Home 9 Focus 9 #23 Texas Tech | Preseason Top 25 | 2021-22

#23 Texas Tech | Preseason Top 25 | 2021-22

Terrence Shannon Texas Tech
Autore: Riccardo De Angelis
Data: 7 Set, 2021

Roster

RTGIOCATOREPOSCMCLASSEANNOPTSREBAST
A1Mylik Wilson (a Louisiana)PG1912000Jr.12.95.53.2
A2Kevin McCullarSG1982001Jr.10.46.32.1
A3Terrence ShannonSF1982000Jr.12.94.01.4
A4Kevin Obanor (a Oral Roberts)PF2031999Jr.18.79.61.1
A5Marcus Santos-SilvaC2011997Gr.8.36.41.3
B1Bryson Williams (a UTEP)PF2031998Gr.15.17.40.9
B2Davion Warren (a Hampton)SF198-Gr.21.26.33.0
B3Sardaar Calhoun (a Florida State)SG1981999Sr.5.31.40.6
B4Adonis Arms (a Winthrop)SF198-Gr.10.54.71.7
B5K.J. Allen (JUCO)SF198-Jr.---
B6Daniel Batcho (a Arizona)PF2082002R-Fr.---
B7Chibuzo AgboPF201-So.2.00.70.2
B8Clarence NadolnyPG1912000Jr.1.81.10.6

 

La squadra

A Lubbock si volta pagina dopo l’addio con tanti veleni di Chris Beard, ma per ricostruire Texas Tech si è deciso (intelligentemente) di non fare tabula rasa. Il successore è Mark Adams, braccio destro di Beard per tanti anni ed esordiente alquanto particolare, essendo al primo incarico da head coach di una high-major alla tenera età di 65 anni. Nessuno mette in dubbio il suo pedigree di allenatore (è lui infatti la mente dietro la No Middle Defense che ha fatto le fortune dei Red Raiders negli ultimi anni), ma era legittimo chiedersi se fosse in grado di muoversi nelle acque del reclutamento. Beh, almeno in ambito transfer, si è mosso, eccome: dal portal sono arrivati ben sette giocatori di Division I (più K.J. Allen dai JUCO, volto reso celebre da Last Chance U) pronti a contribuire, anche in modo molto significativo.

Atletismo e fisicità in tutti i reparti, ottima positional size fra guardie e ali: ci sono gli uomini adatti all’impianto di trappole e aiuti che contraddistingue la difesa di Texas Tech, la quale sarà ancora una volta il pilastro della squadra (Top 10 su KenPom per tre delle cinque stagioni del tandem Beard-Adams).

In attacco, invece, il cambiamento sarà radicale, o almeno si spera: il coach vuole una squadra da corsa, in grado sfruttare spaziature e blocchi per tradurre immediatamente in canestri i tanti stop che si presume possa produrre. Non c’è scarsità di gente capace di mangiarsi il campo, attaccare il ferro e già abituata a immergersi nei ritmi alti. Inoltre il roster è potenzialmente profondissimo, quindi non si rischia troppo di rimanere col fiato corto. Quel che rimane da vedere – e che sarà cruciale – è quanto tempo impiegheranno i ragazzi per calarsi nei nuovi meccanismi. È probabile che la nuova TT non vi rubi il cuore nella prima metà di stagione, ma Adams e compagnia ispirano fiducia per gli obiettivi di lungo termine.

Coach Mark Adams Texas Tech

Coach Mark Adams

Giocatori in evidenza

Insieme a Kevin McCullar e Marcus Santos-Silva, Terrence Shannon è uno dei tre titolari che ha deciso di non fare le valigie dopo il cambio di guida in panchina. Una grande notizia per Texas Tech, perché il ragazzo di Chicago avrebbe anche potuto ascoltare le sirene del Draft (veniva dato come possibile scelta a metà o fine secondo giro) e sembra sul punto di esplodere.

Migliorato sensibilmente come tiratore (35.7% da tre su 3.0 tentativi a partita da sophomore, molto meglio di quanto fatto da matricola, cioè 25.7% su 1.2), Shannon è estremamente prolifico in area (68.3% al ferro, stando a Hoop-Math) grazie alle sue doti atletiche d’élite. Molto complicato da contenere quando mette palla a terra e raggiunge il canestro a grandi falcate (particolarmente letale quando può andare a sinistra), piazza spesso delle schiacciate fragorose e sa rendersi pericoloso anche in situazioni altre dall’uno-contro-uno frontale.

Fra i tanti transfer arrivati, Kevin Obanor è il più reclamizzato dopo essere stato il coprotagonista della stagione pazzesca di Oral Roberts. Per certi versi, è anche il più importante in attacco: non solo per quel che può produrre, ma anche e soprattutto per via dei vantaggi che può creare. Il già citato Shannon e l’ex Winthrop Adonis Arms sono abbastanza affidabili dalla distanza, ma Obanor e Sardaar Calhoun da FSU sono i soli veri cecchini. L’estrema pericolosità dall’arco dell’ex ORU (46.3% da tre su 4.3 tentativi), capace di colpire in una gran varietà di situazioni, può aprire spazi di vitale importanza per i compagni di una squadra che ha delle discrete mani quadrate fra guardie e ali, ma che abbonda di slasher d’alto livello.

Big 12 Power Ranking

FASCIA 1
1. Texas
2. Kansas
3. Baylor
FASCIA 2
4. Texas Tech
5. Oklahoma State
6. West Virginia
FASCIA 3
7. TCU
8. Oklahoma
9. Kansas State
10. Iowa State

>>> LE SQUADRE DELLA TOP 25 <<<

 

Articoli correlati

Scheyer costruisce la nuova Duke

Jon Scheyer prende transfer e strappa reclutatori a Kentucky. A March Madness parliamo della nuova Duke e dei movimenti nel Leggi tutto

Da Tommy Lloyd a Jabari Smith: i premi dell’anno

Chi sono i candidati principali per i premi di fine stagione? Eccoli in rassegna da Tommy Lloyd a Jabari Smith, Leggi tutto

Da Auburn ad Arizona: il punto sulle Big in vista di marzo

A March Madness parliamo di upset e di big. UConn sorprende 'Nova e da Auburn a Zona facciamo il punto Leggi tutto

Michigan tira male e Juwan Howard tira schiaffi

Juwan Howard becca il 2 più meritato della stagione e aspetta di sapere quale sarà la sua punizione. Le pagelle Leggi tutto

Wyoming se la ride nella Mountain West

Non più solo Ovosodo: ora Wyoming significa anche basket di alto livello. La squadra della MWC e Chet Holmgren sono Leggi tutto