Home 9 Focus 9 Mondiali U17: Team USA domina, ma l’MVP è spagnolo

Mondiali U17: Team USA domina, ma l’MVP è spagnolo

Autore: Paolo Mutarelli
Data: 18 Lug, 2022

Non c’è stato scampo. Dopo sei edizioni, i Mondiali U17 non hanno ancora conosciuto altra vincitrice all’infuori di Team Usa. Anche stavolta il gap, specialmente fisico, è stato troppo ampio da colmare per le avversarie. E dire che la finale contro la Spagna è stata molto tirata e che, per la prima volta, l’MVP giocava sì negli USA, ma non era americano.

Con la forza del caos

Si potrebbe dire che Team Usa abbia vinto le partite di questo Mondiale grazie alle seconde linee. Jeremy Fears, Ian Jackson e Cooper Flagg spesso cambiavano l’intensità, la fisicità e la direzione delle partite. Con loro in campo, coach Sharman White disponeva la difesa press con cui spezzava in due l’equilibrio dei primi minuti. A fare un’ottima impressione è stato l’ultimo della lista, Flagg, finito insieme all’altro classe 2005 Koa Peat nel quintetto della competizione.

15enne di 206 cm con un corpo ancora nella fase di crescita, è stato capace di unire un animo da tuttofare ad un’elasticità che l’ha reso un’arma totale in difesa dove sembra essere piuttosto completo, tra il pattugliamento dell’area e letture lontano dalla palla. In attacco ha sfruttato tutto il divario fisico e la sua abilità in transizione per accumulare punti, ma è proprio lì che stanno i margini di crescita più ampi. Andrà alla Montverde Academy l’anno prossimo e ha già dichiarato che Duke è la sua università dei sogni. Tutti hanno visto la prima rubata, ma in pochi hanno visto la tripla stoppata contro l’MVP del torneo, Almansa, per chiudere la finalissima.

Fears, invece, è un playmaker sotto il metro e novanta della classe 2023 che giocherà a Michigan State. É stato un’iniezione di adrenalina dalla panchina: primo passo immarcabile, arresto e tiro dal mid range e un atletismo sottovalutato l’hanno reso uno dei giocatori più decisivi, anche nel parziale di 21-3 che ha deciso la tirata finale contro la Spagna.

In questa spedizione di Team Usa c’era anche il miglior prospetto della classe 2023, ovvero DJ Wagner, conteso tra Louisville e Kentucky. Ambidestro, dotato di un buon floater e di una discreta calma nel gestire un attacco, Wagner ha mostrato altruismo, qualche bella giocata ma nessun lampo incredibile. Non è sempre facile imporsi in un contesto così pieno di talento.

Sempre nella classe 2023, Team Usa poteva contare anche su un corpo adulto come quello di Sean Stewart, prossima recluta di Duke. Un 4 formato bulldozer che ha imposto la sua fisicità in entrambi i lati del campo, mostrando anche una buona mano dal mid-range.

I talenti più puri, però, sembrano essere i più giovani. Insieme a Flagg, è un altro classe 2025 a rubare l’occhio, Koa Peat, nato nel 2007. É uno di quei lunghi estremamente mobili capaci di attaccare con entrambe le mani il canestro. Non brilla per atletismo o verticalità ma ha un buonissimo controllo del corpo che lo aiuta ad arrestarsi in spazi ristretti e a scaricare la palla. Deve lavorare molto sul tiro, poco presente nel suo arsenale offensivo.

Overtime Elite alla ribalta

Togliendo la lente di ingrandimento da Team Usa, anche il resto del mondo ha mostrato giocatori interessanti. Alcuni sono già negli Stati Uniti. Uno di questi è l’MVP, Izan Almansa, lungo della Spagna da Overtime Elite che è andato molto vicino a spezzare l’imbattibilità di Team Usa ai Mondiali U17. Anno di nascita 2005, ma già dotato di un corpo definito (207 cm per 100 chili), Almansa è un lungo che ama giocare negli ultimi metri del campo. Mobile e veloce per contestare i tiri sotto canestro, intelligente nei tagli e nel farsi trovare pronto in attacco dove spesso lucra moltissimi punti in transizione. Le sue caratteristiche migliori però sono altre: il fiuto a rimbalzo offensivo, con la quale aveva pesantemente indirizzato l’inizio della finale contro Team Usa (11.9 rimbalzi di media) e le letture in attacco, dove lo abbiamo giocare di tocco per mandare fuori giri le difese avversarie, molto attente su di lui.

L’altro giocatore di Overtime è Alexandre Sarr, fratello di Olivier passato per Wake Forest e Kentucky. Sarr è un futuro unicorno, un centro per le dimensioni con un gioco da guardia. Tiro da tre, perlopiù usato come esca con cui poi arrivava al ferro, incredibile agilità e un ball handling che lo rende immarcabile in attacco.

Da sottolineare anche il duo dal Real Madrid: lo sloveno e capocannoniere della competizione Jan Vide, guardia di quasi due metri dal tiro sopraffino che ha già ricevuto il paragone con Doncic, e Hugo Gonzalez Pena, ala all-around che ha giocato una grandissima finale. Però nessuno dei tre, compreso Sarr, è entrato nel quintetto finale della competizione: oltre Flagg, Peat e Almansa, sono stati il playmaker tascabile della Spagna Lucas Langarita e la guardia realizzatrice della Francia Ilane Fibleuil a strappare il posto.

Articoli correlati

Nba 2020-21, cosa dobbiamo aspettarci?

Cosa dobbiamo aspettarci dalla stagione Nba 2020-21? Draft, Free Agency, data di inizio e scontro tra giocatori e proprietari

Tutta la NCAA dei Mondiali U19

Team USA e le sue star liceali, il quartetto international di Gonzaga, la coppia del futuro di Virginia: c'è tanto Leggi tutto

U19, Team USA alla conquista del mondo

Passiamo in rassegna i 12 giocatori selezionati da John Calipari per i Mondiali U19 che prendono il via in Egitto Leggi tutto

UNC, Duke, KU, Nova: il borsino delle finaliste
Draft Nba 2022 - Caleb Love

North Carolina, Duke, Kansas, Villanova: sono reduci dalle Final Four 2022 e vogliono tornarci. Vediamo con quali roster e quante Leggi tutto

Abramo Canka a UCLA e le ultime dagli azzurri negli USA

Abramo Canka a UCLA, Niccolò Moretti corteggiato dalle P6: ecco le novità più interessanti che riguardano gli azzurri nel college Leggi tutto