Quote by Top 25 – N. 18 – Washington

12/10/2019

La squadra

Washington saluta il nucleo che ha dominato la Pac-12 l’anno scorso ma Mike Hopkins, artefice della rinascita del programma, ha sempre tante carte da giocare. Quali? Il marchio di fabbrica della sua zona 2-3 (benché abbia fatto alcuni esperimenti in Italia), due reclute super come Isaiah Stewart e Jaden McDaniels (rispettivamente #3 e #7 della ESPN 100), il transfer di lusso Quade Green, arrivato da Kentucky per prendere in mano la squadra.

Hopkins vuole una UW piena di tiratori ma il backcourt presenta molti interrogativi. Se il waiver di Green non dovesse arrivare, Elijah Hardy diventerebbe la PG titolare nei primi due mesi di stagione. Nahziah Carter dovrà forse adattarsi al nuovo ruolo di SG dopo essere stato il sesto uomo che portava punti e un atletismo sopra la media. Carter potrebbe però anche giocare più minuti da 3 che non da 2 se Marcus Tsohonis dovesse confermare le impressioni ottime destate nel tour estivo.

Nel frontcourt, il talento della coppia McDaniels-Stewart fa dormire sonni tranquilli (al netto dell’inesperienza dei due) anche perché, in uscita dalla panchina, ci sono due upperclassmen affidabili (Hameir Wright, Sam Timmins) e il freshman che più di tutti ha sorpreso Hopkins nelle amichevoli agostane (Nate Roberts).

Starting Five

PG – Quade Green – Jr, 1998, 183 cm
SG – Marcus Tsohonis – Fr, 2000, 191 cm
SF – Nahziah Carter – Jr, 1999, 198 cm
PF – Jaden McDaniels – Fr, 2000, 206 cm
C – Isaiah Stewart – Fr, 2001, 206 cm

Giocatori in evidenza

Isaiah Stewart e Jaden McDaniels saranno i due giocatori di Washington sui quali saranno puntati i riflettori, due talenti cristallini che valgono una chiamata in lottery al Draft. Il primo è un centro con un fisico d’élite per la NCAA (più PF al piano di sopra), ha un’energia incessante e in attacco è una minaccia sia in area che dalla media. Sarà l’ancora della zona di UW e non sorprendetevi di vederlo in doppia-doppia di media. Per qualità tecniche e fisiche, McDaniels è un prototipo di giocatore fra Durant e Ingram, a seconda del tipo di scenario futuro di cui si parla, il che già la dice lunga.

 

Quade Green, bistrattato da Calipari a Kentucky, sarà il vero ago della bilancia degli Huskies: dall’equilibrio tra le sue doti di realizzatore e quelle di passatore dipenderanno le sorti della stagione.

Curiosità

Il coaching staff di Washington è interamente composto da ex giocatori di college (c’è anche Cameron Dollar, head coach di Seattle nell’anno da matricola di Mattia Da Campo e Scott Ulaneo). Solo uno dei quattro in questione ha poi proseguito la carriera fra i professionisti: Will Conroy, autore di una poco fortunata parentesi italiana nella stagione 2007-08 con le maglie di Virtus Bologna e Olimpia Milano.

Partite da seguire nel 2019

8 novembre: vs Baylor
16 novembre: vs Tennessee
8 dicembre: vs Gonzaga
22-25 dicembre: Diamond Head Classic