Home 9 Focus 9 Primo turno March Madness, 4 upset su cui puntiamo

Primo turno March Madness, 4 upset su cui puntiamo

Trayce Jackson-Davis Indiana Torneo Ncaa
Autore: Riccardo De Angelis
Data: 17 Mar, 2022

Le prime due giornate della March Madness sono sempre teatro di sorprese: ecco quattro gare in cui intravediamo all’orizzonte la vittoria di una squadra con seed in doppia cifra (abbiamo scelto di lasciare gli incontri 8-9 e 7-10 fuori dal discorso, visto che in quei casi non si può parlare davvero di upset).

 

#5 Saint Mary’s – #12 Indiana

Per KenPom, Saint Mary’s ha il 60% di possibilità di vincere questo incontro e il motivo è molto semplice: i Gaels hanno la nona difesa della Division I per Adj. Efficiency: hanno ben pochi punti deboli nella propria metà campo, sanno come mascherarli e possono mantenere il controllo della partita imponendo ritmi lenti in attacco. Indiana però sembra essere in grado di dare filo da torcere. Gli Hoosiers si presentano all’appuntamento in gran forma: hanno condotto un ottimo torneo di Big Ten (vittorie su Michigan e Illinois e una sconfitta di misura con Iowa, una delle squadre più calde del momento) e appena battuto Wyoming nelle First Four. Trayce Jackson-Davis è un lungo in grado di mettere in grossa difficoltà praticamente qualsiasi pari ruolo. Se adeguatamente spalleggiato dai suoi esterni e servito a dovere, può vincere il duello con Matthias Tass e ribaltare gli equilibri della partita.

Indiana 2022

Trayce Jackson-Davis ha inaugurato la propria March Madness con 29 punti su Wyoming nelle First Four

#4 Providence – #13 South Dakota State

È l’upset che va più di moda fra i compilatori di bracket e non vediamo motivo di andare controcorrente. Vero, Providence si è dimostrata particolarmente abile nel portare a casa finali punto a punto – cosa proprio utile al Torneo NCAA – e la maggiore fisicità che dispone in tutti i reparti può mettere in difficoltà una squadra abituata ai regimi non esattamente rigidissimi della Summit League. South Dakota State però è il tipo di squadra che può scapparti da tutte la parti, sostenere ritmi molto elevati senza commettere errori e, particolare importantissimo, metterti in ginocchio a suon di triple (44.2% dall’arco, prima in tutta la Division I). La chiave però potrebbe giocarsi all’interno: sia il lungo atipico Douglas Wilson di SDSU che l’energumeno Nate Watson dei Friars sono bravi a strappare viaggi in lunetta ma, in difesa, possono incappare in problemi di falli. E in entrambi i casi il discorso vale soprattutto per il primo: il suo rendimento potrebbe essere dunque l’ago della bilancia.

Baylor Scheierman di South Dakota State ha proprio l’aspetto di un eroe da March Madness

#4 Arkansas – #13 Vermont

Un altro allarme-upset che gode di popolarità, anche se qui ci pare più complicato cedere alle suggestioni di una mid-major vincitrice (ma lo facciamo, eccome). Arkansas ha fatto storcere il naso ultimamente, ma ha una stella capace di giornate dominanti con JD Notae, una difesa di comprovata qualità e può tranquillamente sovrastare Vermont sul piano atletico. A questo punto comincia la rassegna di però che rendono la sfida intrigante. Coach John Becker ha un quintetto di soli senior, tante risorse offensive ed efficienza estrema (terza in Division I per eFG%), commette pochi errori in attacco e può giocarsela fino in fondo se dovesse imprimere alla partita un ritmo più compassato di quello preferito dai Razorbacks. Punto più importante di tutti: Arkansas ha, sì, la miglior difesa della SEC, ma ogni tanto concede qualcosa di troppo dall’arco, cosa pericolosa quando dall’altra parte c’è una formazione che prende parecchie triple e che dispone di tre giocatori che viaggiano sopra il 40% da tre.

Da walk-on a protagonista: occhio a Ben Shungu in questa March Madness

#3 Wisconsin – #14 Colgate

Sembra che le sirene dell’allarme upset siano in pochi a sentirle qui – e KenPom segna un netto 76% in favore di Wisconsin – eppure questo è un matchup abbastanza pericoloso, specie nelle condizioni attuali. I Badgers sono in un momento di forma orrendo, reduci da due sconfitte consecutive fra ultima di regular season nella Big Ten e torneo di conference. Il trascinatore Johnny Davis, che aveva subito un brutto colpo contro Nebraska, è apparso tutt’altro che in forma poi con Michigan State (3/19 al tiro). Se sarà di nuovo quello, allora le cose possono farsi assai grigie. Colgate è una mid-major esperta che ha guadagnato l’accesso al Torneo NCAA per tre volte negli ultimi quattro anni, gioca su ritmi pressoché identici a quelli di Wisconsin e ha una batteria pazzesca di tiratori (40.2% da tre di squadra, secondo miglior dato della Division I). I Badgers sono buoni ma non straordinari nelle due metà campo – specie con Davis fuori dall’equazione – e in stagione non hanno quasi mai messo a segno vittorie con scarto in doppia cifra. Alto rischio di finale punto a punto e lì può succedere di tutto.

Articoli correlati

Chi sale e chi scende al Draft dopo la March Madness
Draft Nba

Quali sono i prospetti che hanno beneficiato della March Madness? Un borsino tra chi sale e chi scende in vista Leggi tutto

March Madness donne, South Carolina regina di un’edizione da record
South Carolina campionessa 2022

South Carolina si riprende lo scettro di regina del torneo. Ma tra upset, record e addii tanti sono i momenti Leggi tutto

Kansas vince una March Madness storica

Kansas vince la March Madness mettendo fine a un'edizione storica. I protagonisti, la finale e un tributo a Coach K Leggi tutto

McCormack re di Kansas, Bacot guerriero
David McCormack - Kansas

Kansas può ringraziare David McCormack che è il vero Mvp delle F4, mentre a UNC non basta un grande Armando Leggi tutto

North Carolina elimina Duke e sfida Kansas
North Carolina Duke 2022

Niente storia a lieto fine per coach K, Duke perde ancora contro North Carolina. La finale sarà contro Kansas che Leggi tutto