Quote by #3 Purdue, l’armata guidata da Edwards

18/03/2019

La squadra

Eseguono alla perfezione, sanno giocare dentro e fuori, hanno una bella batteria di tiratori e hanno una stella conclamata (Carsen Edwards) che all’occorrenza inventa, gioca da solo e paga la cauzione per tutti. La Purdue versione 2018-2019 è l’ennesimo capolavoro di uno dei coach più sottovalutati della Ncaa, ossia Matt Painter che con una squadra “normale” è riuscito a vincere la Big Ten insieme a Michigan State e ad avere il quinto miglior attacco della Ncaa per Kenpom. I giocatori sotto la guida di Painter crescono e passano dall’essere freshman semisconosciuti a giocatori che in quel sistema fanno la differenza. Il motore dell’attacco è Edwards, ma attorno a lui ci sono il lungo olandese Matt Haarms, il tiratore Ryan Cline o l’all-around (incubo difensivo) Nojel Eastern.

Matt Painter e Carsen Edwards

Matt Painter e Carsen Edwards

Giocatori chiave

Carsen Edwards sta giocando una stagione pazzesca, invalutabile dalle cifre, ma se proprio si dovessero mettere lì due numeri staremmo parlando di oltre 23 punti a partita con 10 triple tentate per gara e il 34.1% dall’arco, una percentuale assurda calcolando da dove tira e con che attenzione delle difese avversarie. Quando è on fire è impossibile da fermare. Fondamentale è anche l’apporto del sophomore Nojel Eastern. È il perno della difesa dei Boilermakers, visto che in Ncaa può difendere su 5 ruoli, ma quando va in doppia cifra Purdue ha un record di 9-1.

Nojel Eastern - Purdue

Nojel Eastern – Purdue

Prospetti

Edwards è il classico nano razzente ed essendo un junior non è detto che proverà subito la carta Nba, anche perché essendo alto solo 185 faticherà a trovare spazio, anche se è presumibile farà almeno un giro di prova. Di sicuro un giocatore di quel tipo potrebbe invece fare fortuna in Europa. Eastern invece aveva i fari degli scout Nba puntati su di lui per via del fisico, ma il suo 0/4 stagionale da 3 punti la dice lunga sulla sua attitudine al tiro ed essendo sostanzialmente un’ala questo potrebbe fare la differenza. In ottica Europa da seguire il lungo Haarms.

Pronostico

A volte si accendono e tirano da 3 come degli indemoniati e in quel caso sono una bruttissima gatta da pelare. La squadra potrebbe essere da Elite 8, ma il tallone d’Achille di Purdue degli ultimi anni è stato proprio il Torneo. Probabile che si fermeranno alle Sweet 16.