Quote by Baylor troppo forte, strapazza Houston

C’è stata una partita? C’è stata una semifinale? I pochi presenti nell’Indiana giurano di sì, eppure in campo si è vista una squadra sola, Baylor. La gara d’esordio della Final Four 2021 è durata di fatto meno di 10 minuti. A quel punto il punteggio diceva 22-11 e i Bears avevano doppiato gli avversari. Gara finita. Un po’ spiace, perché la sfida tra le due squadre del Texas doveva essere quella più equilibrata. Invece Baylor è risultata indigesta per i Cougars: troppo forte in difesa e inarrestabile in attacco. E’ finita 78-59 e il risultato è quasi generoso.

Punteggio alla mano, Houston ha persino vinto la seconda frazione di gioco (39-33), ma non se n’è accorto nessuno, perché il gap da recuperare all’intervallo era di 25 punti, e i 20 segnati da Houston all’intervallo sono stati la peggior prestazione della loro storia al Torneo. Un record, ma in negativo.

Alla fine i ragazzi di coach Kelvin Sampson hanno terminato tirando col 38.2% dal campo, in media con le altre prestazioni del Torneo. Ma il primo tempo l’hanno chiuso con il 29% e soprattutto dall’altra parte i Bears hanno chiuso con il 52.7%. Troppo forti, troppo facile per loro battere l’avversario già col primo passo. La prossima da affrontare è l’imbattuta Gonzaga, e sarà un match stellare.

Mitchell da record

L’mvp ancora una volta è stato Davion Mitchell, fresco vincitore del titolo di miglior difensore dell’anno, che prima ha fatto venire gli incubi a Quentin Grimes (per lui 13 punti segnati troppo tardi con 1/8 al tiro da 3), poi si è messo sulle tracce di Dejon Jarreau (6 punti e peggior prestazione del Torneo) e, oltre a 12 punti con 3/6 dall’arco, ha distribuito 11 assist con 0 palle perse, unico a registrare una simile prestazione dal 1987. Il primo tempo l’ha chiuso così.

 

Accanto a lui un Jared Butler in versione killer, che ha punito quasi ogni volta che ha potuto (4/5 da 3), anche se la prima vera scossa al match come al solito è arrivata da Matthew Mayer, che è entrato in campo e ha portato energia, canestri e quell’assetto con 4 tiratori sul perimetro che risulta indigesto e quasi indifendibile per tutti.

Rimbalzi? Sì, quelli di Baylor

I Bears hanno finito per prendere più rimbalzi di Houston (33-28) quasi pareggiando la lotta a rimbalzo offensivo, vinta dai Cougars 14-13 ma solo perché nel finale di gara i ragazzi di Scott Drew hanno allentato la morsa sulla gara. Primi sui rimbalzi dinamici, primi sulle palle vaganti, alla fine tra palle perse e protezione del ferro Baylor ha potuto garantirsi punti facili in contropiede o attacchi senza che la difesa di Houston potesse schierarsi

L’unico che si è salvato in casa Houston è stato il sophomore Marcus Sasser, autore di 17 dei 20 punti del primo tempo. E’ merito suo se l’incontro è sembrato un vero match e non una sfida di precampionato tra una squadra professionisti e una dilettanti. Il riassunto migliore lo ha fatto coach Sampson: “Siamo entrati in campo pronti a giocarcela, ma Baylor è la squadra più forte che abbiamo affrontato quest’anno. Anzi, sono la squadra più forte che io abbia mai visto nei sette anni sulla panchina di Houston

Add Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *