Quote by Mannion e compagnia: un italiano, un numero

Dai ritmi sostenutissimi di Nico Mannion fino alle doppie doppie di Gianmarco Arletti, dalla NCAA maschile e femminile fino a junior college e high school: una rapida panoramica sugli italiani negli Stati Uniti fatta di curiosità statistiche.

1.356

I punti per possesso in contropiede di Nico Mannion fra canestri messi da lui e segnati da altri su suoi assist. Fra gli atleti delle high major con una media di possessi paragonabile, Charlie Moore di DePaul è l’unico a fare meglio di lui (1.423).

1.367

I punti per possesso di Davide Moretti nei tiri piazzati. Restringendo il campo a chi ha almeno 3 conclusioni di media a partita, il Moro è 10° in Division I e 2° fra le high major (dietro a Tyrese Haliburton, 1.448).

1

Il numero d’italiani che compaiono nelle proiezioni di KenPom per i vari quintetti all-conference. Si tratta di Alessandro Lever, il quale sta disputando la sua miglior annata sul piano individuale nonostante, la sua, sia anche la peggiore per risultati di squadra (GCU è quarta nella WAC e lontana dal poter rivaleggiare con New Mexico State).

 

43.9%

La percentuale dall’arco di Micheal Anumba, il cui lavoro individuale in offseason gli ha permesso di progredire nettamente rispetto al 28.8% del suo anno da matricola. E intanto la sua Winthrop domina la Big South con un bilancio di 11 vittorie e 0 sconfitte.

41.4%

Anche Erik Czumbel si distingue nel tiro dalla distanza. Il freshman di UTSA tira quasi esclusivamente quando servito coi piedi per terra ma la sua efficienza rimane ragguardevole, specie se si considerano le basse percentuali avute l’anno scorso in Serie A2 (27%).

37.4%

Chiudiamo il trittico dei tiratori con Lorenzo Donadio, che viaggia a quota 20.1 punti di media durante l’anno da senior in high school a Boys’ Latin. Questa è la sua percentuale dall’arco quest’anno con 4.5 tentativi a partita. Davvero non male per qualcuno che due anni fa in Serie B con la Stella Azzurra aveva accumulato un 28.3% su 1.7 tentativi.

 

5

E no, non abbiamo portato bene a Lorela Cubaj e Francesca Pan, perché questa è la striscia di sconfitte consecutive di Georgia Tech registrata a cavallo fra gennaio e febbraio. Striscia che, per fortuna, hanno appena interrotto con una vittoria su Pitt. Le Yellow Jackets sono uscite dal Bracketology di ESPN e sarà vitale fare qualche vittima eccellente nella parte finale della regular season per riaccendere le speranze di March Madness.

11

Le doppie doppie (punti e rimbalzi) di Edoardo Del Cadia, appena rientrato da un infortunio che gli aveva fatto saltare due gare. Al suo secondo anno di junior college, il marchigiano sta mettendo insieme 14.5 punti e 10.0 rimbalzi di media con College of Central Florida.

4

Le doppie doppie – tutte per punti e assist – di Gianmarco Arletti, che l’anno prossimo esordirà in NCAA con Delaware. Il bolognese sta viaggiando a quota 16.3 punti, 5.5 rimbalzi, 6.8 assist e 1.9 recuperi di media nel suo ultimo anno di high school e, nell’ultima gara giocata, ha regalato la vittoria alla sua Holy Cross con un buzzer beater.