Quote by Verso il Draft 2020 – James Wiseman

James Wiseman - Memphis

James Wiseman

Luogo di nascita: Nashville, Tennessee
Data di nascita: 31 marzo 2001
Altezza: 216 cm
Peso: 107 kg
Ruolo: 5
Squadra: Memphis
Stats: 2019-20: 19.7 PTS, 10.7 REB, 0.3 AST, 3.0 BLK
#3 nel Super Mock Draft NBA

Carriera

James Wiseman è arrivato dove tutti si aspettavano, cioè al Draft, ma con qualche trascorso di cui avrebbe fatto volentieri a meno. A Memphis East High School giocava per Penny Hardaway e così, quando l’ex giocatore è diventato allenatore Ncaa, Wiseman ha deciso di seguirlo ai Tigers. Dopo solo tre partite – tra l’altro giocate molto bene – è stato dichiarato ineleggibile perché Hardaway avrebbe offerto soldi alla famiglia di Wiseman per aiutarli a trasferirsi da Nashville a Memphis. Poco importava alla Ncaa che si trattasse di una somma offerta quando Penny era un booster dell’università e non ancora l’head coach. A quel punto, l’unicorno che parla mandarino si è rifiutato di cercare un compromesso con la Ncaa e si è preparato per conto proprio al Draft di quest’anno.

Punti forti

Atletismo – 2.16 metri di altezza per 2.28 centimetri di wingspan: dal punto di vista fisico, James Wiseman rispecchia perfettamente i canoni del lungo moderno. Stupisce la fluidità che ha nei movimenti e in contropiede corre così naturale da sembrare una gazzella. Il vantaggio atletico è evidente anche a rimbalzo, dove prende palloni fuori portata per molti altri lunghi e all’atterraggio il suo second jump fa la differenza per andare a segnare punti facili.

Capacità di segnare – Se l’atletismo è la prima caratteristica che fa luccicare gli occhi agli scout, il suo potenziale come scorer è un fattore non secondario. La capacità di controllare il corpo in penetrazione, il buon tocco e istinti tecnici nei movimenti non indifferenti lo rendono una minaccia offensiva costante. E il consiglio è quello di non scommettere contro di lui su un futuro come pericolo dal perimetro. Non stupirebbe vederlo tra qualche anno tirare bombe da tre punti.

Difesa del ferro – Al college ha giocato tre partite, ma sono bastate per fare capire il livello col quale Wiseman può proteggere il canestro. Quando si trova in area incute timore a tutti gli avversari, stoppa tutto quel che gli capita a tiro e assorbe i contatti senza troppi problemi.

Punti deboli

Massa muscolare – La fluidità nei movimenti è anche frutto di una struttura abbastanza esile che, al momento, gli permette di non portare in giro per il campo troppo peso. Avrà però bisogno di mettere su muscoli. Questo gli permetterebbe di affrontare con più tranquillità avversari più grossi e non subire troppo né in area né i tagliafuori a rimbalzo.

Consapevolezza difensiva – Wiseman non è un buon difensore dal punto di vista tattico, non ha troppo senso della posizione. Spesso non è a suo agio a cambiare sulle guardie, anche a causa di scivolamenti tutt’altro che veloci. Se imparasse a giocare all’interno di un sistema senza la paura di esporre le proprie lacune, diventerebbe sicuramente un giocatore più completo.

Paragone

Ci sono dubbi sul fatto che un giorno possa rientrare nel novero dei protagonisti assoluti, ma se volessimo volgere lo sguardo alle stelle, possiamo intravedere un Anthony Davis o un Rudy Gobert come best case scenario, a seconda del tipo di piega che prenderà il suo sviluppo individuale sui due lati del campo.

Add Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *