Quote by Cleveland o Golden State? Vince Kentucky

Appassionati di Nba, sedetevi e fate un profondo respiro perché c’è una cosa che non sapete. Se si dovesse stilare una classifica delle squadre le cui partite vengono guardate da più spettatori, al primo posto non trovereste i Golden State Warriors, che hanno giocato tre finali e vinto due titoli negli scorsi tre campionati, e nemmeno i Cleveland Cavaliers di sua maestà Lebron James, ma una squadra di college basketball: i Kentucky Wildcats.

In generale, scorrendo i dati del 2017, risulta che le università più seguite della Ncaa nel complesso battono le formazioni dei professionisti. Stilando un ipotetico raking che comprenda le squadre più seguite sia della Nba sia del college, nei primi cinque posti si troverebbero ben tre atenei Usa. Dopo Kentucky (che ha una media di 23.461 spettatori a partita), ci sono i Chicago Bulls (21.680), seguiti da Syracuse (21.181), Louisville (20.846) e solo al quinto posto si posizionerebbe Cleveland (20.562).

Syracuse Carrier Dome

Syracuse Carrier Dome, la più grande arena del college basketball con una capienza di oltre 35mila spettatori

Ovviamente i dati assoluti cambiano, perché la stagione Nba è ben più lunga di quella Ncaa, ma di sicuro molti non avrebbero immaginato numeri di questo genere. Restando al college, la stagione 2016-2017 ha un po’ polarizzato i dati, con le squadre più blasonate che hanno confermato o aumentato le loro medie-spettatori e alcune medie piccole che le hanno viste calare. Il dato complessivo mostra una media scesa di circa 100 spettatori a gara, che indica quindi un calo, ma molto contenuto. La scorsa stagione, però, il campionato universitario ha fatto registrare il record di partite giocate: 5.258 contro le 5.225 dell’anno precedente.

Per fornire un altro termine di paragone, la finale di Eurolega è stata seguita nel 2017 da 15.671 spettatori mentre, tra le squadre del massimo campionato europeo, Baskonia, Zalgiris, Fenerbahce e Panathinaikos sono le prime quattro (con medie superiori agli 11mila spettatori), Maccabi e Real Madrid scendono a circa 10mila e poi tutte le altre sono sotto (Milano 8/a con 9.483).

La finale 2017 di Euroleague a Istanbul

Kentucky, Syracuse e Louisville come già detto sono le squadre più seguite della Ncaa con una media sopra i 20mila spettatori a gara. Seguono North Carolina (18.067), Creighton (17.412), Wisconsin (17.286), Maryland (16.628), Kansas (16.395), Indiana (16.363) e North Carolina State (15.906). Le prime tredici squadre del college fanno in media più spettatori di quanti ne abbiano i Denver Nuggets. La centesima formazione, ovvero De Paul University, seguita da 4.922 persone per gara, si posizionerebbe al 14/o posto in Eurolega davanti al Galatasaray.

Guardando invece le squadre che hanno maggiormente incrementato la loro media-spettatori, al primo posto c’è Missouri, il che è un po’ strano se si considera che i Tigers hanno chiuso la stagione con un record di 8-24 (l’anno precedente 10-21) e in effetti il cambio si deve solo a un nuovo modo di conteggiare le presenze nel palazzetto. Il vero primo posto per incremento spetta a UCLA, dove l’effetto Lonzo Ball si è fatto sentire. I Bruins hanno registrato 11.182 presenze per match, ma c’è da dire che venivano dal record negativo dell’università (8.073). Anche Oklahoma State ha fatto un bel balzo (circa 2.500 spettatori in più di media) e il college spera di non pagar caro la partenza di coach Brad Underwood che in un solo anno aveva portato entusiasmo in casa Cowboys.

Clicca qui per leggere il documento in versione integrale sulla stagione Ncaa 2016-2017