March Madness. Prima con la rimonta a metà di Iowa contro Tennessee e poi la immeritata vittoria di Duke su UCF. Non solo giocate atletiche, ma alcune molto intelligenti. Ecco a voi la quarta Top Ten del torneo.

10) Partiamo con questa penetrazione elegante di Jarrett Culver dove mostra tutte le sue abilità a concludere nel traffico.

 

9) Oregon è una strana cinderella. Ha trovato tardi la quadratura del cerchio e ora è approdata alle Sweet Sixteen dove incontrerà Virginia. Qua, Louis King e Kenny Wooten combinano un alley oop spettacolare.

 

8) L’and one meno famoso della partita di Zion, ma altrettanto bello. Dall’angolo destro, gioca il pick&roll e si coordina in volo, assorbe un contatto e mette dentro un canestro molto complicato.

 

7) Wooten aveva deciso che una giocata in Top Ten non gli bastava. Qua, stoppa la palla proprio nell’ultimo istante possibile prima che diventasse interferenza. Puntuale.

 

6) Justin Robinson è mancato tanto a Virginia Tech durante il mese di febbraio. È tornato appena in tempo per il torneo e contro Liberty mette questo canestro decisivo per portare i suoi alle Sweet Sixteen.

 

5) Disintegrata Oklahoma, Virginia si permette anche il lusso di divertirsi in attacco. Palla recuperata e passaggi dietro la schiena per il canestro di Key.

 

4) Questo è un grande alley oop riuscito a UCF, che però ha pagato sbagliandone uno sanguinosissimo nel finale della partita che poteva dargli il +6. Noi ci accontentiamo di farvi vedere questo.

 

3) Sale sul podio questa combo stoppata+schiacciata di Nassir Little, autore di un torneo fantastico fin qui.

 

2) Mamadi Diakite si è preso il posto da titolare in questa partita contro Oklahoma. Ripaga con questo gioco a due.

 

1)  Chi poteva essere la nostra numero uno se non Zion? Momento decisivo della partita, sotto di tre, solo un giocatore del genere può decidere di attaccare il canestro contro un 2.30, contando sul fatto che il difensore abbassi le braccia e commetta fallo. And one riuscito solo a metà, ma Barrett poi ha salvato la baracca.