Quote by I re degli assist dell’Nba

24/01/2020

L’assist rappresenta la genialità. Certo, non tutti gli assist sono frutto di una super giocata, ma spesso sono illuminanti. Nella storia dell’Nba ci sono stati molti grandi passatori. Giocatori con un’inventiva fuori dal comune e con una sensibilità nelle mani in grado di mettere la palla dove volevano.

Questa top ten non sarà meramente numerica, anche se saranno rappresentati i primi 10 giocatori per numero di assist. Ma il numero assoluto non è fondamentale, contano anche la genialità e il momento della partita. Per questo motivo troverete posizioni diverse dalla classifica assoluta.

Ecco i migliori passatori Nba di tutti i tempi.

10 Gary Payton

Grandissimo difensore, Gary Payton è stato uno di quei giocatori che tutti gli allenatori vorrebbero nel proprio roster. Un playmaker forte e diligente in difesa, che riuscì a tenere Michael Jordan sotto i 30 punti per 3 partite consecutive nelle Finals del 1996. Oltre alle doti difensive abbinava una grandissima visione di gioco che lo ha portato a realizzare 8.966 assist.

9 Isiah Thomas

Thomas è un vero e proprio idolo a Detroit. Con i Pistons ha raggiunto, tra il 1987 e il 1991, 5 finali di Conference consecutive, di cui tre vinte. Ha vinto 2 titoli Nba guidando una squadra molto fisica, erano soprannominati “bad boy”, in cui Thomas era l’unica mente. La sua media assist è di 9,3 a partita, che lo porta alla quinta posizione assoluta per assist/game.

8 Oscar Robertson

Con Oscar Robertson si va in un’altra epoca del basket. Playmaker e guardia dall’ottima visione di gioco e con tanti punti nelle mani. Per 7 anni tra il 1961 e il 1969 fu il miglior passatore dell’Nba. La sua seconda stagione statisticamente è strepitosa: 30,8 punti, 11,4 assist e 12,5 rimbalzi a partita. Trasferitosi dai Cincinnati Royals ai Milwaukee Bucks, Robertson trovo un altro All-Star, Kareem Abdul-Jabbar ed insieme portarono i Bucks al primo ed unico titolo della loro storia. Chiamato Mr. tripla doppia, ne ha realizzate ben 181 in carriera, cifra che solo Russell Westbrook potrà forse superare.

 

7 Mark Jackson

Passatore eccezionale Jackson non riuscì mai a trovare continuità. Tanti sono stati i trasferimenti e tante le casacche indossate. Riuscì a raggiungere solo una volta le Finals nel 2000, ma i suoi Pistons furono nettamente battuti dai Lakers di Kobe Bryant e Shaquille O’Neal. Poco per uno che in carriera ha realizzato 10.334 assist.

6 Jason Kidd

Play dalle non eccezionali doti fisiche, ma di gran estro, inventiva e carattere. Nella sua lunga carriera ha fornito ai compagni 12.091 assist (il secondo all time) anche se la media a partita è più bassa di molti altri che in classifica gli sono dietro. Giocatore completo – è quarto All time per triple doppie realizzate – è riuscito a vincere un titolo solo a fine carriera, nel 2011 con i Dallas Mavericks.

5 LeBron James

Chi da giovanissimo lo soprannominò “Il prescelto” forse non aveva esattamente idea di cosa sarebbe diventato LeBron James. Uno dei giocatori più forti di sempre, che riesce a migliorarsi anno dopo anno, che si adatta in base alle qualità di compagni ed avversari. I suoi numeri sono spaventosi e in continuo aggiornamento. Un giocatore unico in grado di giocare in tutti i ruoli, un giocatore che realizza tanti punti e altrettanti ne fa fare ai compagni.

4 Chris Paul

Tra i migliori passatori non si può non annoverare Chris Paul. Giocatore dotato di una grandissima visione di gioco, ha nell’assistenza ai compagni la sua qualità principale. Alla sua visione di gioco aggiunge ottime doti di difensore e grandissima personalità, che lo ha fatto essere leader di tutte le squadre in cui ha giocato, Rockets a parte. La sua carriera volge al termine, ancora priva dell’anello, anche se lentamente si avvicina a quota 10.000 assist, che probabilmente sfonderà.

3 Steve Nash

Steve Nash è la fantasia al potere, spesso fin troppa. Le sue giocate spettacolari, i suoi assist mai banali. Per 5 stagioni è stato il miglior passatore Nba, per 2 volte Mvp della stagione. Non è mai riuscito a vincere un titolo, non andandoci nemmeno vicino. Destino comune di tanti grandi passatori, ma questo non sminuisce il suo immenso talento.

2 John Stockton

E’ stato uno dei migliori playmaker di tutti i tempi. Detiene il record di assist (15.806), la seconda media assist per gara (10,6). E’ stato una bandiera dei Jazz, nei quali ha formato la coppia perfetta con Karl Malone, principale terminale delle sue giocate. Non è mai riuscito a conquistare un titolo Nba nonostante le 5 finali di Conference e le 2 Finals dove i Jazz dovettero inchinarsi a Michael Jordan.

1 Magic Johnson

I noti problemi con l’HIV non gli hanno consentito di avere una carriera lunga quanto gli altri protagonisti di questa top ten. Per questo è solo quinto nella classifica assoluta con 10.141 assist ma, se guardiamo agli assist, per partita le cose cambiano e Magic è in testa con 11,2. Ha rivoluzionato il ruolo di playmaker con i suoi 2,06 metri, quando i play erano, e ancora oggi in parte sono, solitamente i giocatori più bassi del roster. Spettacolare e mai banale, impressi nella memoria degli appassionati sono i suoi  no look e i passaggi dietro la schiena.