Quote by Nba draft – Mfiondu Kabengele

Il nostro super mock draft

Nato il: 14 – 08 – 1997

Altezza: 208 cm

Peso: 113 kg

Wingspan: 222 cm

College: Florida State

Ruolo: PF/C

Punti di forza: Mfiondu Kabengele è grande, grosso ed efficace. È un big man che sta attirando l’interesse della Nba grazie alla combinazione fisico-atletismo-energia. Strutturalmente è un armadio che corre bene il campo e, nonostante uno stile tutto non rivedere, ha buone percentuali sia dalla media che dalla lunga distanza. In difesa è un rim protector come poche in questo draft, e quando calca il parquet sprigiona grinta ed energia. Ha fatto la differenza per Florida State uscendo dalla panchina. Questo suo essere tanto efficace in poco più di 20′ lo ha fatto emergere come miglior sesto uomo dell’anno. E alle franchigie Nba piace soprattutto questo suo aspetto.

Debolezze: poco dinamico, fatica quando deve districarsi in palleggio nello stretto ed anche nel passaggio non eccelle. Deve ancora maturare nel decision making, proprio perché energico e dunque istintivo più che razionale. Inoltre gioca indossando due grandi ginocchiere, cosa che preoccupa e non poco anche se non lo si può certamente definire un injury prone.

Best case: avete presente Serge Ibaka? Con un pizzico in meno di atletismo, lo si può comparare allo spagnolo.

Worst case: non c’è un vero e proprio giocatore a cui paragonarlo nella cattiva sorte, anche se ci sono tanti lunghi con le sue caratteristiche che hanno fallito il salto tra i pro.

Commento BN: è il tipico giocatore che, grazie alla sua energia e al suo agonismo, quasi ogni allenatore vorrebbe avere nella propria squadra. Difficilmente sarà un futuro campione e probabilmente nemmeno si avvicinerà a diventarlo, ma se traslerà in Nba la sua capacità di essere efficace senza dover giocare per lunghi tratti della gara è una scommessa da fare. E poi è il nipote di Dikembe Mutombo, un bel biglietto da visita.

Link su Kabengele

Mfiondu Kabengele spinge FSU

Kabengele consolida l’ascesa di Florida State

Da Kabengele a Simpson, le star meno famose