Quote by Infortunio per Zion Williamson, stop di due mesi

21/10/2019

Pessime notizie per tutti gli appassionati Nba. L’infortunio di Zion Williamson è più grave del previsto. La prima scelta assoluta al draft dovrà saltare dalle 6 alle 8 settimane, invece delle due che si prospettavano solo qualche giorno fa.

Il centro da dei Pelicans si è sottoposto ad un intervento chirurgico che lo terrà lontano dai campi di gioco almeno fino a metà dicembre. Secondo quanto fatto sapere dalla dirigenza, Williamson si è lacerato il menisco del ginocchio destro.

Un calendario fatto apposta

L’infortunio di Zion è un peccato, perché l’Nba, stilando i calendari, aveva preso atto dell’attenzione mediatica generata dal ragazzo. Per questo l’associazione aveva stabilito che fosse New Orleans a giocare l’opener della stagione contro i campioni in carica di Toronto. Lo scontro tra il gigante ex Duke e una giocatore affermato come Marc Gasol avrebbe sicuramente garantito spettacolo.

Un grande rammarico per Gentry viste le ultime prestazioni in presason del rookie, sembrato già in grado di competere con i migliori lunghi della lega. E un colpo alle speranze playoff di New Orleans, anche perchè il calendario non aiuta.

I Pelicans nelle prime cinque partite giocheranno contro Toronto, Dallas, Houston, Golden State e Denver. Un inizio complicato per Lonzo e compagni, che dovranno cercare di tenere botta per non perdere terreno nell’agguerrito Ovest.

C’è già chi pensa che l’infortunio potrebbe fargli perdere terreno per la corsa al Rookie of the Year, per la quale ai nastri di partenza sembrava non avere concorrenti. Ora, come minimo, il suo esordio in campo sarà rimandato di due mesi.

Sicuramente però questo gap iniziale aggiungerà un po’ di pepe ad una competizione che sembrava scontata. L’infortunio di Williamson peraltro dovrebbe aprire le porte del quintetto a Niccolò Melli, neo arrivato in casa New Orleans, che dopo anni di alto livello in Europa, soprattutto in maglia Fenerbache, si troverebbe ad esordire da titolare nella lega più competitiva al mondo. Melli dovrebbe giocarsi il posto con Jahlil Okafor, altro ex Duke, con Derrick Favors che potrebbe essere schierato come numero 5. Per Williamson invece si dovrà aspettare. come se non ci fosse abbastanza hype.