Home 9 Focus 9 Da Garza a Suggs, i premi della stagione Ncaa

Da Garza a Suggs, i premi della stagione Ncaa

Jalen Suggs e Drew Timme
Autore: Manuel Follis
Data: 11 Mar, 2021

I compagni di squadra Jalen Suggs e Drew Timme, il fenomeno Luka Garza e il contender Ayo Dosunmu, I più migliorati, le delusioni. È arrivato il momento della stagione di dare i premi, li hanno assegnati quasi tutte le Conference, pensavate che ci saremmo sottratti al compito? Manco per niente. Ecco qui.

Player of the Year

  1. Luka Garza (Iowa) – Il premio più scontato dell’anno. Sarebbe stato bello fare i fighi, andare controcorrente assegnando il premio a qualcun altro. Ma non avrebbe avuto senso. Semplicemente il più forte e costante.
  2. Jared Butler (Baylor) – Secondo posto perché non è stato costante come Garza. Ma i suoi lampi sono stati abbaglianti. A tratti immarcabile.
  3. Drew Timme (Gonzaga) – Numeri alla mano, il lungo degli Zags è stato il più efficace in un attacco già stellare e pieno di talento.

Freshman of the Year

  1. Cade Cunningham (Oklahoma State) – In tutti i momenti in cui ha deciso di fare la star, è stato LA star. Della squadra e della Ncaa.
  2. Jalen Suggs (Gonzaga) – Talento, potenziale e quel senso di sapere già “controllare” il gioco. Con in più qualche giocata spettacolare.
  3. Hunter Dickinson (Michigan) – La vera sorpresa della stagione, un lungo mancino vecchio stampo, roccioso e costante sotto canestro.

Sesto uomo

  1. Matthew Mayer (Baylor) – Capelli da pazzo, scelte di tiro a volte scriteriate ma anche furore agonistico e tantissimo talento. Un lusso.
  2. Andre Curbelo (Illinois) – Nel finale di stagione è decollato e con lui la squadra. Giochi di prestigio con la palla, non solo assist.
  3. JD Notae (Arkansas) – Entra in campo e sono subito, punti a referto e intensità. In più è diabolico sulle linee di passaggio.

Most Improved Player

  1. Ayo Dosunmu (Illinois) – Un premio doveva vincerlo (e Garza aveva blindato il POY). Sembra il padre di quello dell’anno scorso.
  2. Quentin Grimes (Houston) – Un giocatore perso a Kansas e rinato a Houston. Adesso non è solo tiro. E in più ha una discreta clutchness.
  3. EJ Liddell (Ohio State) – Lungo? Guardia? Ala piccola? Uno dei giocatori più versatili del college. E anche più determinanti.

Defensive Player of the Year

  1. Franz Wagner (Michigan) – Terzo realizzatore di un top team e per questo sottovalutato in difesa, dove per letture e fisico copre 5 posizioni.
  2. Mark Vital (Baylor) – Quasi unico per l’intensità con cui gioca. Un mastino che non si ferma mai. Avere lui in campo è come giocare in 6 vs 5.
  3. Herbert Jones (Alabama) – Sei una PG e ti trovi 1-vs-1 contro Jones convinto di batterlo? Sappi che la tua palla probabilmente finirà in tribuna.

Coach of the Year

  1. Mark Few (Gonzaga) – Stagione regolare da 26 vittorie e zero sconfitte. Coronamento di anni di dominio. La squadra più costante degli ultimi 10 anni.
  2. Isaac Brown (Wichita State) – Chiamato ad allenare sulle macerie di un programma distrutto. Ma ha vinto la AAC davanti a Houston. Chapeau.
  3. Juwan Howard (Michigan) – I Wolverines erano dati undicesimi nella Big Ten dietro a Minnesota o Indiana. Coach Howard sta ancora ridendo.

Allenatore delusione

  1. Bobby Hurley (Arizona State) – Ok gli infortuni, ma non è possibile sprecare tutto quel talento giocando una specie di run & gun senza costrutto.
  2. Richard Pitino (Minnesota) – La squadra è partita benissimo, ma ha chiuso con un record di 4-13. Lo salva giusto l’alibi infortuni.
  3. Penny Hardaway (Memphis) – Voto alto alla capacità di recruiting, basso a quella di creazione di gioco. Questa frase è la stessa da 3 anni.

Squadra delusione

  1. Kentucky – Record 9-15 in stagion, stavolta è rimasta anni luce da fare quel salto che UK di solito compie a febbraio. Ed è boom di vendite di defibrillatori nella Big Blue Nation.
  2. Duke – La speranza è che recuperi dignità in post season. La stagione è stata pessima viste le aspettative. Non sempre i freshmen sono pronti.
  3. Arizona State – Quartultimi nella Pac-12, conference che non è la Big Ten. Da anni (troppi) squadra simbolo dell’incostanza.

Giocatore delusione

  1. Olivier Sarr (Kentucky) – Finito nel marasma che sono stati i Wildcats quest’anno. Peccato perché i mezzi sono lì da vedere.
  2. Nate Reuvers (Wisconsin) – Doveva essere l’anno di Wisconsin e in particolare il suo anno. C’è chi sosteneva fosse da Nba. Sì, ciao core.
  3. Sam Hauser (Virginia) – Attesissimo transfer, per molti candidato a POY della ACC. A tratti invece è sembrato perso (e con lui la squadra).

Articoli correlati

Houston, tutta muscoli e difesa
Houston Cougars March Madness 2021

Quattro lunghi che dominano l'area, una delle PG meno convenzionali della Ncaa e un giocatore che ha ritrovato se stesso. Leggi tutto

Houston domina, trema e poi ringrazia Grimes
Houston Final Four 2021

Oregon State spaventa i Cougars con la difesa 1-3-1, ma Dejon Jarreau e Quentin Grimes riportano Houston alla Final Four Leggi tutto

Midwest – Oregon State cinderella, Houston punisce Boeheim
Oregon State upset Loyola

Loyola Chicago non mette un tiro e passa a Oregon State la palma di cinderella. Houston dà una lezione a Leggi tutto

MM2021 | #2 Houston Cougars
Quentin Grimes March Madness 2021 Houston

Con Kelvin Sampson in panchina. è praticamente automatico ormai che Houston sia sempre fra le migliori squadre della Ncaa.

La seconda vita di Quentin Grimes
Quentin Grimes Houston

Fallita l'esperienza a Kansas, Quentin Grimes è tornato a casa, a Houston, per diventare uno dei migliori giocatori della Division Leggi tutto