Quote by Preseason Top 25 – N. 22 – Oregon

> Preseason Top 25 <

La squadra

Oregon è una delle squadre più difficili da inquadrare. Si presenta da campione in carica della Pac-12, ma paga lo scotto di aver perso il suo leader tecnico e carismatico, ovvero quel Payton Pritchard dato a metà secondo giro nel prossimo Draft. Assieme a lui, hanno salutato anche i senior Shakur Juiston ed Anthony Mathis, il sophomore Francis Okoro ed il freshman CJ Walker.

Dana Altman, dal canto suo, è un coach che ha fama di essere particolarmente capace nel tirare fuori il meglio dai suoi e di modulare l’assetto della squadra in base alle capacità dei singoli. In questa versione dei Ducks ci sono giocatori dotati di atletismo, taglia e fisicità che hanno già assaggiato i parquet Ncaa ma che, per un motivo o per un altro, sono ancora alla ricerca della piena consacrazione. Una ricetta potenzialmente vincente (si può tornare ai livelli di élite difensiva di due anni fa) ma che rischia di lasciare Oregon con una manciata di ragazzi incompiuti e senza un leader a cui affidare i possessi che scottano – a meno che si assista all’esplosione di Will Richardson, il che non è da escludere.

Will Richardson contro Michigan (Photo by Marc-Grégor Campredon / MGoBlog)

Altman si è detto soddisfatto del grado di esperienza e della profondità del roster a disposizione. Infatti, in attesa della recruiting class 2021, i rinforzi più solidi di quest’anno sono arrivati dal mercato dei transfer. Dopo il classico anno di stop, saranno a disposizione un ottimo difensore come Eugene Omoruyi (ex Rutgers) e un’ala con punti nelle mani come Eric Williams (da Duquesne). Amauri Hardy (14.5 punti di media a UNLV) sarà il primo cambio delle guardie, mentre LJ Figueroa (ex St. John’s) potrebbe essere un jolly di lusso (è però ancora in attesa del waiver).

Starting Five

G – Will Richardson, Jr, 1999, 196 cm
G – Chris Duarte, Sr, 1997, 198 cm
F – Eric Williams, R-Jr, 1999, 198 cm
F – Chandler Lawson, So, 2000, 203 cm
C – N’Faly Dante, So, 2001, 211 cm

Giocatori in evidenza

Will Richardson (11.0 punti, 2.3 assist) avrà il compito di raccogliere la pesante eredità di Pritchard nello spot di PG titolare (dimensione che diventa più fluida con Hardy in campo, vista l’interscambiabilità fra i due). L’anno scorso ha tirato col 46.9% al tiro dall’arco: potrebbe risultare decisivo se dovesse riuscire a tenere percentuali simili con un volume di conclusioni maggiore. La sensazione è che tra lui e Duarte, però, possa mancare un po’ di mestiere con la palla in mano.

Chris Duarte (12.9 punti) quest’anno avrà ancora più responsabilità e dovrà farsi trovare pronto sfruttando le buone doti atletiche. Buon scorer e difensore scaltro, l’anno scorso ha stabilito il nuovo record di palle rubate per una gara casalinga dei Ducks (8) oltre ad essere il primo giocatore negli ultimi 21 anni di Division I capace di chiudere ad almeno 30 punti, 11 rimbalzi ed 8 assist una gara di stagione regolare.

N’Faly Dante (5.8 punti in 13.6 minuti) sarà l’ago della bilancia per Oregon. Tormentato dai problemi alle ginocchia durante la scorsa stagione, il centro maliano sembra aver lasciato i guai fisici alle spalle. Dotato di leve lunghissime, rappresenta un fattore nell’area avversaria (80% nelle conclusioni al ferro, per Hoop-Math), dove è capace di unire ottimi movimenti in post ad una mano educata, ed ha il potenziale per essere un vero terrore nella metà campo difensiva (lecito aspettarsi ora qualcosa di più del 5.2 di Blk% registrato l’anno scorso).

Curiosità

Vi ricordate Dedric e K.J. Lawson, compagni di squadra prima a Memphis e poi a Kansas? Bene, loro non sono gli unici in famiglia a passare per il college basketball. Chandler, ora sophomore a Oregon, l’anno prossimo si ritroverà a condividere la stessa casacca col fratellino Johnathan, andando quindi a formare una nuova coppia di fratelli Lawson in D-I. Il papà li spedisce a pacchi di due, evidentemente.

Johnathan e Chandler Lawson nel 2015 con la tuta di Arizona. Alla fine hanno optato per altri lidi nella Pac-12…

 

Copertina: Photo by Soobum Im / USA TODAY Sports

Add Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *