Quote by Luke Kennard, Mr Reliable

18/01/2017

It was supposed to be a glory road to success for Duke, but so far, things didn’t work out as expected. Grayson Allen has been tripping people all over the court, players got injured, coach K underwent back surgery and plenty of other disappointments overall. So far, Duke had Luke Kennard and Amile Jefferson to rely on. That is until Jefferson suffered a foot injury against Boston College, the same foot he fractured in 2015, and now Duke can only rely on the Ohio native, who has been playing incredibly well.

Ohio means LeBron James, although Franklin, Kennard’s birth town, is on the opposite side of the state. It is a shadow that cannot be outrun: an Ohio basketball player will be compared to James. That’s even more likely if the late Grantland writes about the “The Ohio’s next great basketball talent”, including footage of the dunk that justifies the take:

 

LeBron’s deep roots in Ohio had the cascading effect of generating interest for the game and uncover plenty of young talents. And that has been a source of pride for James himself, pushing him to work harder on the King James Shooting Stars, the project he started and funded to develop young players. And he had high praises for Kennard in the past. The answer he gave to a journalist on a question about a “kid from Cincinnati” is telling. James knew very well who the journalist was talking about. Better, he had been keeping an eye on the kid for quite some time, since he had included him in his academy and met him personally in 2013.

The Blue Devils guard won the Ohio’s Mr Basketball award twice, in 2014 and 2015, while James won it in three consecutive years from 2001 to 2003. Kennard scored more than James (2,977 points, against 2,646), beating every possible record for his high school and averaging 38.1 points and 9.7 rebounds in his last year.

Kennard di fianco a uno dei cartelli installati nelle strade di Franklin

Suddenly, boards like the one above showed up around the city, and Kennard became another source of pride for Franklin, after the opening of the first recycling plant in 1971. He was supposed to play football, he even had been named Ohio Division II Player of the Year after having 2,331-yard passing and 24 touchdowns. He is a good quarterback with his right hand…

…but when it comes to basketball, it’s all about the left hand.


He was a five-star recruit for coach K., although Brandon Ingram stole the show last year. He had a solid season as a freshman, averaging 11.8 points, 3.6 rebounds and 1.5 assists per game while shooting 88.9% at the free throw line, best Blue Devils freshman in history. He was surrounded by stars, but the he still managed to score in double figures in 21 games, gaining minutes and trust from the coaches. He was a real sixth man, playing 36 games (11 starts). He also had his first career double-double (13 points, 11 rebounds) in a loss against Oregon in the Sweet 16, the last game of the season for Duke. But the real eye-opener was the game against Notre Dame, when he scored 30 points:

 

It looked like he had to keep his role this season, sixth man in a team that could now rely on Giles and Tatum and with Grayson Allen returning. 18 games later, his name is on top of the scoring and minutes played lists: 18th in the nation in offensive efficiency, 20.2 points per game, 44% from behind the arc, 87% at the free-throw line, 5.6 rebounds, 2.5 assists and 1 steal. Not too shabby.

He scored 35 points against Maine in early December and the very next game, on December 7th, at Madison Square Garden, he literally carried the Blue Devils against Florida (together with Amile Jefferson) with 28 points. And he kept it up. 13 points in the first 7 minutes of the game against Georgia Tech, 3-for-3 from the left side, to give Duke a 29-11 lead. The Yellow Jackets, after a huge win against North Carolina days before, were already done. He took it easy for the rest of the game and finished with 16 points, well below the 26.5 points he had been averaging in the previous six games.

 

Both coach K. and his assistant Jeff Capel keep him on the floor as long as possible: 35.4 minutes on average, 40 minutes against Florida State, 39 minutes against Louisville in the last two games played (and lost) by Duke, the #1 team in the ranking that fell to #18. It sure is not Kennard’s fault. The Blue Devils are allowing 34.4 points in the paint, third worst among teams in the major conferences. Duke is also struggling away from the Cameron Indoor, with three losses in as many road games so far.

In a roster as tall and talented as any other, Kennard became the only reliable weapon, scoring less than 10 points in only one of 18 games. He was always considered a lethal shooter, especially on the left side,

 

but it is not wise to give him an opening to attack the paint.

 

He is the one player to count on in a team that has none. Yet, Duke might still make right to the 58 voters who brought the team at the #1 spot in the AP ranking in preseason.

Quote by Luke Kennard, la certezza di Duke

Le cose a Durham vanno un po’ così quest’anno e quella che doveva essere una stagione trionfale sta diventando, giorno dopo giorno, una corsa piena di ostacoli. Tra gli sgambetti di Grayson Allen e infortuni di vario tipo, compresa l’operazione alla schiena a coach K, due sono state le certezze finora per Duke: Luke Kennard e Amile Jefferson. Bene, quest’ultimo nella partita contro Boston College si è rifatto male allo stesso piede fratturato nel 2015 costringendolo a chiudere la sua stagione dopo 9 partite e quindi è rimasto solo il sophomore dall’Ohio. Che sta giocando come nessuno pensava potesse giocare.

Ohio vuol dire Lebron James anche se Franklin, città natale di Kennard, è dalla parte opposta dello stato rispetto ad Akron. Ma se giochi a basket dal 2000 in poi non si scappa, il paragone scatta immediato, soprattutto se sull’ormai defunto Grantland vieni definito ‘The Ohio’s next great basketball talent’. E non può mancare la schiacciata che giustifichi il tutto

Lasciamo stare, ma certo è che dall’avvento del Prescelto, l’Ohio sta diventando il nuovo bacino del basket a stelle e strisce. Questa new age cestistica, più che preoccupare James, sembra invece riempirlo d’orgoglio e negli ultimi tempi lo ha anche spinto ad investire sempre di più nel progetto da lui stesso messo in moto, il King James Shooting Stars. Nei confronti di Kennard hai poi speso tante lodi. Emblematica è stata la sua risposta qualche anno fa alla domanda di un giornalista se conoscesse un certo “kid from Cincinnati” di cui non ricordava bene il nome. “Oh…are you talking about Luke? Sure, he plays in my AAU team. He is good”. Non solo James sapeva benissimo di chi stesse parlando il reporter, ma lo teneva già d’occhio da alcuni anni avendolo inserito nella sua accademia dove si sono conosciuti personalmente nel 2013.

La guardia dei Blue Devils ha vinto per due volte il titolo di Ohio’s Mr Basketball nel 2014 e nel 2015, mentre James per tre anni consecutivi dal 2001 al 2003. Ma Kennard lo ha superato in termini di punti (2.977 contro “soli” 2.646), mettendo a segno record su record presso la sua high school, con l’ultimo anno chiuso a 38.1 punti e 9.7 rimbalzi di media.

Kennard di fianco a uno dei cartelli installati nelle strade di Franklin

Così in città sono comparsi cartelli come quello che vedete qui sopra, e Franklin ha aggiunto un altro motivo d’orgoglio, oltre al primo impianto di riciclaggio al mondo aperto nel 1971. E pensare che era destinato al football e, nel 2013, era stato persino nominato Ohio Division II Offensive Player of the Year dopo aver lanciato per 2.331 yards e 24 touchdown. Un quarterback con una buona mano per il football, la destra…

..mentre per giocare a basket quella forte è la sinistra

Da ‘five star recruit’ è arrivato alla corte di coach K, anche se i riflettori dell’anno scorso sono stati (quasi) tutti per Brandon Ingram. Ma la sua è stata una solidissima stagione da freshman con una media di 11.8 punti, 3.6 rimbalzi e 1.5 assist a partita con l’88.9% ai tiri liberi, miglior matricola per i Blue Davils in questa specialità. Anche con tante stelle attorno, il ragazzo di Franklin se l’è cavata più che bene andando in doppia cifra ben 21 volte , guadagnandosi sempre maggior spazio e fiducia. E’ stato il vero “sesto uomo” di Duke con 36 partite all’attivo di cui 11 da titolare e nelle Sweet 16 contro Oregon, partita che ha messo fine al torneo di Duke, ha realizzato la prima doppia doppia della sua carriera con 13 punti e 11 rimbalzi. Per molti la partita che lo ha di fatto lanciato è stata quella contro Notre Dame nella quale ha segnato 30 punti

 

Quest’anno il suo ruolo sembrava dovesse essere lo stesso, sesto uomo e nulla più, dopo l’arrivo dei vari Giles, Tatum e compagnia e il ritorno inaspettato di Grayson Allen. Invece, dopo 18 partite, nel roster di Duke in cima alle classifiche di punti e minuti giocati c’è il suo nome: 18/o giocatore della nazione per efficienza offensiva con 20.2 punti, tirando con il 44.3% da 3 e il consueto 87% ai liberi, a cui aggiunge 5.6 rimbalzi, 2.5 assist e un recupero. Si è visto di peggio.

Lo scorso 7 dicembre, al Madison Square Garden, contro Florida ha letteralmente trascinato i Blue Devils in tandem con Amile Jefferson con 28 punti, dopo i 35 messi a referto contro Maine qualche giorno prima. In tempi più recenti, prendiamo la partita contro Georgia Tech: 13 punti nei primi 7 minuti, 3/3 da tre dal suo amato lato sinistro del campo, Duke avanti 29-11 e Yellow Jackets reduci dalla grande vittoria contro North Carolina subito spenti e rispediti a casa. Poi ha lasciato giocare gli altri e ha chiuso con ‘soli’ 16 punti, sotto la sua impressionante media di 26.5 nelle sei partite precedenti.

 

Sia coach K che il suo sostituto Jeff Capel di fatto non lo tolgono mai: 35.4 di media in campo, 40′ contro Florida State e 39′ contro Louisville nelle ultime due partite giocate (e perse) da Duke, considerata da tutti la numero 1 incontrastata a inizio stagione e ora sprofondata alla 18 del ranking. Non certo per colpa del ragazzo dell’Ohio, quanto piuttosto per un reparto lunghi che concede 34.4 punti in area, terza peggior squadra delle major conference, a cui va aggiunta la fatica a portare a casa vittorie lontano dal Cameron Indoor: tre trasferte e tre sconfitte finora per i Blue Devils.

In un roster stracolmo di centimetri e talento, Kennard si è ritrovato a essere di fatto l’unica arma costante e sempre efficace, con una sola partita su 18 sotto la doppia cifra. E’ sempre stato considerato un tiratore, letale soprattutto dal lato sinistro del campo

 

ma in realtà nessuno può lasciargli spazio per una penetrazione

 

In sostanza, è la certezza di una squadra che di certezze al momento ne ha ancora poche. Ma che ha tutto il tempo per dare ragione ai 58 votanti (su 65) dell’Ap che l’hanno messa al primo posto nel ranking preseason.

TAG: