Quote by Trae Young, nel nome di Steph

15/06/2018

É stata una delle attrazioni principali della stagione, per le triple da distanza siderale, i pick&roll fulminanti per velocità e rapidità di esecuzione e i passaggi millimetrici per i compagni. Trae Young è stato questo e altro per Oklahoma, che ha vissuto una prima parte di stagione esaltante per poi calare vistosamente, mentre il suo leader è stato continuo, ma non sempre decisivo e trascinante, per tutta la stagione: leader della nazione per punti (27.4), assist (8.7), Usg% (37.1) e Assist% (48.5) e ha ottenuto il premio di Freshman of The Year della Big 12 e un posto nel primo quintetto della conference e nell’All American first team.

 

La somiglianza con Stephen Curry, sia tecnica che fisica, gli ha portato molta pressione e attenzione, ma le prestazioni lo hanno reso un prospetto molto interessante.

Ecco le caratteristiche, punti di forza e di debolezza della point guard di Oklahoma

Questi gli altri scout già pubblicati

DeAndre Ayton, il centro del nuovo millennio

Miles Bridges, il panzer volante

Wendell Carter, il big in ombra

Robert Williams, chi ci crede?

Collin Sexton, un toro da scegliere

Jaren Jackson Jr, la grande scommessa

La rarità di Mo Bamba

Mikal Bridges, il prototipo di 3&D

Kevin Knox, il tiratore riluttante

 

TAG: