Quote by Gonzaga wins the BN Fantasy Tournament

09/04/2017

The moment we have been waiting for is finally here.

It began with the top 64 mid-major teams, determined by BN’s staff. It was obvious from the early on it would have been a balanced tournament. Plenty of teams, as expected during such a long season, struggled for stretches, resulting in unexpected losses. Among these, Rhode Island had an awful start of the season and lost to UT-Arlington. Chattanooga lost in the first round to East Tennesee State.  Marshall rode a great first month to knock out Weber State. William&Mary scored the biggest upset of the season in the first round in a win against Valparaiso, but that was just the beginning.

The second round saw VCU lose to Florida Gulf Coast and Davidson lose to UL-Lafayette. The Sweet 16 showed a much clearer picture, with the top teams now in perfect shape and rolling over weaker competition: Saint Mary’s over Akron, Gonzaga over Fort Wayne, Princeton over FGCU. BYU proved to be among the top teams in the WCC by knocking out LA-Lafayette, while Dayton fell to Monmouth. William&Mary took advantage of an easier match-up and advanced against Marshall.

In the Elite 8, only Gonzaga dominated the game against Ohio, while the other games remained close. Princeton lost to Saint Mary’s. BYU won by a single point over Green Bay, saved by a regular season win against Gonzaga worth 5 extra points. William&Mary, against all odds, knocked out Montmouth to win the last spot in the Final Four.

The final act of the season sees three West Coast Conference teams out of four: Gonzaga, Saint Mary’s and BYU, while William&Mary is part of the Colonial Athletic Association.

Gonzaga – Saint Mary’s 72-60

The first semifinal sees Saint Mary’s lose to Gonzaga. The Gaels were good enough to hold on to the Bulldogs for the whole season, but ultimately pay the gap in rebounding and offensive production, a difference worth 10 of the final 12 points separating the two teams.

Byu – William&Mary 62-59

William&Mary was close to another upset, but BYU survived long enough to grab a 3-point win. The difference in the rebounding, worth 4 points in favor of BYU, was crucial to reach the final. William&Mary has its defense to blame for the loss.

Gonzaga-Byu 86-65

The final showdown between the two WCC opponents, Gonzaga and BYU, is anticlimatic in the Bulldogs dominance, who didn’t really need the 15 bonus points awarded for Gonzaga’s run in the official tournament. The final proof, if it was even necessary, that this program outgrew the competition among mid-majors.

Quote by A Gonzaga il BN Fantasy Tournament

09/04/2017

Dopo aver aspettato per mesi la vincitrice del torneo NCAA, è arrivato il momento di andare a vedere chi ha vinto il nostro fantasy tournament senza precedenti di nessun genere.

Eravamo partiti con 64 squadre, le 64 migliori mid-major secondo la nostra redazione. Già nei primi turni si era capito che questa sarebbe stata una lunga stagione ricca di colpi di scena, con squadre che per un motivo o per un altro sono incappate in un periodo nero e che sono state eliminate in un calendario che ha regalato brutte sorprese a molti. Fra queste troviamo sicuramente Rhode Island che con un’inizio di stagione non proprio esaltante è stata buttata fuori da UT-Arlington, stessa sorte toccata a Chattanoooga che è uscita addirittura al primo turno contro East Tennessee State. Cade anche Weber State contro Marshall che nel primo mese vede il canestro in maniera strepitosa. William&Mary fa forse l’upset più clamoroso battendo al primo turno Valparaiso, e sarà solo l’inizio di un grande torneo.

Al secondo turno cadono altri pezzi grossi come VCU che ferma la sua corsa contro i terribili Eagles di Florida Gulf Coast. Nemmeno Davidson passa bei momenti e contro l’agguerrita UL-Lafayette deve cedere il passo e fermare la sua corsa. Alle Sweet 16 le cose iniziano ad avere un contorno ben delineato con le più forti ormai in forma che passano il turno, Saint Mary’s su Akron, Gonzaga su Fort Wayne che incappa in un brutto mese, Princeton conferma la sua buona forma eliminando Florida Gulf Coast. BYU conferma la superiorità della WCC sulle altre mid major conference buttando fuori LA-Lafayette . Cade anche la #1 Dayton che cede il passo a Monmouth. William&Mary dalla Colonial passa il turno approfittando della malcapitata Marshall.

Elite 8 combattute con la sola Gonzaga che avanza senza soffrire contro Ohio che, complice un finale di stagione poco esaltante nulla può contro il rullo compressore dei Bulldogs, Princeton non riesce ad ostacolare il cammino di Saint Mary’s e dice addio al sogno Final 4. BYU batte di un solo punto Green Bay proprio grazie alla vittoria su Gonzaga nell’ultima di RS che gli vale 5 punti bonus. Ultima squadra ad arrivare alle Final 4 è William&Mary che, contro ogni pronostico, ha la meglio anche su Monmouth.

Arriviamo alle Final 4 con ben 3 squadre rappresentanti la West Coast Conference e cioè Gonzaga, Saint Mary’s e BYU.  L’ultima è la piccola William&Mary proveniente come detto in precedenza dalla Colonial Atlethic Association.

Gonzaga – Saint Mary’s 72-60

La prima semifinale vede Gonzaga battere Saint Mary’s che, pur tenendo il passo dei Bulldogs per tutta la stagione, cede a rimbalzo e nelle parte offensiva del gioco dove paga ben 10 dei punti che la distanziano dalla squadra uscita vincitrice dalla Conference.

Byu – William&Mary 62-59

William&Mary sfiora il colpaccio ma per soli 3 punti deve lasciare strada libera a BYU che, con non poche sofferenze, conferma la sua superiorità. A fare la differenza fra le due squadre è stata senza dubbio la diversa consistenza a rimbalzo che ha visto William&Mary cedere ben 4 punti. Grandi rammarichi per una fase difensiva non all’altezza che porta in dote un solo punto.

Gonzaga-Byu 86-65

La finale vede di fronte le due grandi avversarie della WCC e Gonzaga ha la meglio e porta a casa facilmente una vittoria che era ben chiara fin dalle prima partite della stagione a novembre. I 15 punti bonus guadagnati dai Bulldogs sono ininfluenti ai fini del risultato a manifestazione di una netta superiorità della squadra che nel mondo della Mid-Major ormai centra poco e niente.