Quote by Preseason Top 25 – N. 12 – Creighton

> Preseason Top 25 <

La squadra

Caratterizzata da un attacco elettrico con tiratori in abbondanza (38.6% da tre l’anno scorso), Creighton è stata una delle squadre più piacevoli da guardare nella passata stagione. Reduce da un titolo di regular season vinto alla pari con Villanova e Seton Hall, punta al bis nella Big East partendo dalla leadership di Marcus Zegarowski, fra i giocatori più attesi di quest’anno.

Alcuni mesi fa non era raro vedere Creighton in Top 5 nei vari Way-Too-Early. Questo prima che Ty-Shon Alexander decidesse di dichiararsi al Draft. La squadra di Omaha ha perso così in un solo colpo sia il suo leading scorer che il suo miglior difensore (per distacco). Nessuno dubita che i Bluejays possano sostituire la sua produzione offensiva. Greg McDermott è su quella panchina da dieci anni, le sue squadre hanno sempre segnato tanto e per quattro volte si sono piazzate in Top 5 su KenPom per efficienza offensiva (#3 nel 2019-20).

La difesa, però, è tutta un’altra storia. Non c’è più un singolo capace di mettere la museruola al diretto avversario come faceva Alexander. Occorrerà dunque uno sforzo collettivo per far sì che la retroguardia resti su livelli accettabili. Ma chi sono gli interpreti migliori per farlo?

Mitch Ballock Denzel Mahoney Marcus Zegarowski Creighton Photo by Catherine Grosdidier

Mitch Ballock (11.9 punti), Denzel Mahoney (12.0) e Marcus Zegarowski (16.1) sono i tre returning player di Creighton in doppia cifra realizzativa di media (Photo by Catherine Grosdidier)

Posto che il backcourt duo Zegarowski-Ballock è la base di partenza e che Damien Jefferson è importante per versatilità ed esperienza, le risposte dovranno arrivare dalle ali. Nei piani di McDermott c’è la promozione da sesto uomo a starter di Denzel Mahoney, ala tweener che produceva molto in poco tempo l’anno scorso. Sta lavorando per consolidare le qualità da esterno nel proprio repertorio offensivo, ma il suo successo come titolare passerà soprattutto dal tenere a bada giocatori veloci e dinamici. E non è detto che ci riesca.

In alternativa, da questa stagione c’è Antwann Jones, ex Memphis coi connotati dell’energy guy: “Ha un tipo di fisico che non avevamo l’anno scorso. È mobile e può difendere dall’1 al 5, quindi sarà importante difensivamente perché saremo capaci di cambiare indipendentemente dalla posizione in cui gioca”, dice il suo compagno Ballock.

In tema di giocatori undersize, il centro titolare sarà Christian Bishop, chissà però se Jacob Epperson, talentuoso ma da sempre piagato da infortuni, non riesca a rosicchiare minuti. Shereef Mitchell sarà il cambio delle guardie e, infine, c’è un tocco europeo interessante – più in prospettiva che al presente – con Rati Andronikashvili e Modestas Kancleris. [EDIT: addio tocco europeo, perché i due freshmen hanno rimediato infortuni seri che rimanderanno il loro debutto al 2021-22]

Starting Five

G – Marcus Zegarowski – Jr, 1998, 188 cm
G – Mitch Ballock– Sr, 1998, 196 cm
F – Denzel Mahoney – Sr, 1998, 196 cm
F – Damien Jefferson – R-Sr, 1997, 196 cm
F – Christian Bishop – Jr, 1999, 201 cm

Giocatori in evidenza

Marcus Zegarowski (16.1 punti, 5.0 assist, #3 nella nostra Top 10 delle guardie) è il cuore pulsante di una squadra il cui sistema di gioco sembra fatto su misura per lui. Pericoloso tanto in campo aperto quanto contro la difesa schierata, è sia un abile passatore che un tiratore superlativo, uno che non ha bisogno di essere innescato da altri. Dalla distanza ha numeri mostruosi: 42.4% dall’arco su 5.7 tentativi e con appena il 61.3% di conclusioni assistite. La sua forza consiste nel coniugare in maniera naturale l’anima di creatore di gioco con quella di realizzatore, oltretutto massimizzando i propri punti forti. Volete un candidato valido a giocatore dell’anno? Eccolo.

Mitch Ballock (11.9 punti, 3.1 assist) è il primo dei cecchini in una squadra come Creighton, il che già basta a far capire che razza di mira abbia questo mancino venuto dal Kansas. L’anno scorso ha tentato quasi 7 triple a partita, convertendone il 43.5%. Oltre tre quarti dei suoi tiri giungono dall’arco, ma non è un giocatore monodimensionale: ha un buon primo passo e può puntare il canestro (anche se il 54.5% al ferro ne fa per ora una guardia nella media). Vedremo se implementerà queste qualità, ora che le difese si chiuderanno ancora di più su di lui.

Curiosità

Quando si parla di Creighton e di famiglia, viene automatico pensare ai McDermott, ma anche i Zegarowski-Williams contano un bel po’ di cestisti. Marcus infatti ha come fratello maggiore un giocatore NBA ex Syracuse, Michael Carter-Williams, la sorella Masey gioca in D-I a Bryant e il fratello gemello, Max, è in D-II. Entrambi i suoi genitori, Zach e Amanda, giocavano a basket al liceo, e la mamma oggi è un’allenatrice.

La famiglia Zegarowski-Williams

Copertina: Photo by Getty Images

Add Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *