Quote by #4 Virginia Tech e il 1° turno maledetto

18/03/2019

La squadra

Dalla super prestazione con Purdue in non-conference alla bella affermazione con Duke, il cammino di Virginia Tech è stato fantastico e in linea con quello che ci si aspettava da questa stagione dagli Hokies di coach Buzz Williams. Rispetto all’anno scorso è mancata l’affermazione nel derby contro Virginia, ma rientrare nel novero di quelle quattro squadre ad aver battuto i Blue Devils è comunque risultato non da poco. Peccato solo per un periodo in cui hanno annaspato, causa soprattutto l’infortunio di Justin Robinson.

Giocatori chiave

Justin Robinson è appunto il leader carismatico di VT. Metronomo, cecchino, difensore, senza di lui sono arrivate 7 vittorie e 4 sconfitte. L’ultima contro Florida State, che di fatto è costata il quarto posto in ACC. Senza di lui la squadra ha un altro atteggiamento, meno aggressivo, oltre ad andare in difficoltà nei momenti clou dei match perché non sa a chi affidarsi. Imprescindibile per gli Hokies, e tutti sperano di averlo per il torneo.

Prospetti

Se Robinson è il leader, il prospetto da Nba è il canadese Nickeil Alexander-Walker. Esterno double-face, dagli istinti naturali in difesa e dalla grande crescita in attacco, può ripercorrere le orme del cugino Shai Gilgeous-Alexander. La Nba già lo aspetta da un anno, e lui adesso ci arriverà con una maggiore maturazione che gli potrà soltanto giovare in futuro.

BasketballNcaa - VT - Alexander-Walker

Alexander-Walker, il prospetto degli Hokies

Pronostico

Sono due anni consecutivi che gli Hokies arrivano al torneo ma escono al primo turno. Vincere una sola partita è l’obiettivo, ma da questa Virginia Tech si deve pretendere qualcosa di più. Robinson permettendo.