Quote by Kansas-Baylor, il big match della settimana

Torna il consueto appuntamento con le migliori partite NCAA della settimana. Quattro gare da seguire con attenzione, ognuna per i propri motivi. Su tutte spicca la sfida in vetta alla Big12, con Baylor che può ipotecare il titolo battendo Kansas sabato. Creighton vuole continuare a sognare di vincere la Big East. Gonzaga può festeggiare il titolo con una scoppiettante sfida a BYU. Infine, domenica, interessante test per Ohio State che ospita Maryland: una vittoria metterebbe un punto al momento di difficoltà che si trascina da diverse settimane.

Creighton-Marquette, 18/02

Vittoria importantissima quella di mercoledì scorso per Creighton, che ha rifilato a Seton Hall un 87-82 a domicilio tenendo aperti i discorsi per il primo posto in Big East. A sei partite dal termine della stagione regolare, ora i Bluejays devono cercare di recuperare ai Pirates almeno una delle due gare di ritardo, per potersi giocare il tutto per tutto nello scontro diretto del 7 marzo. In questa ottica, sarà cruciale vedere come se la caveranno contro una Marquette ferita dalla sconfitta punto a punto contro Villanova.
I motivi per seguirla non mancano: due attacchi spettacolari, che tirano tanto e bene da tre, ma anche Markus Howard, che con la canotta dei Golden Eagles viaggia ad oltre 27 punti di media in una clamorosa stagione da senior. Secondo Ken Pomeroy, il nativo di Chandler è secondo solo a Dotson nella corsa al premio di giocatore dell’anno.

Kansas-Baylor, 22/02

La partita di cartello della settimana, e probabilmente anche del mese. La gara dell’11 gennaio ha proiettato Baylor (vittoriosa per 67-55) nel club delle squadre che potrebbero essere ancora in corsa a fine marzo, e questa sorta di rivincita servirà a definire ulteriormente gli equilibri in Big12. I Bears non perdono da 22 partite consecutive e stanno dominando una delle conference più competitive (12-0). Nell’ultima partita hanno mangiato in testa a West Virginia, battuta pochi giorni prima anche da Kansas. Il 70-59 è sicuramente un segnale positivo, ancor di più considerata l’assenza di MaCio Teague, che con Jared Butler è il leader tecnico del quintetto di coach Scott Drew. Per lui problemi al polso, da tenere d’occhio in vista di sabato.

I Jayhawks inseguono in classifica ad una sola partita di distanza, e da inizio anno occupano stabilmente le posizioni di rilievo della Top 25. Gli spartiti preparati da Bill Self sembrano diventare sempre più efficaci man mano che ci si avvicina alla March Madness. Se Devon Dotson (17.9 punti e 4.3 assist di media) è il direttore d’orchestra, Udoka Azubuike è un batterista impazzito che continua a pestare a ritmo di doppie doppie e stoppate. Per arrivare al titolo di Conference a Kansas servirà tutto il loro talento, ma anche gli acuti di comprimari di lusso come Ochai Agbaji e Marcus Garrett.

Azubuike ha questa superiorità fisica

Gonzaga – BYU, 23/02

Altro big match in vista, almeno parlando di spettacolarità: il primo ed il terzo attacco della nazione per Adjusted Rating, uno contro l’altro. Nessuno tira dall’arco con le percentuali dei Cougars (42.1%), ma sarà dura mantenere le stesse medie dovendo correre e difendere al ritmo forsennato di Gonzaga. I Bulldogs hanno praticamente in tasca il titolo della WCC (basta una vittoria nelle ultime quattro per tenere matematicamente dietro proprio BYU), quindi potranno giocare spensierati e far viaggiare il pallone: considerato che per quattro volte in stagione hanno già superato i 100 punti, c’è da mettersi comodi.

Ohio State – Maryland, 23/02

Dopo aver toccato anche la #2 della AP Top25, Ohio State ha vissuto un periodo di netta flessione con l’inizio della regular season, mettendo insieme sei sconfitte in sette partite tra fine dicembre e fine gennaio. Adesso l’umore sembra essere in risalita, complici le buone vittorie ottenute contro Rutgers e Purdue, ed i ragazzi di coach Chris Holtmann sono riusciti quantomeno a pareggiare il record di conference (7-7). In classifica le squadre sono tutte vicine, e contro la capolista Maryland i Buckeyes potrebbero mandare segnali importanti in vista della Selection Sunday. Occhi aperti per la sfida sotto i tabelloni tra Kaleb Wesson e Jalen Smith.