Home 9 Scheda Torneo 9 #3 Non solo Reid-Waters, Lsu fa sul serio

#3 Non solo Reid-Waters, Lsu fa sul serio

Autore: Raffaele Fante
Data: 18 Mar, 2019

La squadra

Come definire un gruppo campione della regular season della Sec dopo aver vinto tutte, ma proprio tutte le partite in trasferta, di cui 4 in overtime e una di due punti sul campo di Kentucky? Solido sarebbe l’aggettivo giusto, ma fa un po’ strano per la 325/a squadra per esperienza in Division I, con 4 freshman e un sophomore nella sua rotazione. Grande merito a coach Will Wade, anche lui giovanissimo con i suoi 36 anni, anche se il finale di stagione è stato amarissimo: l’università lo ha infatti sospeso a tempo indeterminato dopo che il suo nome è finito nell’inchiesta Fbi sui reclutamenti, che potrebbe anche portare a cancellare il titolo della Sec appena vinto. E’ stato l’ultimo complicato episodio per una squadra che ha iniziato l’anno con il tragico omicidio del junior Wayde Sims ma che non si è mai persa e ha sempre reagito alla grande. Ha funzionato l’asse Tremont Waters-Naz Reid ma c’è stato molto altro nella stagione dei Tigers. I più esperti sono stati fondamentali nei tanti finali punto a punto, dal centro inglese Kavell Bigby-Williams, transfer da Oregon diventato in Lousiana un rim protector da 2 stoppate a partita a Skylar Mays, secondo realizzatore della squadra capace di togliere pressione a Tremont Waters. I freshman si sono tutti e 4 inseriti subito e sono stati molto utili alla causa, a partire da Javonte Smart, l’eroe della vittoria contro Tennessee, prima sospeso anche lui per l’inchiesta Fbi e ora reintegrato. Al torneo della Sec è andata male, ma restano un bruttissimo avversario da incontrare alla Big Dance.

Giocatore chiave

Il gioco passa tutto da lui perchè così vuole coach Wade ed è difficile dargli torto. Tremont Waters raggiunge a fatica i 180cm ma non è la classica guardia razzente, tutta scatti e corse, bensì un floor general che sa variare il ritmo e produrre punti (oltre 15 a partita) in tanti modi, servire i compagni (6 gli assist) e difendere (3 i recuperi, primo nella Sec). Oltre al fisico, il suo limite principale sta nelle palle perse (3.6) perchè spesso deraglia o vede linee di passaggio chiare solo a lui, ma si fa fatica a trovare una PG migliore di lui nella conference.

Will Wade e Tremont Waters - Lsu

Will Wade e Tremont Waters – Lsu

Prospetti

Un lungo di 2.10 che vorrebbe essere una guardia, palleggiando e tirando da fuori area: Naz Reid è uno dei personaggi più singolari di questa stagione di college basket che sarà con molta probabilità l’unica di un giocatore che ha difetti ben visibili, ma potenziale assolutamente da Nba. Gli manca qualche centimetro per essere un nuovo Jordan Bell, ma Emmitt Williams è quel tipo di giocatore e potrebbe anche trovare subito qualche estimatore al piano di sopra.

Pronostico

Squadra da grandi rimonte (vedere video sotto per credere), i Tigers sono quasi sempre riusciti a mettere una pezza ai loro frequenti momenti di amnesia, vincendo praticamente sempre ma ora l’assenza del loro coach non può che pesare. Ma puntare su di loro è comunque una scommessa rischiosa, anche se il rendimento immacolato fuori casa è pregio da non sottovalutare in ottica torneo. Potrebbero superare il primo weekend e, a quel punto, auguri a chi li incontra.

Video

Articoli correlati

Kentucky cammina, le altre big corrono

Se UK ha iniziato piano, Tennessee, Auburn e Lsu sono partite a razzo nella Sec. E non ci sono solo Leggi tutto

Hunter vs Culver, prospetti a confronto

I duellanti da Nba uno contro l'altro nella finale della March Madness. L'analisi di uno scontro che alla fine ha Leggi tutto

Virginia, cambiare per vincere e vincere senza cambiare

Dal trauma UMBC a un successo storico: la vittoria di Virginia cela alcuni significati importanti, dentro e fuori dal campo.

Tiri clutch e virate, la Top Ten delle Final Four

Le giocate più iconiche delle semifinali e quelle più decisive della finale, a partire dalla fantastica tripla per l'overtime. La Leggi tutto

Virginia e Texas Tech, la finale in quattro punti

Una grande redemption story in una finale per molti versi memorabile: a Virginia e Texas Tech non potevamo chiedere un Leggi tutto